mercoledì 13 luglio 2011

Take That Milano 2011: "Sono come sul Cioè!"

E' questa la frase che mi è uscita dalla bocca quando li ho visti sul palco.

Sono cinque anni che vivo a Milano e ancora non avevo messo piede a San Siro.
Il timore di perdermi (ero da sola perché le amiche, quelle che conoscevano tutti i testi, erano lì già da ore) era compreso nel prezzo del biglietto.
Ma non ero sola del tutto, c'erano altre 40.000 zitelle con me. Era facile riconoscerci l'un l'altra dal tram e dall'autobus: siamo quelle che baciavano lo schermo 15 anni fa, solo con qualche ruga in più.
Dopo aver chiesto ad ogni steward da quale stramaledettissima parte dovessi andare per salire all'anello dei figli del porco giuda (il terzo, per intenderci), ho cominciato la mia lenta salita verso i miei idoli. Faticoso sì, ma quando ho finalmente raggiunto sui gomiti la cima davanti agli occhi avevo questo:


E ho pensato 'Vacca boia dove sei, Zitella!'.




Voi gente di città non potete capire cosa può voler dire per una che viene dalla profonda provincia, da un paesello con 17.000 laboriosi abitanti, con un solo negozio di musica, finire in una città come Milano, in uno stadio come San Siro e trovarsi davanti, seppur grandi quanto una puntura di zanzara su un piede, i propri idoli infantili!

Mi sono sentita come se avessi avuto davanti a me i Beatles: un pezzo di storia, la mia storia musicale.


Ve lo confesso, non ho mai avuto una cassetta dei Take That.
I miei non me le facevano acquistare, ero ancora troppo piccola, i deliri adolescenziali che si vedevano in tv erano troppo lontani e io dovevo già combattere settimanalmente per riuscire a vedere Beverly Hills 90210 il giovedì sera e per comprare il Cioè la domenica mattina e onestamente anche di mettere via 1.000 Lire alla volta per comprarmi una cassetta non ne avevo voglia.
Però i loro toraci nudi e glabri sul Cioè me li ricordo.
Mi ricordo che il mondo era diviso tra 'amepiacerobbie' e 'amepiacemark'.
Mi ricordo che facevano cantare solo Gary che oggettivamente sembrava che la mettesse in culo a tutti con la sua voce.
Mi ricordo che Jason sembrava quello che puzzava ed era l'unico di cui sapevo il significato del cognome.
Mi ricordo che Howard sembrava il più sfigato con quelle treccine.
Ricordo che facevano vedere al tg le migliaia di ragazzine schiacciate sulle transenne, con le guance disegnate con la doppia T, con le magliette alzate sull'ombelico, che urlavano e piangevano e tendevano le mani al palco e io pensavo 'a me non succederà mai'.

Come no.

Quando sono usciti ho urlato come se mi stessero ammazzando un parente davanti agli occhi.
Ho tossito per due ore, ma vedere Gary Barlow, NO DICO Gary Barlow su quel megaschermo, con la sua faccia da biondino tedesco in vacanza, che sembrava parlasse A ME... avevo i brividi.

 
Sono partiti in bomba e hanno cantato canzoni del loro nuovo album (ignoro) mentre noi cinque galline, ancora sedute, commentavamo come se li conoscessimo da sempre:
-'Avranno dato da mangiare al Jason? L'ultima volta che l'ho visto pareva che stesse per morire di stenti sul palco'
-'Ma Mark cosa sta facendo? Son vent'anni che saltella manco fosse Mauro Repetto'
-'Bhè però eh.. guarda Gary, s'è mantenuto...bene'
-'Ma guarda sti quattro falliti'.


Mark ci fa cantare l'inno nazionale partendo dalla suoneria di un cellulare (non ve lo dico cosa vuol dire cantare l'Inno a San Siro, non ve lo dico della pelle d'oca e non vi dico che ho pensato 'se avessi avuto 12 anni l'Inno mica l'avrei saputo') e Jason rompe il silenzio chiedendoci 'Where's Robbie?'.

Eh.

Li guardavamo con tenerezza, come se stessimo guardando noi stesse da piccole, con lo stesso sguardo che si ha quando si guarda una foto di classe e si pensa 'mio dio sono così cresciuta? Sono così cambiata?' - 'VENT'ANNI? Ha detto veramente twenty years? SONO COSI' VECCHIA?'

Poi i quattro falliti scompaiono da una botola e a noi 40.000 galline c'è bastato sentire solo la sua voce, ancora dietro il palco, per urlare con tutta la forza che avevamo in corpo:

ROBBIEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE

Il DE - LI -RI - O. 


Ho urlato, ho strattonato la Dani, ho urlato, ho saltato tenendo ferma la borsa, ho alzato le braccia come a Gardaland, ho emesso suoni gutturali che cercavano di assomigliare al testo di 'Let me entertain you' e poi ho urlato ancora.

Robbie era lì, davanti a me, mi guardava dal megaschermo.
Sì ve lo dico, lui cantava alla telecamera ma guardava ME.
MI SORRIDEVA.
Con il sguardo da fattone mi diceva 'SI ZITELLA SONO QUI PER TE'.

Oooh, Robbie, dolce piccolo fattone Robbie.
Quello che sembrava il Piccolo Ribelle del gruppo che poi l'ha messa in culo a tutti quanti.
Che adesso la gente ai concerti ci va perché c'è LUI, per cantare ROCK DJ, per cantare ANGEL.


Che gli altri son quattro derelitti al confronto della sua panza da bira, dei tatuaggi da camionista (anche se ha scritto LOVE sulle nocche), del suo sudore puzzolente e anche se si mette la mano nel pacco (e lì, CIAO... ho strattonato -ancora- la Dani e ho urlato 'GUARDAAAAA DIO BONOOO') e si sdraia sul palco e muove il bacino su e giù... noi andiamo in arresto cardiaco come se non avessimo una dignità, come se negli ultimi vent'anni non avessimo capito la distinzione tra cosa è trash e cosa non lo è.

Noi, adulte nate tra i 70 e gli 80, pensavamo di morire in quel momento.

E lui lo sa, lo sa che noi godiamo tantissimo nel vederlo così.
Perché noi l'abbiamo sempre saputo, dai tempi di 'Everything Changes' che Robbie era quello su cui puntare tutti i nostri cuoricini.
Perché quel faccino carino lì, gli altri non ce l'avevano.
Perché quella faccia da stronzo lì, gli altri non ce l'avevano.
Perché lui aveva i capelli a tendina prima che arrivassero tutti gli altri alla moda dei capelli a tendina.
Perché poi lui ci ha lasciate in lacrime, come tutti gli stronzi.
Ma poi è tornato, ed è tornato da fattone. Ma ci cantava 'She's the one' e 'Angel' e a uno che ti canta canzoni del genere puoi perdonare tutto. Anche che è fattone.
E quando ieri, per il compleanno di Jason (uno di quegli eventi che ci si scriveva sul diario) Gary ha organizzato un brindisi a Robbie per coglionarlo non gli hanno dato il vino.

Ma tanto lui è figo uguale.
Anzi, è figo da sempre, perchè lui è l'unico uomo che riesce a farti sesso anche quando fa la faccia di pirla.



Ha guardato il culo ad ogni singola ballerina presente sul palco.
Ha mimato amplessi.
Ha sculettato e ha intonato 'Bootylicious' delle Destiny's Child e ci ha chiesto se ci piaceva il suo culo.

[Ma son domande da fare?]

Ci ha fatto dire 'Fuck you, Robbie' per mostrarci il dito medio. ('Fuck me, Robbie! Fuck ME!')
Poi ci ha guardate negli occhi, tutte quante, e ci ha detto di pensare ad una persona che non c'è più e di cantare insieme a lui 'Angel'.


Noi urlavamo. Noi, sulla soglia dei 30 anni, urlavamo.
Lui intonava Lou Reed e noi urlavamo.
Lui perdeva il microfono e noi urlavamo.

Per una volta una di quelle ragazzine deliranti che si vedono al telegiornale sono stata io.
E dall'alto del mio terzo anello gli ho lanciato le mie corde vocali, che poco importa se oggi in ufficio mi esprimo a gesti, io lo dovevo. 
Lo dovevo alla me bambina che crede ancora che certe cose non le farà mai.
Perché piccola Zitella dodicenne obesa che sei dentro di me, sì tu piccola scema, hai realizzato uno dei tuoi sogni. Uno di quelli su cui nemmeno te ci puntavi più.

Dopo la parentesi Robbie (Let me entertain you, Rock DJ, Feel, Come Undone, Angel) sono tornati in botta tutti e cinque, sotto la pioggia, quella finta del loro palco e quella vera di Milano e hanno cantato altre canzoni che ignoro.
Noi squinzie ci siamo rimesse sedute (si sa, l'età) e ci siamo mugolate a vicenda 'oh ma la sai? Io non la so'.
Poi, FINALMENTE, il medley dei grandi successi.

Ci veniva da piangere.




Noi cinque galline eravamo in piedi che cantavamo ondeggiando con la mano sul cuore. CON LA MANO SUL CUORE! Tutte e cinque! Come un gruppo di coriste, come se l'età sulla carta d'identità fosse ormai solo un cazzo di numero inutile come la taglia delle scarpe, come la taglia del reggiseno. La nostra età era un dato di fatto inutile ieri. Di quelli assimilati, metabolizzati, di cui non hai -più- vergogna.
Eravamo tutte uguali, molte anche più vecchie di noi.

Erano canzoni che nemmeno io sapevo di ricordare. Che nemmeno sapevo di sapere.
Mi hanno ricordato di frammenti di telegiornali (MTV non c'era care mie, o per lo meno dalle mie parti), ricordo che li vedevo vestiti con delle simil gonne di pvc ballare a decine di metri di altezza su delle piattaforme mobili, ricordo che pensavo 'dio che bella questa canzone'.
D'un tratto quel 'twenty years' che hanno detto all'inizio ha cominciato ad essere più credibile.
E' credibile che siano passati così tanti anni.
Ho davvero già vissuto così tanto e fatto così poco?
Veramente ho già finito le medie?
Ho già fatto anche la patente? E la maturità? E mi sono laureata? HO GIA' FATTO TUTTO QUESTO?

Avevo davanti a me il gruppo che aveva fatto da colonna sonora a tutte le mie fantasie di primi baci, a tutte le mie rivalse adolescenziali mentali. Avevo davanti i MIEI Beatles.

E ballavano come se non fosse passato un giorno dal 1991.
Persino Robbie non mollava un colpo.

Ma di quanti anni fa era sta canzone? E il balletto? Dio quel balletto l'hanno rifatto!

Robbie: 'I cannot believe you bought this!'

E per voi che avete sbagliato tutto, sì, SAPPIATELO: Mark ha cantato 'Babe'.
Lui, con quella vocina da frocio, ha cantato 'Babe'. Quella canzone che ha fatto piangere MILIONI di adolescenti. E ANCHE VOI.

Poi hanno cantato 'Pray', 'Back for Good', 'Never Forget' e nell'ultimo bis 'Relight my fire' che ci ha dato la mazzata finale alle corde vocali.
Non sapevo i testi, volutamente non li ho imparati. 
Volevo essere come a 12 anni, quando l'inglese lo sai per come si legge e non per come si scrive e canti solo i ritornelli, ma quando arrivano ti sputi fuori le budella per quanto urli: 'NEEEEEEEEEEEEEEVER......(foghe ueee iu comin from) NEEEEEEEEEEEEVER (na nanahnaaaah) …....SOOOOOOOOOO (nanannanananah)....OOOOOOH OOOOH OOOOH' - 'RILAIT MA FAIAR.....IOR LOV IZ MA ONLI DISAIAR....RILAIT MA FAIA...COS A NIIIIIIIIDDD IOR LOV TA-DAH'.


Non ho pianto galline mie, ma c'è mancato poco.
Non potevo crederci che erano veramente i Take That. Non potevo crederci che ero veramente io quella che urlava le canzoni che non conosceva in un inglese talmente maccheronico che mi dovrei far ritirare la licenza media.

Cinque grossi e nerboruti tocchi della mia storia erano lì, davanti a me. Forse 200 metri davanti a me, ma erano lì.
Non erano fatti di carta.
Le facce si muovevano, non era un poster immobile, non erano un cartonato.

Esistono.
I Take That esistono.

E la mia adolescenza, adesso, può dichiararsi felicemente conclusa.



39 commenti:

  1. M'hai fatta sganasciare. Cmq, comprendo, cara Zit. Io sono entrata in crisi qualche mese fa, quando ne ho compiuti 25. Ho guardato la mia migliore amica e in sequenza ho detto "cazzo, A., siamo a 25. cazzo. ci siamo laureate. cazzo. andiamo per i 30. cazzo. siamo andate a scuola 20 ANNI FA. cioè 20 ANNI??!! roba che qualche anno fa manco ci pensavo che prima o poi potessi dire cose come "20 anni fa"... roba che Beverly Hills pare lontano anni luce

    RispondiElimina
  2. ...Babe (babe) I'm here again (I'm here again) I tell you I'm here again (babe) where have you been? (where have you been?).....
    Questo e' il miglior post della storia...da ventottenne che ascolta i Muse e i Metallica sono tornata una dodicenne scema che cerca i video dei TT su Tmc2 e guarda con bramosia "Non e' la Rai" sapendo che loro sono ospiti...e Robbie canta con la tuta dell'adidas...
    Elisa
    Grazie Zitella, ti stimo x esserci stata (anche per me...)

    RispondiElimina
  3. favolosa!!! avrei tanto voluta essere lì anch'io, a urlare e fare come una pazza per gli idoli della mia adolescenza (ricordo ancora che mie compagne delle medie andarono al concerto di casalecchio di reno e i miei non mi lasciarono) ... mi sa che stasera mi tiro fuori la videocassetta del live in berlin di non mi ricordo che anno.
    ps: amepiacevamark (ho pure comprato la cassetta che ha fatto come solita - no comment)

    RispondiElimina
  4. Adoro questo post, che emozione leggere delle tue emozioni... e che ghignate mi hai fatto fare!
    Penso che non esista modo migliore per descrivere questo concerto e tutto quello che ha significato.. per me è stato quasi come esserci a leggere il tuo racconto!
    E quanta nostalgia, sono quasi passati 20 anni da quegli anni!
    Complimenti Zitella, ci sai proprio fare con le parole... e anche con la vita,sennò non ti leggeremmo mica!!!

    RispondiElimina
  5. Amica..... grazie! Grazie per avermi fatto rivivere quelle emozioni anche stasera!!!! E' stata una serata GRANDIOSA e sono contenta di aver insistito per farti comprare quel biglietto e averti portata a Zanziro!
    GRAZIEEEE LOVE YOUUUU

    DO WHAT YOU LIKEEEEE NO NEED TO ASK MEEEE
    Faceva proprio cagare... MA LA SAPEVO!!!

    RispondiElimina
  6. oddio quanto avrei voluto esserci, io ai tempi sognavo i loro concerti e avevo la mia migliore amica a Milano che ci andava perche' era una di quelle sculone che non solo stava a Milano (e io 1000km piu' giu'!), ma aveva il babbo che la accompagnava a vedere queste cose perche' eravamo troppo piccole per andarci da sole.
    Mio padre manco al cinema mi portava, qualche anno dopo in un momento di follia per Capodanno mi ha portato a vedere Biagio Antonacci (perche' era gratis e perche' era in citta') e ne abbiamo sentito neanche meta' perche' s'e' stancato e me la son dovuta far bastare.

    Io ero del partito di Robbie XD

    RispondiElimina
  7. Invidia profonda!
    1. perche' VOI eravate alle medie mentre IO ero gia' almeno in seconda superiore. E ricordo ancora i 5 sfigati su 6 maschi nella nostra classe (era un liceo classico..) selezionati per ripetere il succitato balletto ad ogni festa di compleanno. Devo ancora decidere se e' un bel ricordo o no, ci pensero'.
    2. perche' anche io come tutte le zittelle adolescenti sognavo il grande concerto dei miei idoli. Ma Freddie ha deciso di tirare le cuoia quando non avevo ancora il mio primo paio di scarpe coi tacchi.
    3. perche' l'inno d'italia cantato da 40.000 persone a San Siro...

    PS.Zit, ma una milanese come te che dice un toscanissimo 'Dio bono'?!

    RispondiElimina
  8. @Eli tranquilla lei era l'unica delle 5 che era alle medie... noi altre 4 eravamo abbondantemente alle superiori :-DDDDD

    RispondiElimina
  9. fantastico post! mi hai fatto cadere dalla sedia dal ridere!!! ahhhh che ricordi!:-D
    Lara

    RispondiElimina
  10. Grande Zit! che bella serata.
    credi che un evento catartico come questo potrebbe farmi dichiarare la mia adolescenza conclusa?
    ... e grazie per avermi rammentato le lotte per vedere Beverly Hills 90210 ... ho uno strumento nuovo per ricattare mia Madre!

    (nata nel 198x ... perchè i numeri sono relativi)

    RispondiElimina
  11. io ovviamente ero una delle "amepiacerobbie" :) Non posso credere che eri lì...graaaande!! Grazie per questa cronaca dettagliata che ha stretto il cuore a chi come me non c'era, io invece direi che dopo questo l'adolescenza è RICOMINCIATA!!! :)

    RispondiElimina
  12. Quoto in pieno Eli, Freddie è morto quando ero ancora una teenager e non ho mai potuto sentirlo dal vivo! E sì, anche io ero alle superiori e perculavo allegramente la sorellina tredicenne della mia migliore amica che si appiccicava sul diario le foto dei Take That. Però Robbie da solista l' ho sempre seguito e apprezzato, fattone o meno!

    RispondiElimina
  13. No!! Mitica! Cioè Eravamo vicinissime!!!!!:D:D

    RispondiElimina
  14. Io ero una amepiacegary, sono l'unica mi sa. Devo farmi due domande. E la lotta per vedere 90210 era con l'antenna, non con i miei, perché Mediaset (forse ancora Fininvest) sulle montagne non arrivava...gesù, adesso capisco molte cose di me!

    RispondiElimina
  15. c'ero pure io.. anche a me stessi effetti devastanti (però se non avevi le cassette... che te lo dico a fare! anche per me il cioè era proibito MA per loro compravo tutto di nascosto. persino LE FIGURINE... E per i cd risparmiavo mesi e sfidavo i genitori)
    Mi sono emozionata ancheio mio malgrado: vedi un po'te, ci ho fatto la vignetta di oggi: http://cookingmovies.blogspot.com/2011/07/cmon-cmon-cmon-cmon-take-that-and-party.html
    bye

    RispondiElimina
  16. mioddio... perchè non sono venuta? mi sono venute le lacrime solo a leggere il tuo post. Io a Never Forget avrei pianto.

    E io ero amepiacerobbie. Avevo capito.

    RispondiElimina
  17. "può dichiararsi felicemente conclusa."

    meno male, spero anche che si concluda, prima o poi, la tua sindrome da principe azzurro :)
    Per Williams sono d accordo, è bravissimo, spontaneo, piace anche a me anche se non mi attira come a te.

    RispondiElimina
  18. Nel 1995, mio padre, il Mauro, allora quarantaduenne, mi caricò sulla Volvo Polar e mi portò al concerto dei Take That al forum di Assago. Era Aprile.
    Ok, mi fece stare in ultima fila (proprio l'ultima, cioè l'ultima-l'ultima, a duemila metri), ma mi ci portò. Che eroe.
    E non da sola, passò a prendere anche le mie compagne. Eravamo così agitate che alla fine del concerto siamo state anche vittime di una psicosi collettiva e siamo state convinte di averli visti uscire da una porta sul retro.
    Io non lo so se è vera sta cosa.
    Ho dei ricordi confusi.
    Era il mio primo concerto.
    Vecchioni piaceva ai miei, quindi non lo conto.
    Mio padre comunque da allora non si è mai più ripreso. E io urlavo e gli dicevo: "PAPà, GUARDA CHE SONO I NUOVI BIIIIIIIIIITOLS!!!". Di sicuro non si sarebbe mai immaginato che, nonostante la drammatica dipartita di Robbie, nel 2011, cioè... quind... diciasset... BOH un po' di anni dopo ora il conto preciso non so farlo che sono le 4 di mattina... ma cosa dico... non saprei farlo nemmeno alle 4 del pomeriggio, sarebbero stati ancora insieme a cantare per la Zit!
    E poi è inutile che vi illudiate tutte, come la Zit ben sa, c'è solo UNA donna a cui Mark ha dedicato BABE, e cioè A ME, che mi sono fatta anni e anni di filmini in cui lui veniva a prendermi in classe alle scuole medie e me li sono fatti pure all'Università sti filmini sempre ambientati nella classe delle medie e una volta ho pure sognato che mi lasciava il suo numero di telefono (che cominciava con "24" e lo ricordo come se fosse ieri) e l'ho cercato per almeno un'ora prima di realizzare l'amara realtà e Madre è stata lì lì per comprarmi un gatto perché non si sapeva più cosa fare per lenire questo mio dolore.
    Scusa la lunghezza Zit, l'argomento è tocccante.
    Grazie per esserci andata e per avermelo raccontato.

    RispondiElimina
  19. C'ero anche io e mi sono riascoltata nelle tue parole, una ad una come se le avessi scritte io. Aggiungo il panico iniziale quando sono entrati in 4. Dopo la prima canzone in PANICO chiedo alla vicina "Ma Robbie non c'è?". Per fortuna la mia vicina a sua volta aveva chiesto alla vicina che aveva chiesto a una che ne sapeva. Robbie arriva dopo. Pfiu, meno male! Che abbia inizio lo show! Pat.

    RispondiElimina
  20. @Sarinski: Amo. Perchè mi hai fatto venire in mente che ho sognato per decenni che mi venissero a prendere a scuola. E le medie non so perchè ma sono un triennio che segna la formazione personale di tutte le donne.

    RispondiElimina
  21. uonciubak uonciubak15 luglio 2011 14:12

    Il tuo racconto è una favola! Me lo stampo e lo tengo nei ricordi della serata, insieme alle foto scattate e alla maglietta personalizzata con la foto dei culi (che vedo anche tu diligentemente riporti) che ci siamo fatte per l'occasione con le amiche. E' come se lo avessimo scritto tutte noi che eravamo lì questo racconto. Mi riporta a quando con la mia amica-TT d'infanzia aspettavamo che arrivasse un pomeriggio di pioggia per andare in cortile da lei a riprodurre le mossettine del video di Back for Good sotto l'acqua, pre-imparate tutte a memoria.

    RispondiElimina
  22. Oddio avrei pagato qualunque cosa per essere lì e sentirgli cantare Babe!!! Sarei dovuta andare perchè la madre del mio ragazzo aveva i biglietti ed era indecisa, ma poi c'è andata lei =((

    RispondiElimina
  23. questo post è davvero simpatico! brava, complimenti!
    io devo dire che sono un po' più grandicella di te e .. non siamo tutte e 40.000 zitelle però! :) il concerto me lo sono goduta per bene, dal primo anello (madonna ma quanto è ancora + su il terzo??)

    RispondiElimina
  24. Sei una grande, sei riuscita ad esprimere tutti i miei sentimenti, sei riuscita a farmi piangere!!! Non avrei mai creduto fosse possibile realizzare questo sogno ma NOI ERAVAMO LI A SENTIRLI, A VEDERLI ED AMMIRARLI con la faccia inebetita e pensando che era vero, eravamo LI...
    Grazie, grazie, grazie mai espresso quello che io da una settimana mi porto nel cuore e non riesco a spiegare.
    TI AMMIRO E TI STIMO!!!

    RispondiElimina
  25. Ma veramente c'è ancora chi crede che le Zitelle sono le donne non sposate?

    Le Zitelle sono ben altro! Da quando il matrimonio è una discriminante per qualcosa?

    Grazie a tutte le new entry!

    RispondiElimina
  26. esattamente quello che penso io!! 15 anni di attesa...15 anni vedendo le ragazzine svenire davanti a loro....e ora...che non sono più una ragazzina...anche io stavo per svenire! l'euforia di averli davanti tutti e 5, e i ricordi che sono riafforati appena robbie ha cantato il famoso pezzo di never forget: c'mon c'mon everybody everybody....mi hanno fatto rivedere me, con mia sorella, io poco più di 7 anni e lei 12...di fronte alla tv guardando il loro concerto a berlino..e imparando tutti i balletti a memoria...questo mi ha dato la forza di non svenire!

    RispondiElimina
  27. " lui è l'unico uomo che riesce a farti sesso anche quando fa la faccia di pirla."
    sante parole!sante parole! sante parole!!!!
    Adesso aspetto con ansia il prossimo blog: quello sullo scompiglio ormonale che segue la settimana post concerto...al punto che hai talmente tanti estrogeni in circolo che ti tornano i brufoli che avevi a 15 anni...e se non ce li hai mai avuti, compaiono per l'occasione!! GOD BLESS ROB's mother!!

    RispondiElimina
  28. Laura Barlowen19 luglio 2011 21:49

    Mark non ha la voce da frocio XD
    Mark è il migliore u.u non toccatemi il nano malefico!!!
    e comunque io ho 19 anni appena compiuti e sono una thatter da circa 5 anni,ma nonostante ciò,ho pianto..
    ho pianto perchè come hai detto tu quelli davanti a noi non erano i poster,le immagini che abbiamo nelle nostre camere da anni (o almeno per me è così XD),ma erano i Take That in carne e ossa.Gary Barlow che intona Patience,Mark che canta con tutta la vocina,che gli esce da quel suo minuscolo corpo,Kidz,Robbie Williams che fa impazzire tutti con la sua Angels e con Could it be magic,Howard che infiamma i nostri cuori con Never Forget e Jason che non la smette un attimo di ballare...insomma abbiamo visto i Take That,che alla soglia dei 40 anni non smettono mai di sorprendere.Io li amerò fino a che vivrò e non consideratemi una piccola bambinetta cretina,perchè loro per me sono importanti come fossero i miei fratelli maggiori o i miei amici più cari...insomma,sono parte importante della mia vita

    RispondiElimina
  29. uh, e che sono le zitelle? :) donne acide? sarà che ormai sono fuori età per il gergo delle 25enni :)

    RispondiElimina
  30. Una diciannovenne che segue i TT dalla reunion e non li ha vissuti prima mi fa tenerezza :-)

    RispondiElimina
  31. @Magie di Memi: http://www.matiseivista.com/2010/12/i-dieci-comandamenti-della-zitella.html

    RispondiElimina
  32. amepiaceJason..e Howard..e Gary..indescisa per sempre...gli amo!

    RispondiElimina
  33. Ma scusa, c'è qualcosa di meglio dei regali in omaggio allegati a Cioè??? Meravigliosi!

    RispondiElimina
  34. Ma da quanti anni sei in Italia per ricordarteli???? No no.. dì la verità, il Cioè lo prendi ancora, eh? :-)

    RispondiElimina
  35. Jason non puzza, e Mark non ha la voce da frocio :) E non era il concerto di quattro sfigati/falliti (come li hai definiti tu) più Robbie-Williams-il-re-del-pop, bensì quello dei Take That, che sono cinque, tutti belli e bravi ;)

    RispondiElimina
  36. no vabbè io sto a morì perché pari pari a Sarinski sono andata nel 95 al forum di Assago a vederli con mio papà, mia sorella, compagna di mia sorella, sorella della compagna di mia sorella e la loro madre. mio papà ogni tanto spariva e andava a fumare (sigarette, dice, ma sospetto che avrebbe preferito qualcosa di più forte), è ancora sconvolto oggi. mi sarebbe piaciuto assistere al 'ritorno' ma sono in periodo vecchiaia inside e ciabatta facile. grazie quindi per il resoconto, mi sono un po' commossa :)

    RispondiElimina
  37. uuuuuuuuuuhhhhh c'ero anche ioooooooooooooo!!!! che ho 34 anni suonati e sono mark-dipendente!!!!! che serata!!!!

    RispondiElimina
  38. Io c'ero!Io c'ero! Io c'ero!!!! E c'ero anche nel 1995 al forum! SCEMA UGUALE.
    Al "forever mooooooooore" la mia ugola è schizzata direttamente in faccia al mega robottone..perchè AMEPIACEROBBIE :)

    RispondiElimina
  39. Da quando ti ho "scoperta" ho da subito avuto dipendenza dai tuoi post!!!
    C'ero pur io a vedere i TT (lovvo!) anche se sono una zitella sposata che che ha superato i 30, ho lasciato a casa a Firenze il marito e son partita, non potevo mancare, of course!
    Luisa

    RispondiElimina

Condividimi tutta