lunedì 31 gennaio 2011

SAG Awards: Chapeau

Grandi sorprese amiche.
Evidentemente qualcuno a Hollywood legge Ma ti sei vista? perchè ci sono stati dei gran stravolgimenti.
Come già detto la Osbourne non c'era quindi c'è da sperare sia andata sul serio a segarsi le mascelle in qualche clinica per arrivare presentabile agli Oscar.
Non ho trovato nella mia rassegna fotografica della mattina nemmeno quelle due prezzomoline di Olivia Wilde e di Anne Hathaway, quindi niente Armani stavolta.
Partiamo dal basso della classifica con un inaspettato cambiamento:

6 - Helena Bonham Carter


 Total Look - Marc Jacobs


SAG Awards: Ma Non Ce Le Hai Delle Amiche e Puoi Fare Di Meglio

Incredibile, ore 9,43 e io ho già pronta la mia rassegna sui SAG Awards.

Facendo un passo indietro al post precendente: in coda al pezzo ci sono le foto dei miei acquisti. E oggi, dopo 4 cambi d'abito come Milly Carlucci ai tempi d'oro, mi sono messa gli stivaloni da biker-rocker-cistotroppodentro-guardamichesembroKateMoss. E alla fine mi sono vestita quasi esattamente come Venerdì.
Sono lì, pronti a prendere tutti i vostri benevoli giudizi. E abbiate pietà di me, dei miei piedi sanguinanti e delle mie dissonanze.

Tornando invece ad argomenti più importanti, gli Screen Actors Guild Awards si sono tenuti ieri sera a Los Angeles e per la lista dei vincitori andate pure su Google. Purtroppo non conosco tutti i personaggi che si sono avvicendati sul red carpet quindi la mia classifica si limita ai soli attori che ritengo sufficientemente celebri anche qua in Europa.

Partiamo dal peggio, che per una volta non vede la partecipazione della nostra preferita di sempre, cioè Kelly Osbourne. E non perchè sia diventata incredibilmenteuna donna di classe e affascinante cancellandosi i tatuaggi, segandosi le mascelle e ritinteggiandosi i capelli, ma semplicemente perchè... Non c'era.


venerdì 28 gennaio 2011

Dissonanza Cognitiva Post-Decisionale

'Dai ad un uomo un pesce e lo nutrirai un giorno
insegnagli a pescare e te lo levi dai coglioni il week end'.

E' con questa massima che la new entry nel mio ufficio mi ha appena conquistata.
Lo stesso che voleva fortissimamente il Mac perchè senza potrebbe crollare il mondo, mi stava raccontando che domani eccezionalmente non andrà a pescare ma porterà la sua fidanzata a fare shopping.
Shopping.

Sì d'accordo, vi metto le foto. Ma dovete aspettare che torni a casa, nel week end le faccio e le aggiungo a questo post.

Come ho espresso nell'ultimo commento, sono titubante nel farvi vedere gli acquisti perchè io contrariamente a tutte le blogger del cielo e della terra (fatico a definirmi blogger, mi conferisce un'autorità che non sento di avere) sono ancora piuttosto sensibile ai giudizi altrui. E se una di voi SI AZZARDA a dire qualcosa sui miei acquisti andando a minare quelle scarse sicurezze che ho maturato negli anni potreste peggiorare la mia attuale condizione di vittima della dissonanza cognitiva post-decisionale.

giovedì 27 gennaio 2011

Retail Therapy

Ore 12.30 – GLI ALTRI
Scatta una specie di campanella virtuale: tutte le dipendenti della Caserma agguantano la borsa e il cappotto e si dirigono con passo svelto e cadenzato verso la guardiola. Dalle 12.20 una fila di almeno 5 taxi sta aspettando fuori dall'ingresso principale. Destinazione: Quadrilatero.


Ore 12.35 – LA ZITELLA
Sto scrivendo bellamente il mio post su Blair e la dittatrice del Buon Gusto, compiacendomi placidamente di questa definizione che va subito ad essere inserita sul profilo di Blogger.
La Zitella pensa quasi quasi di farne un mantra, un tatuaggio forse. O un brand.
Galleggiando tra una publish confirmation e l'altra si rende conto che sono passate le 12.30: 'Oh cazzo! Ma a che ora era l'appuntamento? Alle 12.30 o alle 12.50? Oddio no no no! Non dirmi che sono partite senza di me!!!'
Prendo il telefono, cerco l'interno 'Sono già partite?' - 'Sono appena uscite' – 'Noooooooooooou!'
Prendo il telefono, cerco il numero di cellulare 'Dove siete?' - 'Siamo fuori che ti aspettiamo, c'è la coda dei taxi muoviti!' - 'ARRIVO! ARRIVO! ARRIVO! ARRIVO!'
Prendo il cappotto, agguanto la Balenciaga (sì cazzo, con sdegno e disprezzo vado dalla concorrenza) e in bilico sulle mie zeppe Zara di 13 cm percorro una 500 m intorno al quartiere, tenendomi con una mano il Borsalino come una dama d'altri tempi. 
Arrivo all'ingresso principale e sono in deficit d'ossigeno.

Ma ce l'ho fatta, sono ancora in tempo.


Dittatrice del Buon Gusto

- Mandavi via in lacrime tutte quelle che mettevano i pantacollant come pantaloni...
- Bhè qualcuno doveva pur farlo. Era per il bene comune. Come lo è il consiglio di toglierti quella cravatta e di farla sparire nelle tasche. Ora.
- Sei la dittatrice maligna del buon gusto, Blair. E comunque questa cravatta era di mio nonno.
- ...Peccato che non gliel'abbiano messa quando l'hanno sepolto.
[Gossip Girl, 4x12]



Elie Saab e Valentino Couture Primavera Estate 2011

Ho guardato la sfilata di Elie Saab (chiiiiiiii? Quello del vestito che ha reso famosa Halle Berry):


almeno tre volte e non sono riuscita a trovare delle uscite brutte al punto di doverle criticare.

mercoledì 26 gennaio 2011

Chanel Couture Primavera Estate 2011

Non voglio far sembrare che vi stia trascurando perchè non è così, in realtà in testa ho tante cose, troppe direi, e sono un filino confusa.

Vorrei parlare di come stanno procedendo le cose nella Caserma e di come le politiche per aumentare il gradimento del management tra i dipendenti siano giorno dopo giorno sempre più bislacche, di come facciano partire la Friends&Family con lo sconto al 70% alla fine dei saldi giusto per regalarci le croste, oppure di come sia tutto un po' cambiato intorno a me nelle ultime due settimane, oppure dell'inizio della settimana couture a Parigi (faremo un bel recap, tanto sono tutti abiti in odore da Oscar), oppure di come ho verificato di persona che certi acquisti portino sfiga.

Si, ci sono degli acquisti che portano sfiga.

Comprare la lingerie.

A me ha sempre portato una sfiga NERA.
Pensavo che la sfiga fosse cheap e si limitasse a Tezenis o Intimissimi invece no, è salita fino al IV piano della Rinascente e si è infilata da Agent Provocateur. Il completino che avevo acquistato al primo giorno di saldi? Rogna.
Ma fosse la prima volta poi... no! E' tradizione ormai.
Mai più una mutanda che non sia di cotone di Tezenis, mai più un completo di pizzo pizzicasedere altrimenti finisce che mi riempio il cassetto di lingerie IMPIEGABILE che indosso la domenica pomeriggio per fare le pulizie.

Ma spostiamo l'attenzione su quello che sta succedendo a Parigi.
Confermo quello che ho detto a proposito di Olivia Wilde: sono convinta che ci sia una precisa strategia di marketing dietro tutto il presenzialismo di cui ci sta facendo omaggio. Oramai ovunque ti giri te la ritrovi davanti. Prima ero in farmacia e credo di averla vista con la coda dell'occhio.

martedì 25 gennaio 2011

And the nominees are...

Dio, lo so che sembra che ne stia facendo una malattia, ma giusto come stavo dicendo oggi a pranzo ai miei colleghi (in questa azienda ogni santo è buono per NON parlare di lavoro, pur di non rovinarmi il pranzo parlerei anche di Ruby Rubacuori) io ho sempre guardato la tv con l'intento di vedere cosa si mettevano le partecipanti femminili.
Dai tempi di Milly Carlucci e di Scommettiamo Che...? (oh, cosa vi devo dire, io sono cresciuta con Frizzi, la Milly, il Maestro Mazza e al massimo Europa Europa con la Gardini) e di quelle gran croste che si metteva (che saranno stati dei gran Mattiolo, così a spanne), fino alla Parodi di Cavalli vestita a Donna Sotto le Stelle (ancora sogno di scendere quella scalinata), fino a tutte le squinziette che hanno calpestato il palcoscenico del Festivalbar (Panicucci Raperonzolo Docet) la curiosità di scoprire cosa indossavano (e sopratutto come stavano messe) è sempre stata la molla che mi ha fatto scattare verso il telecomando. E infatti non c'è da stupirsi se è nato questo blog. Alla fine era lì, sotto i miei occhi.

Tornando agli Oscar, le nomination le trovate integralmente qui.
Ma quelle che interessano a noi sono:

Miglior Attrice
Nicole Kidman
Jennifer Lawrence
Natalie Portman
Michelle Williams
Annette Bening

Miglior Attrice Non Protagonista
Amy Adams
Helena Bonham Carter
Melissa Leo
Hailee Steinfeld
Jacki Weaver


L'Oroscopo della Zitella

'La popstar Katy Perry è famosa non solo per la sua voce ma anche per il suo aspetto fisico. Ecco perché è stato divertente quando suo marito, l’attore e cantante Russell Brand, ha pubblicato su Twitter una sua foto appena alzata dal letto. Senza trucco, il viso di Katy è straordinariamente comune. Non brutto, ma insignificante. In conformità con i presagi astrali, Vergine, ti invito a fare come Russell Brand: rivela la realtà che si nasconde dietro l’affascinante illusione, in te stesso oppure ovunque tu lo ritenga necessario.' [Internazionale]

'….Siamo sempre in attesa di un periodo estivo importante. Ma non bisognerà aspettare l'estate, già da 3 giorni Giove non è più opposto. E questo vuol dire che alcune questioni legali, personali stanno andando a buon fine. Tuttavia questi tre mesi in arrivo sono di sistemazione, più che di grandi notizie e di grandi riscontri.
In amore, qualcuno è ai ferri corti magari non perchè non ci sia sentimento, ma perchè anche le questioni pratiche hanno preso il sopravvento sul resto. Febbraio anche per te sarà migliore.' [Paolo Fox]

A parte che se mio marito/fidanzato/qualcosa postasse su una qualsiasi piattaforma di networking sociale una mia foto da struccata, potrei scagliarlo contro il muro come uno di quei schifosissimi gadget di gel che vendono gli indiani su Corso Vittorio Emanuele, ma mi chiedo quali potrebbero essere le illusioni di cui parla il mio oroscopo.
Ho quasi la sensazione che i due oroscopi stiano parlando di due persone diverse.
O meglio, sempre di me, ma in relazione a due persone diverse.

Curioso.

Incredibile poi, se ascolto l'oroscopo del Capricorno.
Potrei averlo scritto io. Io metto il link, sai mai che a qualcuno che passa di qua possa servire.

giovedì 20 gennaio 2011

'Se vuoi rimanere incinta prima mi devi chiedere il permesso.'

E' quello che mi ha detto poco fa al telefono il mio capo.
Così, per scherzare. [Scherzare un cazzo, comunque].
Gli ho risposto 'Non puoi capire che ridere se tu questa cosa me l'avessi detta ieri'.
Lui 'Perchè?' - 'No niente, non voglio renderti partecipe dei movimenti delle mie ovaie. Non ti preoccupare. Oggi è tutto a posto!'.

E' quindi con piacere che annuncio alla blogosfera che non è ancora arrivato il momento per me di fare shopping da Baby Dior.
Come sempre, il giorno che spendi 15 Euro per un test di gravidanza (ma se ti chiedo UN test di gravidanza perchè mi dai la scatola che ne contiene DUE? Vuoi portarmi sfiga?) è il giorno in cui ti vengono. E' la legge di Murphy applicata alle ovaie.

In questi giorni ho ricevuto un'altra notizia importante: il 28 febbraio mi opero.


mercoledì 19 gennaio 2011

Mamme

Avete presente quando avete un dubbio, una paura, un'ansia che temete perfino a dirla a voce alta?
E poi arriva vostra madre e con un misto di saggezza, saccenza e ingenuità propria delle madri infila le sue domande come un piede di porco nelle vostre sicurezze scardinando la vostra indifferenza e la noncuranza nella quale avevate riposto la vostra paura?

Ecco.

Ma non ce le hai delle amiche: Camille Belle

Se pensavate di aver visto tutto, non avevate visto questo.

Gli anni '90 son tornati.


martedì 18 gennaio 2011

Pelli mature tirate

Non ha ancora trovato delle amiche la Gwyneth.


Golden Globes 2011: Chapeau

Ci siamo ormai, siamo quasi salve.
Tutte le peggio vestite le abbiamo viste, ora dobbiamo solo morire d'invidia per quello che sto per mostrarvi.

Il mio giudizio questa volta procede come un countdown partendo dalla peggiore.
Come vedrete non ho coperto proprio tutte tutte le stronzette del red carpet (seee c'ho una vita), infatti mancano Michelle Williams, Camille Belle, Scarlett Johansson, January Jones e molte altre.
Ho scelto le migliori, le peggiori, le più famose e quelle che aveva senso commentare (sì, ha sempre senso commentare Kelly Osbourne: dimostra l'errore nell'equazione magra=figa).

Partiamo dall'ottavo posto:


Golden Globes 2011: Puoi Fare di Meglio

Buongiorno sciacquette mie, siamo arrivate alla seconda parte della rassegna dei Golden Globes 2011.
La categoria di cui sto per parlarvi l'ho rinominata 'Puoi Fare di Meglio': sono look che, per un motivo o per un altro, non mi hanno convinta del tutto.

Userò la stessa logica di ieri, cioè dalla peggio alla meglio vestita all'interno della propria categoria.
In testa alla classifica troviamo:

lunedì 17 gennaio 2011

Golden Globes 2011: Ma non ce le hai delle amiche?

Si sono tenuti ieri sera i Golden Globes 2011, il primo dei numerosi red carpet di quest'anno.
Come avrete già visto da qualche altra parte ha stravinto The Social Network, il film su Facebook, che di fatto si conferma il favorito per gli Oscar 2011.
Ma noi sciacquette non siamo qua per fare della critica cinematografica, bensì per parlare di argomenti ben più aulici: le mise della serata.
Sono riuscita a raccogliere in fretta e furia il materiale stamattina annotandomi i credits su un foglio nascosto tra i documenti da presentare stamane in riunione.
Per comodità, ho deciso di dividere gli outfit in tre semplici categorie riprendendo i nomi delle mie rubriche più celebri:
- Red Carpet Chapeau 
- Red Carpet Ma non ce le hai delle Amiche 
- Red Carpet Puoi Fare di Meglio. 

Partiamo con quelle che, a mio modesto parere, dovrebbero licenziare il loro stylist seduta stante.
Ho organizzato le immagini come una mia personale classifica dalla peggio alla meglio vestita all'interno della propria categoria.


venerdì 14 gennaio 2011

Stylish Blogger Award a Ma ti sei vista?

In queste giornate così politiche, tese e fin troppo lunghe in ufficio son piccole soddisfazioni quelle che mi piovono in testa (come l'acqua -sporca- dell'inquilino del piano di sopra).
Una delle shampiste che spesso passa di qua mi ha regalato un altro AWARD che si va ad aggiungere ormai alla lunga fila di Telegatti, Golden Globe, Oscar e MTV Music Award che ho sul caminetto.
La simpatica shampista in questione è Miss Marlboro di AccidiosaV che mi regalato l'onore di vincere il Stylish Blogger Award.


Cose che la Ferragni, impegnata a sfilare a testa -troppo- alta per Alberta Ferretti in quel di Firenze, se le sogna! Tiè!

lunedì 10 gennaio 2011

Anno Nuovo, Ufficio Nuovo, Ktsrtjwxhtsprt Vecchi

Mi hanno cambiato d'ufficio.
Dove sto ora i problemi sono i seguenti:
- Il rumore più forte è dato dal soffio dell'aria calda del riscaldamento che in 20 minuti mi ha già asciugato la gola;
- Mi correggo: il rumore più forte è dato dall'autoradio dell'automobilista fermo allo stop qua fuori:
- Al di là della parete di armadi c'è una che sta tossendo talmente forte da farmi pensare che domani sarà già morta di broncopleurite;
- Non c'è un guardaroba per appoggiare il mio cappotto. E proprio oggi che ho messo il cappotto delle grandi occasioni. Ma anche quando metterò i cappotti delle piccole occasioni non saprò dove metterlo;
- L'unico posto per appoggiare il cappotto su un appendino è dall'Altra Parte. Devo percorrere 20 metri di corridoio, uscire, andare alla reception, chiedere la chiave, andare nell'Altra Area e appendere il cappotto in un guardaroba non riscaldato.
- E' arrivato un tipo nuovo. L'unica cosa che avevo chiesto alle risorse umane è stata se sapesse usare excel e la prima cosa che oggi lui ha detto è stata 'sto aspettando il mio Mac'.* 


venerdì 7 gennaio 2011

Serve una mano?

Pare volesse essere una campagna contro il cancro.


La Zitella consiglia: Spettinate Chic

Approfitto delle ultime ore di calma nel mio presto ex ufficio per ricominciare a scrivere il post che è andato perduto poco prima della pubblicazione qualche giorno fa.
Vi ho raccontato più volte dei miei problemi nella gestione della folta chioma di cui dispongo, con conseguente invidia per quelle squinziette che hanno quattro peli incollati messi in croce e che stanno sempre con i capelli sciolti e in ordine.

Io non porto i capelli sciolti da Marzo.

Sono in fase ricrescita (ma chi non lo è?) anche se, in effetti, ho raggiunto ormai le spalle.
La mia specialità che si è raffinata nel tempo è la banana, o come la definiscono le mie amiche, la cofana. Sostanzialmente li raccolgo con le forcine e faccio di tutto affinchè queste non si vedano ma spesso con scarsi risultati. Il risultato che ottengo è un capello raccolto tendenzialmente spettinato, con ciocche che scendono ai lati e un po' di frangetta.
In realtà il mio sogno, oltre a quello di avere dei lunghi e boccolosi capelli castani (ma SENZA riflessi rossi) come quelli della Ferilli (Beato chi s'o fà er sofà) e una carnagione dorata, è quello di riuscire ad ottenere un finish da disordinata chic.

Nel corso degli anni ho raccolto una quantità di foto tutte archiviate in un 'database capelli' da utilizzare all'occorrenza prima di andare dalla parru.
Il trend che ho visto emergere è quello che voglio infatti perseguire, le spettinate chic.


A Natale ho regalato un cellulare

Prima


Dopo

La Zitella tutte le feste si porta via

Manca ancora da dire com'è andato il Capodanno no?
Eravamo rimasti con l'idea di Barbie e Ken che fanno un porno austriaco sulla neve.

Difficile fare la panterona quando poi si indossa questo:


Bisogna specificare però che non ho accettato di buon grado l'idea di trasformarmi nella versione di Bombolo Sulle Nevi e infatti il resto della mia valigia comprendeva anche i tronchetti di Prada così come un abitino rosso tanto natalizio da indossare la sera del 31.

Certo.

giovedì 6 gennaio 2011

Sondaggio


mercoledì 5 gennaio 2011

La Kelly


Si parla di borse, con la mamma:
- No mamma allora ci sarebbe questa in saffiano no?
- E che roba è il saffiano?
- E' un tipo di pellame mamma. Perà la borsa sarebbe un po' rigidina come la Kelly.
- Eh?
 

Ma Fottiti: Blake Lively




La odio.
Ce l'ha fatta.
Per lei ho pure deciso di inaugurare una nuova rubrica denominata 'Ma Fottiti!' che ben si adatta al sentimento di astio misto ad invidia che si prova per un certo tipo di fatti.

Quella zoccola di Blake è stata confermata come nuova testimionial per le borse Mademoiselle di Chanel.

lunedì 3 gennaio 2011

Sunshine Award a Ma ti sei vista?

Amiche è notizia di prima di pranzo che la sottoscritta per la prima volta ha vinto qualcosa dopo il set di asciugamani del supermercato nel 2005.

Asciugamani ottimi per altro.

Una mia assidua lettrice, Mauser di http://georgianagarden.blogspot.com/ ha segnalato questo blog per il Sunshine Award, di cui abbiamo una diapositiva:

Oltre a ringraziare la Mauser per le belle parole della sua mail, vedo che il regolamento di questo premio prevedere che io menzioni altri 12 blog meritevoli a loro volta del Sunshine Award.
Ecco la mia sporca dozzina che vado a pigliare diretta dal mio Bloglovin personale:

Blog di Michela, neo laureata alle prese con il suo futuro;

Blog di una mamma quasi per caso che, come riporta la sua geniale headline, è passata dai Pampero ai Pampers;

Blog di Iaia: padronanza di linguaggio da Accademia della Crusca, umorismo intelligente alla Paolo Bonolis, ultimamente alle prese con una stalker che l'ha scambiata per un'altra;

Gli adolescenti non guardano tutti Amici, lei ne è la prova;

Satira e cinismo umoristico. Porina, aspetta da 8 anni di sposarsi;

Sascha, miscuglio di nazionalità finita in Italia a lavorare a 2 metri e mezzo dalla mia (ex) scrivania. Mi ricorda ogni giorno come ero io quando in quell'ufficio ci lavoravo ancora;

Emily, la prima blogger di successo che non se la tira pur avendo tutti i titoli per farlo;

Blogger che dovrebbe mostrare un po' di più il suo dolce visino (sempre inclinato a destra) e meno quelle modelle troppo fighe per esistere veramente;

Adoro il modo che ha questa blogger di mettere in relazione sempre gli outfit di Chuck e Blair con le vicende che li coinvolgono;

10. http://federicobaccomo.wordpress.com/ ma in realtà non è niente rispetto a questo http://studioillegale.splinder.com/
Quasi un peccato che il Baccomo sia diventato famoso e abbia scritto uno splendido libro (siamo in attesa del secondo), perchè Studio Illegale è stato veramente una perla del web. Inoltre ho avuto modo di conoscerlo (non prima di avermi tirato almeno 3 pacchi) e devo dire che dal vivo è ancora meglio che sul blog;

Anche se graficamente avrebbe bisogno di una sistemata, merita il premio per lo scoop di Scarlett e Ryan divorziandi in anteprima mondiale;

Neonato blog di Alice, assidua e amatissima commentatrice di queste pagine. Forse ancora in fase embrionale, merita attenzione.

Dopo aver quindi regalato a mia volta il Sunshine Award ai 12 di cui sopra, passo ora (ma magari stasera) come regolamento prevede a comunicarlo a ciascuno di loro.

Però amiche, quale migliore occasione di fare sfoggio di un abito da red carpet se non per ritirare un premio?
Ragazze il mio momento è arrivato, ecco cosa vedo sul rail nel mio camerino:

 Valentino Il Grande -  Primavera Estate 2008
Perchè se un red carpet devo calpestare, voglio poter dire 'Indosso un Valentino, per dio!'

 Lanvin - Primavera Estate 2011
Perchè quest'anno è l'anno di Lanvin

Jil Sander - Primavera Estate 2011
Perchè per essere di classe a volte non serve lo strascico

E poi il discorso: preparerei una bozza a casa e poi pregherei dio di assistermi con i congiuntivi.
E poi farei un bell'omaggio al governo come ha fatto Elio Germano, giusto così per essere un po' polemica ed essere censurata dal Tg1.
Ignorerei, come se non fosse mai esistita, la Ferrogna e tutto la fenomenologia delle fashion blogger da foto in camera guardacosamimettooggi.
Spronerei tutti quelli che hanno voglia di scrivere di farlo, di cominciare.
Scrivere è terapeutico e non abbiate paura che qualcuno vi scopra, non state uccidendo nessuno.
I blog possono passare inosservati per anni: scrivere un blog è quasi più sicuro che scrivere in un quaderno. Il quaderno sarà lì dove quelli che vi conoscono potrebbero trovarlo, il blog è sostanzialmente irragiungibile se voi non ne fate menzione da nessuna parte.
Io ho avuto un blog dal 2006 fino all'inizio del 2010. Ci scrivevo per sfogare la tempesta che non sapevo come esprimere a parole. Ha funzionato.
Quel blog l'ha letto il mio medico e poche altre persone. Ora è chiuso, ma non morto.
Nemmeno 6 mesi dopo è nata questa creatura. Di natura, per altro, completamente diversa. Un ammasso di cazzate, di pensieri e di malevoli giudizi. Ma sapete cosa vi dico? Io mi diverto come una pazza a leggere i vostri commenti e a pensare quale sarà il prossimo post!

Immagino che abbiate capito tutti che alla fine questo non è altro che un pretesto per conoscersi e far conoscere un po' i blog in giro per la blogosfera.
Ci sarebbero altri diari personali che meriterebbero la menzione, ma ho scelto questi per, tra le altre, ragioni affettive.
Quale miglior modo di cominciare l'anno se non con la splendida notizia di aver vinto qualcosa, anche solo un lettore in più?

Buon 2011 amiche!

Comunicazione di Servizio:
Nel giro di qualche ora o al massimo di qualche giorno tutte le visite a matiseivista.blogspot.com verranno reindirizzate a www.matiseivista.com che sono sempre io con la sola differenza che ho semplicemente comprato casa.
Nel caso qualcosa dovesse andare storto, vi prego di scrivermi a matiseivista@hotmail.com: io e il mio blackberry saremo felici di risolvere tutte le vostre emergenze!

Condividimi tutta