lunedì 17 settembre 2012

Di Titanic e di camicie di ciniglia fuxia nel 1998

In questi giorni mi hanno fatto pensare al 1998.
Avevo 15 anni.
Ero in seconda superiore.
Avevo dato da poco il mio primo bacio.

Quel giorno, indossavo pantaloni Miss Sixty neri, a zampa di elefante.
Gli anfibi. Quelli tarocchi, non quelli che avevano tutte. I miei si chiamavano Logan. Ma non centravano nulla con Della Valle.
Quasi sicuramente, visto che era una Grande Occasione Mondana, portavo pure la mia camicia di ciniglia fuxia preferita. Quella messa al matrimonio di mio cugino Enrico.

Ero ancora ebbra dalla scorpacciata di Romeo + Juliet uscito forse l'anno prima.
La raccolta di figurine, la raccolta di cartoline (ancora impressa la foto di Lui con un cigno in braccio), la raccolta di locandine, la raccolta di qualsiasi oggetto con impressa la sua faccia (il minipandorino nella scatola di latta, AD ESEMPIO).
Noi, generazione delle nate nei primi anni '80, abbiamo avuto la fortuna di stupirci per effetti speciali quando erano veramente speciali e non all'ordine del giorno.
Non c'era stato Harry Potter, non c'era stato Twilight e nemmeno High School Musical.
Il nostro dio, nel 1998, era solo uno ed era bello, dio com'era bello, pareva che il suo viso fosse stato disegnato direttamente da Giotto, biondo e con la bocca di fragola come diceva un'altra in quel periodo, magro ed efebico come solo certi modelli di Jil Sander ora potrebbero essere.

Il nostro dio, nel 1998, era Leonardo Di Caprio.

E in quell'anno, dio usciva con il film che gli avrebbe cambiato la carriera e a noi, svoltato l'esistenza.

In quel periodo, al telegiornale, impazzavano servizi in cui si raccontava dell'isteria collettiva che seguiva l'uscita del film, delle decine di migliaia di ragazzine ammassate alle prime per poter cogliere solo un battito di ciglia di quel batuffolo di bellezza che era Leonardo.
Dissero che in Italia il record era di una ragazzina che ha visto Titanic 11 volte.
Era impossibile batterla (mi avrebbero rincoglionita di sberle se avessi chiesto di vederlo 11 volte), ma nel mio piccolo l'ho visto 4 volte.

Una nel cinema grande del Capoluogo di Provincia. E tre, al Paesello.

Lui, e i suoi capelli dorati a tendina.
Lui, e quegli occhietti a mandorla.
Lui, e quei lineamenti così dolci, quasi da femmina.

Nel film Jack Dawson s'innamora di Una di Noi.
Essì, Kate Winslet era una buzzicona all'epoca. Una faccia gonfia.
Dicevano che l'avevano scelta per quello. Perché era una buzzicona. Perché così era l'ideale di bellezza ai primi del '900.
Buzzicone con le bracciotte grosse e il doppio mento.
Kate Winslet Una di Noi, adesso che si rivede in alta definizione, adesso che si guarda in 3D, c'ha i brividi.
Kate Winslet, che dall'alto del suo essere stata una Figadomani, ora si guarda in blu ray e gongola perché dimagrita mentre Leonardo a forza di cibarsi di modelle e hot dog MAGARI SI E' LASCIATO UN PO' ANDARE.
Ma che importa, noi lo ameremo sempre, anche quando sarà farcito e grasso come un tacchino al giorno del Ringraziamento.
Lo amerò sempre.

E come si fa a non amarlo quando fa la gara di sputi?
E come si fa a non amarlo quando scarabocchia pesciolini sul pontile?
E come si fa a non amarlo quando si mette lo smoking, quando la guarda con la bava alla bocca, quando tenta il baciamano?
E poi quando ballano come pazzi?
E quando a la ritrae con la collana sul divanetto in pieno durello?
E quando si appannano i vetri della macchina nella quale riescono INSPIEGABILMENTE a fare l'amore?
E quando si baciano sul pontile e lei indossa solo un abito di chiffon e un cappotto DI VELLUTO e fuori ci sono GLI ICEBERG?
E quando lui è ammanettato al palo, quando sfugge agli spari di quello con la faccia da cattivo, quando scappano nell'ascensore, quando saltano in acqua e quando infine
QUELLA VACCA GRASSA DI ROSE NON GLI LASCIA MANCO UNO SPAZIETTO SU QUELLA TRAVE DI LEGNO E LO LASCIA MUORIRE DI FREDDO NELLE GELIDE ACQUE DELL'ATLANTICO.

Ho pianto.
Ma nel mio essere cinicamente materialista ho pianto solo quando la Vecchia Rose, ormai dimagrita e accartocciata su se stessa, getta dalla nave usata dal team che ispeziona il relitto, il Cuore dell'Oceano.
UN DIAMANTE CHE PESA PIU' DI LEI, DAL VALORE DEL PIL DEL KENYA, CHE IN 500 STANNO CERCANDO SU QUELLA NAVE.

Ancora devo capire perché l'ha fatto.
Ma per fortuna, il 14 settembre è uscito il DVD in Blu Ray e anche quello in 3D (LE BRACCIOTTE DI ROSE IN 3D, DIO COME GODO).
E contengono un FINALE ALTERNATIVO.

Capite? Un finale alternativo.
Jake magari non muore! Magari usa Rose come materassino e non muore.

Oppure, ancora meglio, si salvano e raggiungono terra ma finisce in una rivolta sociale come Raffaella Pavone Lanzetti e Gennarino Carunchio (“boddhana! boddhana industriale!”).

E ora scusate, ma ho cose molto importanti da fare, come guardare in HD il doppio mento di Kate Winslet e gongolare della mia misera taglia 44.
Si ringrazia la 20th Century Fox per avermi fatto dono di cotanta roba ma soprattutto ringrazio per il libro con foto inedite che mi darà nuovo materiale con il quale pensare all'immaginaria vita felice che potrei avere con Leonardo se solo fossi una modella di Victoria's Secret.




31 commenti:

  1. Finale alternativo? Voglio SAPERE!! Esigo pesantissimi spoiler. :P
    Dal canto mio, durante la visione di Titanic, piango a fiumi quando muore il Capitano; piccolo vecchiettino barbuto che mi ha sempre ricordato Capitan Findus (o Babbo Natale? Sono indecisa.).

    RispondiElimina
  2. si salvano e raggiungono terra...anche a me è sempre piaciuto pensare ad un finale alternativo! Pare comunque che non siamo le sole: quando ho visto questa foto (http://4.bp.blogspot.com/-PZ0LSHgH3pU/UCNOZ0_I0rI/AAAAAAAACGk/XfAEeITlI7g/s400/Titanic+2+Synopsis+-+Some+years+after+Global+Warming+-+Rose....jpg) ho pensato: "cazzo,sì,ecco!" :) ciau figa domani!! :)

    RispondiElimina
  3. Io ho la vecchia versione del libro, quella del 1998, sarei curiosa di sapere quali foto inedite ci sono... Indipendentemente da questo furono probabilmente le 29.500 lire meglio spese della mia gioventù.
    Ora vado a scandagliare la rete alla ricerca di informazioni sul finale alternativo,

    RispondiElimina
  4. un finale alternativo??????? lo devo vedereeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!io che ci ho sempre pianto come una bambina!che c'è stato un periodo della mia vita da studentessa delle medie che lo guardavo TUTTE le mattine, in videocassetta (altro che record)! che studiavo metodi alternativi che avrebbero salvato leo (della serie: non possono staccare un infisso??? cavolate da 13enne)! che mi ero follemente innamorata di lui....
    grazie per questo post :D

    RispondiElimina
  5. finale alternativo? cioe' ci cambiano il corso dell adolescenza adesso a scoppio ritardato?????

    cmq leo rimarra' per me sempre leo, anche a 80 anni e di 200 kg, se finisce come marlon brando
    (io ho visto inception 3 volte...come titanic. e marion cotillard e' figa da morire, non ho nemmeno a consolazione che rose era una buzzicona)

    RispondiElimina
  6. Anche io ho la latta del mini pandoro di Titanic XD
    All'epoca l'avevo visto una sola volta... poi le varie repliche in tv! E anche io ho pianto per il maxi diamante gettato nell'oceano (MA COME SI FA???).

    Finale alternativo? Sopravvivono, vendono il diamante e se la vivono entrambi da miliardari...

    RispondiElimina
  7. La citazione di "Travolti da un insolito destino nell'azzurro mare d'agosto" mi ha commossa.
    Mai quanto vedere il culone di Rose e accorgermi che il mio è la metà!

    Però sì, noi nate nei primi anni '80 (1983, presente) abbiamo subito il fascino di questo giovane virgulto. Ora, cresciuta, mi chiedo di cosa fossi fatta per invaghirmi di lui!

    RispondiElimina
  8. Io nel '98 avevo 25 anni, fuori target ed avendo da sempre paura dell'acqua e delle navi che affondano non ho mai avuto l'ardire di guardare l'intramontabile, anzi facciamo pure li tramontabile, capolavoro. Ma apprezzo decisamente la review e mi beo della Winslet buzzicona. Anzicheno.

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  10. Il portafoglio. Avevo il portafoglio di Leonardo Di Caprio, nel '98

    RispondiElimina
  11. Complimenti, Zitella, mi fai sempre morire dal ridere. Fin qui non ho mai commentato, ma ora non mi posso esimere, ché a Titanic, per motivi molto diversi dai tuoi, sono affezionato. Mi ricordo la fotta incredibile nell'attesa del nuovo film di James Cameron, e di come lo andai a vedere immediatamente, prima che cominciasse l'isteria di massa. E per quanto anche allora ritenessi la storia d'amore telefonatissima, non potei che fargli tanto di cappello per l'intuito. E la nave ancora meriterebbe l'Oscar per come va giù.
    A differenza di tanti maschietti a Leo invece non ho mai voluto male, perché già sapevo che era un attore della madonna, anche se Titanic non era il film giusto per dimostrarlo. Per chi non l'avesse visto, recuperate "Buon compleanno Mr. Grape", e vedrete.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, come detto tempo fa (http://www.matiseivista.com/2011/05/ma-fottiti-ancora-blake-lively-io-ti.html), noi lo si amava anche quando faceva il ragazzino spastico in Buon Compleanno Mr Grape (e i suoi migliori lavori ormai son talmente tanti che si fa fatica a ricordarli tutti: Catch me if you can, The Aviator, Blood Diamonds...)

      Zit

      Elimina
    2. Eh, quel post non lo avevo visto. Ma rinnovo i complimenti, che anche quello mi ha divertito molto. :)

      Elimina
  12. Non dirlo a me di Leo..anche se all'epoca se la giocava coi Take That, di cui avevo i poster a grandezza naturale trovati nel Cioè appesi pure sul soffitto. Altro che specchi tondi.
    Ah, e ovviamente la camicia in ciniglia con gli automatici era un must.
    E se cerco bene in fondo agli armadi son sicura che una salta fuori ancora..

    RispondiElimina
  13. Quanti ricordi, ero già sposata e con prole, ma me lo sono visto 3 volte al cinema con marito appresso! ;)

    RispondiElimina
  14. "Non c'era stato Harry Potter, non c'era stato Twilight e nemmeno High School Musical"

    - grazie Zit che mi ricordi che noi siamo cresciute in un'epoca con almeno il minimo di sostanza. Mi dispiace per le teenager di oggi che si devono accontentare di Robert Pesce Lesso Pattinson mentre noi avevo la fortuna di ammirare l'unico, indimenticabile Leo nei suoi anni di gloria!

    RispondiElimina
  15. Patita di Titanic all'appello!
    Sappiate che, durante le lunghe sessioni di studio pre esame, io tengo sempre il mitico film di James Cameron come sottofondo. C'è qualcosa nella colonna sonora che mi sostiene nell'attività d'apprendimento. Se volete approfondire la vostra conoscenza in merito al film, vi consiglio due letture:
    1) titanic: anatomy of a blockbuster, che è una raccolta di saggi di approfondimento su musica, personaggi e molto altro
    2) titanic and the making of james cameron, ossia la cronaca dell'unica reporter cui cameron chiese espressamente di fare un reportage dei retroscena e del making-of di titanic.

    RispondiElimina
  16. molto carino questo post! anche io ho un blog, che ne dici di passare? mi farebbe molto piacere!

    RispondiElimina
  17. mi hai fatto sorridere, in una giornata davvero no, in cui sono ancora nel mio grigissimo ufficio con le lentine appiccicate alle pupille.
    ebbene si, anche io e la mia migliore amica dell'epoca, quella-con-cui-pensavo-sarei-stata-amica-tutta-la-vita-e-avrei-sentito-ogni-giorno-ed-era-la-sorella-che-non-ho-mai-avuto (e adesso non vedo e non sento da forse dieci anni)pensavamo che il massimo della raffinatezza fosse il poster del Titanic appeso sopra il letto al posto del crocifisso...
    Buona serata a tutte
    O.

    RispondiElimina
  18. Leo era la perfezione.
    quanti adesivi di Cioè ho attaccato sull'armadio..

    RispondiElimina
  19. Grande Zit!! Anch'io ero fan di Titanic, e dopo mi guardai tutti i film vecchi di Leo!
    Però devo dire che i film che fece dopo non me li sono cagati più. Forse ho perso anche qualcosa di bello.
    Però sì, come dimenticare Rose da matusa che butta il diamante nell'oceano...come a volersi riscattare di essere sopravvissuta...:)
    W Titanic :D

    RispondiElimina
  20. Lo dico? Vabbeh, corro il rischio... Non ho visto Titanic, né lo vorrei vedere. E non mi é mai piaciuto tanto neanche Leo.
    Peró tantissimi pollici in su per Kate Buzzicozza!

    RispondiElimina
  21. mi associo, anche io 1983.. innamorata di Leonardo in Titanic (e in Romeo+Juliet = scena della piscina)! il mio fidanzatino di allora mi portò a vederlo al cinema e mi ha guardato malissimo per tutto il tempo.. non gli somigliava neanche un pò!
    ciao Zit sei la mejo
    Ramona

    RispondiElimina
  22. Madòòòòòò ma anche io avevo tutto il materiale sullo sbavosissimo Leo uhhhh se solo ci penso!!! l'album delle figurineeee!!! ci ero rimasta troppo male quando mi avevano fatto vedere che sulle labbra aveva il trucco ahaahhha se ci ripenso!

    RispondiElimina
  23. ...e secondo te perchè mio figlio si chiama Leonardo? Per Da VInci? Sisi... credegheaiufo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pure io pure io! (che non ce l'ho ancora ma quando nasce, il mio figlio immaginario, si chiamerà Leonardo!)

      Elimina
    2. E vedrai che sarà bello come il dio Di Caprio. Il mio lo è!! :)

      Elimina
  24. E' grave aver visto la foto con il cigno solo oggi?

    RispondiElimina
  25. avevo un'edizione speciale del dvd e non mi ero mai accorta che c'erano sia le scene tagliate che il finale alternativo....grazie a te e a sarinski (avete fatto un patto col diavolo che a tutte vi regalano il paccozzo con divuddìlibroequantaltro??) stasera me li sparooooooooooo!!!!!

    RispondiElimina
  26. Io sono nata sul finire degli anni '80 ma Titanic l'ho visto ben 2 volte al cinema e un triliardo di altre volte a casa, piangendo e maledendo la cicciottella tutte le volte. Con la mia amica dell'epoca avevamo anche un quaderno con tutte le frasi di Leo e le foto ritagliate dai giornali.. che felicità!

    RispondiElimina
  27. La latta del pandorino, i poster, le figurine, e tutto lo scibile umano a forma di Di Caprio...anni gloriosi!

    RispondiElimina

Condividimi tutta