venerdì 26 ottobre 2012

Cose da mettersi quando fa freddo e bisogna comunque essere benvestite

Come già anticipato su Twitter, sono in scouting di cappotti.
Sono arrivati Cassandra, il piumone e il raffreddore. Le premesse per mettersi un cappotto quindi di fatto ci sono tutte.

Bene, comprare un cappotto di questi tempi non è cosa semplice.
Perché i cappotti serve che siano fatti bene, serve che tengano caldo, serve che abbiano un taglio classico-moderno-contemporaneo-trendy-particolare-minimal. Insomma tutto e niente.
Perché, almeno per me, i cappotti non li cambio ogni stagione.
Di solito li consumo, li faccio rifoderare, li faccio rammendare. Se mi innamoro di un cappotto lo metto fino alla nausea.
E infatti, quel cappotto rosa che ho messo all'università, dio solo sa quanto l'ho amato.
A pensarci adesso mi chiedo come ho fatto ad indossare qualcosa che mi facesse sembrare un marshmallow, ma ricordo che quando l'ho visto in negozio mi sono COMMOSSA. Un cappotto rosa! Rosa! Rosa! Rosa!
E per me era il cappotto della festa, quindi al primo anno non lo potevo nemmeno portare con me a lezione ma solo nei week-end di festa a casa. E quando ripartivo da casa dei miei per tornare alla Città Universitaria, lo abbracciavo e gli davo un bacino e gli sussurravo “torno presto”.
Parlando di tempi più recenti invece, come si intuisce, sono una devota del culto del cappotto: contraria a qualsiasi forma di piumino esistente che piuttosto che imbacuccarmi in un giubbotto -puah- tecnico di piume, preferisco farmi amputare le estremità.
Questo però non mi ha impedito di farmene acquistare uno, più che altro sfinita dalle continue pressioni genitoriali (“Fa freddo a Milano! Comprati un piumino! Fa freddo a Milano! Comprati un piumino!”), che però indosso solo nei giorni della merla e se ho la disgrazia di trascorrere qualche giorno in montagna.
Tutto il resto dell'inverno che mi metto?

Eh.



C'era una volta una grande storia d'amore con Patrizia Pepe.
Sì, lei, la Patty Pepe che tutte conosciamo e che tutte abbiamo nell'armadio. C'è stato un tempo in cui dicevo “io, per le occasioni importanti indosso sempre Patrizia Pepe” come il peggior claim pubblicitario di una testimonial d'antan.
E infatti, quel famigerato tailleur di laurea era della Patty.
Così come il mio giubbottino nero di lana che fa tanto mezza stagione.
Così come il mio cappottino da tutti-i-giorni-tutti-da-quattr'anni-a-sta-parte (bellino lui, è marrone con una micro stampa, e con la coda a pinguino e un super collo rigido. Dio quanto t'ho amato, cappottino mio).

E mò mi so stufata però.
Quindi, visto che con la Patty Pepe non è andata a finire bene e le commesse del negozio di Via Manzoni forse ancora se lo ricordano perché (ciao servizio clienti, ciaone!), ora sono costretta a guardarmi altrove per comprare il mio capospalla.

Quindi, visto che sono una signorina a modo e ho una certa, non posso andare da H&M a comprarmi un cappotto che poi devo passare l'inverno a spazzolare per levargli i pelucchi. E nemmeno da Zara che quelli che vanno di moda quest'anno il prossimo anno li odi. E nemmeno prendermi un cappottone di lana cashmere color cammello da Max Mara perché anche potendo, son pur sempre troppo giovane per indossarlo.
Che rimane? Poco altro.

Se non è zuppa è pan bagnato quindi vado da Pinko. O per lo meno, ci devo ancora andare ma 'sto week end fa freddo e domani arriva la paga, quindi qualcosa da fare lo si trova.
Io so cosa voglio: io, anche potendo, non me lo metterei il cappottino di Prada, di Marni, di Chloè per tutti i giorni. Io ho bisogno di un capo che possa essere strapazzato sui mezzi, sul treno, possa essere piegato ed appoggiato sui divanetti di una discoteca, possa prendere un filo di pioggia, possa tenere il vento e non debba essere stirato continuamente (sì amiche, c'è gente che STIRA I CAPPOTTI e mia madre è tra queste quindi io sono destinata ad essere una di loro, infatti già ora io sono una CHE STIRA GLI STRACCI DELLA POLVERE, non ne parliamo vah).
Quindi questa è la mia selezione di cappottini. Prezzi sì, no, boh: siamo intorno ai 350-400 €. Belli i tempi in cui i cappotti costavano 350.000 Lire. Li mortacci, se son vecchia.
350 € son tanti, lo so. Vi consiglio la mia tecnica: trascinatevi con il cappotto più macinato, sdrucito e sgualcito che avete, davanti a vostra madre. Lei vi dirà, per forza di cose, “ma dove cazzo vai che sembri una marciona? Ma non è ora di cambiarlo quel cappotto?” e voi risponderete “eh mamma sì, però io 350/400 euro per un cappotto mica ce li ho, al massimo mi posso prendere un cappottino smilzo da Zara, ma è quello che è” alchè madre, verrà a fare shopping con voi necessariamente non da Zara (c'è troppa confusione! Non si portano le mamme da Zara!) e mossa da compassione vi comprerà un cappotto che vi terrà calde per almeno (E DICO ALMENO) 4 inverni.


Uno degli altri miei cappottini da battaglia è un cappottino nero dal taglio molto simile a questo.
Io credo fermamente nel fatto che ogni donna debba avere un cappottino che la faccia sentire francese.
Una manichetta a tre quarti, un basco e l'aria da parigina è assicurata. Ancora meglio se con guanti lunghi.
Molto, molto amore.


Dopo essere stata a Pavia e aver visto con i miei occhi che sì, è vero, ANNABELLA-DI-PAVIA esiste ancora, mi sono finalmente levata lo sfizio di sapere quanto potrebbe costare una pelliccia come potrebbe piacere a me. Risposta: troppo. Anche per un regalo dai genitori. Quindi, solo il giorno che mi sposerò con un vecchio miliardario russo potrò trascinarmi in Corso Vittorio Emanuele con cappottino di volpe e Birkin.
Detto questo, visto che immagino siano in tante a non avere 3.500 Euro sull'unghia per una pelliccia, ci sono delle valide alternative. Per le quali, per altro, nemmeno nessuno è morto. Non che sia vicina alla causa animalista, ma tant'è.
Codesto pellicciotto, a parte uno strano effetto sul seno (dio delle foto di e-commerce, dai loro una mano), riprende anch'esso un'aura bon ton, seppur più sportiva (data la lunghezza, direi che è da portare con i pantaloni). Ci piace molto perché secondo me, tiene il freddo (ma stare lontani dalle fonti di calore, eh).


Avete presente l'anno scorso quando sono andata in botta da Miranda Kerr? Ecco, cercavo un casino una giacchina cammello. Da mettere con una camicia di jeans e una maglietta bianca. E una borsa burgundy bordeaux. Bene, nonostante ripetute sessioni di ricerca presso Diffusione Tessile non me ne sono venuta fuori con niente. E adesso, come se qualcuno pensasse che io possa dimenticarmi di una cosa CHE SO CHE MI SERVE, compare questa giacchina. Ecco, lo sapevo, SATANASSI.
Ci piace molto soprattutto per chi ha i fianchi stretti. 


Questo gioiellino ha le linee semplici che piacciono a me, senza troppi gingilli, cinture, passanti e sticazzi vari.
E quel collo in volpe che, pace all'anima sua e che dio l'abbia in gloria, fa subito coccola.


E se ho rinunciato a mostrarvi l'unica proposta "barocca" per i cappotti dell'inverno perché qua stiamo cercando cappotti da mettere per più di una stagione, non posso esimermi dal mostrare invece il cappotto dall'aria militaresca. Che si sa, ci piace stare un po' impettite. Soprattutto se poi sotto ci mettiamo lo stiletto.
Piango tutte le mie lacrime se penso a quando, due stagioni fa, in giro per saldi con Amica Barbara, entrammo da Pinko e trovammo un cappotto blu ancora più militare di questo. Scontato.
Prese dai rimorsi per i soldi da spendere in case da acquistare e debiti da pagare lo lasciammo lì. 
Ancora sono depressa al pensiero.
     
 

Infine, una proposta un filo (un fiiiiiiilo) superiore quanto a prezzo, ma con un design di tutto rispetto.
Lo so, c'è gente al Paesello che vedendovi perse in un cappotto dalla forma quasi circolare vi potrebbe perculare perché potreste sembrarci cadute dentro. Poco importa, io lo trovo fantastico. 
Non vuole sembrare un Jil Sander, nè un Helmut Lang quanto a linee ma non ha nulla da invidiare a nessuno. La manica scivolata dà quel tocco di Chi Ne Sa A Pacchi Che Non Sto Qui a Spiegarvelo. E poi la Facchinetti, piccolo cuore, dio solo sa quanto la vorrei abbracciare da quando quelli brutti ed invidiosi da Valentino l'hanno mandata via manco fosse un gatto randagio. Ale, per me, la tua collezione d'esordio è rimasta nel cuore.

E se dopo tutti questi cappotti avete ancora freddo, rimane solo una soluzione.
  
(Se volete saperlo, il matrimonio, la visita a casa dei suoi è andato tutto molto bene. Io e i miei colori autunnali abbiamo fatto un figurone).
  

49 commenti:

  1. Eh, però in motorino se indossi il cappotto poi ti fai un inverno di broncopolmonite assicurata e confermata poi ad ogni minimo accenno di bora :(

    RispondiElimina
  2. Che belli i cappottini. Mia madre è fissata con i cappotti Max Mara, un bel po' di anni fa mi ha preso un doppiopetto carino nero, Weekend, che credo è la loro linea giovane mi pare. E forse quest'anno che mi son convinta a iniziare a vestirmi come una signorina lo sfrutterò un po' di più.
    Però vorrei anche un montgomery corto, l'ho visto da Burberry tanto per cambiare. Odio Burberry.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però che tristezza... sinceramente pensavo fossi una voce fuori dal coro e invece mi sorprendo ( molto negativamente) a scoprire che il tuo articolo è la semplice e plateale pubblicità informale per Pinko... Forse ti sopravvalutavo ...Adieu ma cherie

      Elimina
    2. Cara Valentina,
      Vedrò di farmene una ragione.

      Adieu

      Zit

      Elimina
  3. "Sono una devota del culto del cappotto: contraria a qualsiasi forma di piumino esistente e piuttosto che imbacuccarmi in un giubbotto -puah- tecnico, di piume, preferisco farmi amputare le estremità." E' quello che dico io tutti gli anni. Piumino a morte.
    Purtroppo il mio budget è limitato, dovrò accontentarmi dei cappotti di Zara (che comunque mi durano per diverse stagioni).

    RispondiElimina
  4. Guarda Max&co ... ce ne sono di belli
    carini anche questi http://www.swiss-chriss.ch/index2.html

    RispondiElimina
  5. Amour, questa stagione non si dice bordeaux nè burgundy.
    La parola d'ordine è berry. Che è sempre bordeaux, si sappia.

    RispondiElimina
  6. che bello quest'anno che vado al lavoro in macchina perchè sono incinta posso sfoderare il mio cappottino Zara giallo dell'anno scorso e un cappottino corto grigio preso a Londra tot anni fa...prima in motorino usavo solo piumini!!!

    RispondiElimina
  7. Io sono disperata, voglio lui e non lo trovo da nessuna parte! http://www.asos.com/it/Pepe-Jeans-Cheryl-Montgomery-in-misto-lana/34u3e/?iid=2489041&cid=13402&sh=0&pge=0&pgesize=-1&sort=-1&clr=English+rose&mporgp=L1BlcGUtSmVhbnMvUGVwZS1KZWFucy1DaGVyeWwtV29vbC1NaXgtRHVmZmxlLUNvYXQvUHJvZC8.

    RispondiElimina
  8. bon, vedo che la mia sister non è la sola "pazza" a uscire col cappottino col gelo invernale di....STOCCARDA. Io proprio nun c'ia fazzu a vivere di solo cappotto.
    Che segreto avete? c'avete qualche montone nascosto nella fodera dei cappottini?
    comunque il pellicciotto per il quale NON E' MORTO NESSUNO passerà alla storia per quel che mi riguarda. M'hai fatto morì!

    RispondiElimina
  9. io ti stimo ti ammiro se fossi 1 ragazzina sarei come te e penserei come te !
    addio!!!!
    adoVO il francese gnégnegne l'ogni mattina ed ogni sera uó uó e il wannabe miranda kerr !!!
    addio!

    RispondiElimina
  10. No ma li hai visti quelli di J.Crew?
    http://www.jcrew.com/index.jsp

    A me piace un sacco questo, peccato sia caretto :
    http://www.jcrew.com/womens_special_shops/catalogjcrewcomexclusives/jacketsouterwear/PRDOVR~15839/15839.jsp

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando ero a NY volevo barricarmi dentro J.Crew.

      Elimina
  11. La cosa del Berry che non si dice più bordeaux la devo subito twittare!

    RispondiElimina
  12. Quest'anno il regalo dei miei genitori per i miei 30 anni sarà un cappotto, quindi questo post è capitato proprio a fagiuolo!! Grazie grazie grazie!

    Breve storia di vita vera: per 28 anni sono stata la più acerrima nemica dei piumini. Li ho boicottati da quando ho memoria, e anche nell'adolescenza ho scelto di diventare blu dal freddo in motorino piuttosto che sembrare un omino Michelin. Ironia della sorte, due anni fa ho iniziato a lavorare per un'azienda che... FA PIUMINI. E non piumini in genere, I piumini per antonomasia. E devo ammettere che mi sono convertita al CALORE! Ma un bel cappotto è indubbiamente per sempre!

    RispondiElimina
  13. Zit, ho visto la foto su Twitter: che bella che sei!

    RispondiElimina
  14. Zit, ecco, aiutaci tu che io sfidando i venti gelidi già mi sto prendendo malattie varie ma non cederò MAI allo stile omino Michelin.

    RispondiElimina
  15. Ho dovuto fare una lunga maratona per trovare questo gioiellino (in blu), l'unico che non mi fa sembrare che mi hanno segato le tette (non me le hanno segate, non ne ho e basta), che non ho 50 anni e costa meno di 400 euri...che massacro peró

    http://www.frenchconnection.com/product/Woman+Collections+Coats+And+Jackets/70AH8/Wonderland+Wool+High+Coat.htm

    RispondiElimina
  16. ma perchè non apro twitter?! mi collega alla pagina ma poi è bianca :(

    RispondiElimina
  17. Zitella!
    Io conosco un modello di giacca a vento che non è un cappotto né ingolfa come un piumino: è il modello "vespissima" di Alberto Aspesi, sottilissimo grazie all'imbottitura di un materiale brevettato ma in grado di tenere veramente caldo. Comunque, io ho venduto il cuore a un cappotto di Marni color azzurro polvere leggermente a uovo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me ne hanno parlato di un modello di Aspesi ma non riesco a trovare foto su internet!

      Elimina
  18. Io sono animalista e indossare cadaveri ANCHE NO, quindi ti voto troppo il coso militare.
    Nero fa forse troppo "mistress", ma blu scuro è praticamente perfetto.

    Il coso col taglio a uovo no, ti prego. Ho capito che va un botto di moda ma poi ci sarà l'effetto scarpe a punta... andavano di moda e le avevano tutti poi qualcuno s'è svegliata e ha realizzato che facevano ridere e tutte si stanno battendo il petto in segno di penitenza. Ho sentito di persone morte perchè tentavano di MANGIARE ogni prova fotografica dell'averle indossate, giuro.

    Per quanto riguarda me, io ho deciso da un pezzo.
    Sono una bimba povera [ebbene si] e sono 3 anni che mi congelo tra una giacca di pelle e un pellicciotto entrambi in pura plastica, devo ammettere che è forse arrivato il momento di spendere, in barba all'affittuaria che scassa la minchia.
    http://www.ovate.ca/shop/products/110327.htm
    Dai, la mantella vince. La posso anche mettere sopra la giacca di plasti-pelle poi, evviva il layering creativo.

    RispondiElimina
  19. Dio sa quanto io ami i cappotti. Ne ho quattro. Uno di Seventy sfiancato color cammello; un altro di Seventy grigio con la cintura e taglio militare; uno di un marca che non ricordo, ma con un taglio anni settanta, che fa molto Love Story marrone con scollo rotondo ed il mio amatissimo capotto nero lungo di Max Mara doppio petto con cintura e fodera in seta. Li amo, tutti. Ma, detto sinceramente, quando qui dalle mie parti fa freddo un cappotto, per quanto pesante, non basta. Non ho ancora trovato un sostituto del piumino. Ed io odio i piumini.

    RispondiElimina
  20. Spero che le urla delle volpi (e tutti gli altri poveri innocenti) squoiati vivi per "abbellire" le baldracche che ne indossano le pelli, possano giungere alle orecchie di queste ultime e di chi pensa ancora che per aborrire le pellicce bisogna essere animalisti (gli animalisti son ben altro, non sottovalutarci grazie!)
    Amen.
    Detto questo, per i piumini vale la stessa cosa e per la lana pure.
    Ergo, viva i cappottini sintetici!

    RispondiElimina
  21. CAPPOTTI!! *___*
    Io sono ottobrina, e l'affair cappotto è stato prontamente risolto dal MioUomo!! (cappotto di Zara un po' militare, bottone metallico, j'adore! Anche se ce n'è pure un altro in panno verde con cui sembro proprio la guardia di finanza che potrebbe finire presto nel mio armadio).
    Poi vivo a Roma, il piumino è eccessivo ;)
    Alex V

    RispondiElimina
  22. Ma cos'è, una pubblicità della Pinko?
    Pensavo di trovare più scelta, spero che almeno ti regalino un cappotto ;)

    RispondiElimina
  23. e comunque la pelliccia non avrebbe soddisfatto il tuo obbiettivo: disco-treno!

    RispondiElimina
  24. scusa ma mi sono perso allo inizio...
    che è successo con patty pepe ? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un confronto acceso con il negozio di Milano, per un abito di seta acquistato tempo fa.
      L'ho indossato solo una volta, è comparsa una macchia nera sotto l'ascella speculare alla stampa dell'abito. Nell'altro braccio no. L'hanno trattenuto per circa un mese e mezzo e quando me l'hanno reso mi hanno detto che ho usato un "deodorante aggressivo". Certo. Su un'ascella sola poi. Io uso il cillit bang come deodorante infatti.

      Dopo quella volta ho deciso di non comprare più nulla da loro.


      Elimina
  25. I piumini no. L'effetto omino Michelin lo temo più delle rughe.
    Io uso cappottini tre quarti solitamente, stretti un po' in vita. Ho le gambe lunghe. Vogliamo farle vedere o no? :)

    Molto bello quello "francese style" e il militare. Adoro.

    RispondiElimina
  26. Io Zit c'ho un problema pero'. Mi piacciono, adoro i cappotti (ne ho troppi), ma vivo al nord-per-davvero aka Lussemburgo. Oggi c'e' -3, rischio di neve e necessito un piumino (li odio, li detesto quanto te!) che non mi faccia diventare un omino Michelin. Ergo: penso che moriro' assiderata. Ti prego, ti prego, consigliane almeno uno di decente!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prendilo prima di morire cazzo!
      Prendine uno di quelli belli sciancrati, belli ciucciati e che ti coprano anche il culo, non fare la figa come me che poi li metti e ti si gelano le chiappe! Niente Woolrich o Refigiwear.
      Tipo questi
      http://www.duvetica.it/index.html
      http://www.geospirit.it/woman.html


      Elimina
  27. Zit, come sempre ti stimo e ti ammiro tantissimo. Nessuna ragazza perbene metterebbe un piumino, nemmeno con meno 10 gradi. Però io un cappotto di MaxMara in cachemire color cammello lo metterei anche avendo meno di 30 anni!

    RispondiElimina
  28. Zit, ma questo?
    http://www.cosstores.com/Store/Women/New/Alpaca_and_wool_coat/365246-919994.1#c-3489774

    RispondiElimina
  29. I cappotti sono la cosa più difficile da comprare. Peggio dei pantaloni, che già essendo tra due taglie non ne parliamo.
    Quelli con la manica corta li hanno fatti per chi abita al sud, vero? Perché qua al nordovest ti si congela un braccio.
    I piumini per me sono inutili nelle città, ma se vivi in montagna perché no, io ne ho uno di Peuterey semplice color ghiaccio e lo uso molto. Il mio preferito di tutti questi è il militare quanto basta, credo andrò a provarlo.

    RispondiElimina
  30. epperò Patrizia Pepe proprio no... fitting pessimo e prezzi troppo alti. Ci sono andata per comprare un ipotetico vestito di laurea e... mamma mia ... stracci da discoteca. Non so se sia peggiorata col tempo, ma piuttosto andrei da Zara :(

    Ang
    www.madamelagruccia.blogspot.it

    RispondiElimina
  31. Ma tutta la vita quello simil Miranda Kerr. TUTTA LA VITA!
    Invece agliutami amica, agliutami tu che ne sai. Voglio un parka proprio nell'anno in cui nessuno ha prodotto parka (ma che cazzo mi diceva il cervello l'anno scorso, quando tutti i negozi avevano almeno un parka, dov'ero porco demonio?). Dove lo scovo? Dimmi che tu lo sai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amica, fossi in te confiderei molto negli outlet Pinko per cercare quello dell'anno scorso. Io non ne ho visti per niente proprio!
      Solo uno da zara
      http://www.zara.com/webapp/wcs/stores/servlet/product/it/it/zara-W2012/269183/826621/PARKA%20INTERNO%20PELLICCIA%20NATURALE


      Elimina
  32. Ti ho scoperta per caso... piacevole sorpresa!!!
    Trovo il tuo modo di scrivere degno di nota... esilarante quanto basta, profondo quando serve. Verrò a trovarti spesso, lavoro/studio permettendo!

    Ps: anche io integerrima sostenitrice dei cappottini e dei cappellini francesina style!!! Essendo siciliana poi, posso tranquillamente fare a meno del piumino e soffrire in silenzio le -poche davvero- settimane di freddo intenso.

    Insomma, porto rispetto per chi il freddo lo patisce davvero!!! Bacini

    RispondiElimina
  33. cara zitella acida,
    credo profondamente tu sia il genio. e ti prego, fondiamo un movimento per la salvaguardia della facchinetti. io sto con voi.
    tua,
    oilnanoolamoda.com

    RispondiElimina
  34. Io infatti ho avuto e continuo ad avere un solo cappotto da quando sono diventato adulto e ho fatto lo sviluppino. Ho tentato di trovare sostituti, ma al momento ci ho rinunciato. Quindi in bocca al lupo!

    RispondiElimina
  35. come sempre le tue proposte sono super chic.



    http://nonsidicepiacere.blogspot.it

    RispondiElimina
  36. Io ho due cappotti: uno calssico di Patrizia, che dopo anni (ANNI!) fa sempre la sua straordinaria figura e un altro, sempre nero,ma in questo momento non ricordo la marca!!!
    Il taglio alla francesina mi piace da matti, però lo vorrei sempre nero tinta unita!
    Il piumino: uno da battaglia per l'università ce l'ho, ho provatos senza, ma si muore (senza guanti si tagliano le mani.
    Il piumino invece da "bella figura" è il mio adorato woolrich, ma non quello fatto a sacco, è corto abbastanza da non scoprire il sedere e avvitato <3, il finish non è il classico lucido.

    RispondiElimina
  37. Eh ti capisco, io ci ho messo 2 anni per trovare il cappotto perfetto, un Max Mara nero a vestaglia...Della tua selezione preferisco quello stile militare.

    http://thestyleattitude.blogspot.it/

    RispondiElimina
  38. Ora sono un po' in fissa con quelli militari, ma ne ho recuperato uno oversized (in barba al paesello lo metterò!). Ho scoperto per caso questo posticino e credo proprioo che tornerò, mi piace come descrivi articolo per articolo ;)

    Ciao!

    New post--> http://lowbudget-lowcost.blogspot.it/2012/11/shopping-time-three-total-low-cost-looks.html

    RispondiElimina
  39. io ho visto una bellissima pelliccia ecologica a 330 da trussardi, non l'ho presa perchè non mi serve ma era davvero bella, se non sbaglio era anche su vanity

    RispondiElimina
  40. ah... è molto piacevole quello che scrivi: corretto e diretto. Mi stai anche facendo ridere un sacco. Favoloso, tornerò spesso a trovarti me lo sento ;)

    RispondiElimina

Condividimi tutta