venerdì 12 ottobre 2012

Zitella goes to New York: Part #4

Ed ecco l'ultima (giuro) puntata del mio viaggio a New York.
Il post è lungo, io vi avviso, ma è venerdì e non c'avete un cazzo da fare.

_DAY 6
Io non sono una che si sa organizzare. Se ci sono un botto di cose da fare io non sono quella che sa metterle in fila. E' per questo che quando, sedute a cena a Brooklyn, Amica Barbara con mappa di Manhattan alla mano mi ha detto: “potremmo fare che sabato partiamo da casa mia [Lower East Side] e ci facciamo a piedi tutto il giro di China Town, butti un occhio a Little Italy che tanto è piccola e ci mettiamo poco, poi facciamo il Financial District, attraversiamo a piedi il Brooklyn Bridge (così cominci a capire le differenze con quello di Wiliamsburg) e finiamo a DUMBO”.

DIN DIN DIN JACKPOT!

Praticamente TUTTO. Tutto quello che mi mancava ancora da vedere.
Messa giù così mi è sembrata un'impresa titanica al pari di una maratona, ma non è stata inaffrontabile come impresa, sono circa 10 km. Affrontabilissimi, con un paio di calzature comode e un clima accettabile.
Siamo partite verso l'ora del brunch, saranno state le 11, dopo un ricco pasto da Schiller's (sempre gli stessi di Balthazar) a base di pancakes (terzo elemento alla base della cucina americana dopo BURGER e CUPCAKES) e french toast, ci siamo incamminate per le vie del Lower East Side.

Di China Town mi avevano detto una cosa per riassumerla: PUZZA.


Avevano ragione.
Puzza di pesce, di marcio, puzza di pesce marcio.
Ci sono ortaggi, spezie, oggetti e PUZZE che non avevo mai sentito in vita mia.
Ed è affollatissima.
C 'è da dire che era pure sabato mattina e a quell'ora anche il mercato di Via Benedetto Marcello è affollato.
Ma i cinesi, nella loro operosità e nel loro muoversi in circolo come formichine, fanno sembrare ogni piccolo spazio sovraffollato.


Dopo qualche passo entriamo nell'ormai sempre più piccola Little Italy, quello che dovrebbe essere il quartiere più italiano di tutti e che invece si rivela un ammasso di stereotipi del Bel Paese a base di festoni colorati tra un palazzo e l'altro, pasta con le polpette di carne “just like grandma” (MA QUALE NONNA? MA LA TUA FORSE) e SALICCE CON PEPPERONI (tipico piatto italiano, eh).



Schiviamo una manifestazione di protesta per qualcosa di cinese e dopo aver attraversato una strada siamo già nel Financial District.
Ma come è possibile che poco più in qua ci si trovi in mezzo alle botteghe puzzolenti di pesce e poco più in là in mezzo ai tribunali, alle camere di commercio e ai palazzoni?
Niente, è così, basta una strada a due corsie per cambiare completamente scenario.

Come si arriva nel quartiere finanziario non si può fare a meno di portare gli occhi al cielo, vista l'altezza dei palazzi. I grattacieli sono tutti qua. Compresi quelli che non ci sono più, ma che si sentono benissimo.
La Freedom Tower è ancora in costruzione ed è impossibile non fermarsi ad osservare questo monumento a quella capacità tutta americana di rialzarsi e di arrivare più in alto di prima.


Pochi cazzi, gli americani non li tiri giù, nemmeno con una strage come quella del 11 settembre.
Senza nessun parere sulla loro discesa in campo bellica della quale non ho un opinione così documentata da poterne parlare qua, quello che ho visto al World Trade Center è la loro resilienza.
Si tirano su le maniche, fissano una bandiera e ricominciano. Il loro essere teatrali, il loro (ri)mettersi in scena ha quest'immenso lato positivo: dare un messaggio di forza. Non necessariamente di forza fisica ma di forza interiore, contrariamente alle nostre città che vengono giù con ogni terremoto e lì rimangono inermi, in attesa che lo Stato aumenti le accise sulla benzina per pagare una ricostruzione che non avverrà mai, mentre i civili continuano a vivere nei container.
E se adesso le aziende, le corporation e i businessman fanno a gara per prenotarsi un ufficio su quella torre della libertà che è costata loro tre mila morti, noi rimaniamo a guardare, stupefatti, la loro grandezza, la loro forza, il loro patriottismo.

La visita al 9/11 Memorial è gratuita ma va prenotata, quindi armatevi di cellulare connesso ad internet quando siete sul posto o prenotate anche con qualche ora di anticipo da un internet point altrimenti andate lì a vuoto.





Ci sono queste due fontane quadrate che contengono altrettanti quadrati concentrici di cui è impossibile scorgere il fondo, nella stessa posizione e dello stesso perimetro della Torre Nord e della Torre Sud.
Il rumore dell'acqua è assordante e rende questo piccolo parco quasi un oasi nel centro della città, anche se mi è sembrato un luogo sacro quanto un cimitero.
E poi ci sono gli oltre 2.900 nomi: quelli del volo in Pennsylvania, quelli del Pentagono, quelli che stavano lavorando in ufficio e tutti i pompieri che si sono sacrificati prima di capire che stava crollando tutto.
Come dicono gli americani, “overwhelming”.
E la pace, in quel parchetto con centinaia di alberi tutti uguali, non si può descrivere a parole.


Procediamo sempre a piedi verso l'imbocco del ponte di Brooklyn e noto che davvero SOLO QUALCHE ALTRO CENTINAIO DI AMERICANI ha avuto oggi la nostra stessa idea.
Sfatiamo subito questo mito, attraversare il ponte non è poi chissà quale fatica, non sono nemmeno due km e sono fattibilissimi (fate attenzione ai ciclisti, ho osato camminare lievemente più a sinistra del serpentone umano che mi precedeva e stavo quasi per essere ASFALTATA da un pazzo ciclista alle mie spalle che mi ha urlato NEVER DO IT AGAIN, ma che minchia vuoi amico QUESTO E' UN PAESE LIBERO E IO CAMMINO DOVE CAZZO MI PARE).



 
Povera Amica Barbara mi perdeva come un qualsiasi bimbo tedesco sulle spiagge di Lignano, facevo foto ogni decina di metri, osservando dettagli del ponte che, in effetti, è difficile da confondere con quello di Willamsburg (uno è in ferro, l'altro sembra avere i mattoni), guarda di qua guarda di là ho abbassato lo sguardo sui miei piedi e ho notato che sotto di me, tra una trave di legno e l'atra c'era SBAM.. il fiume.

Ah! Ahahahah!
Ah.

No.
Tipo i brividi lungo la schiena. Eccerto. Sto camminando sospesa sull'East River. E' un ponte. E' a questo che servono i ponti, no?
Certo. Ma vederti l'acqua a qualche decina di metri di altezza sotto di te fa TUTTO UN ALTRO EFFETTO.
Allegra, pimpante e schivando i venditori di mango arriviamo dall'altra parte, ci catapultiamo nel parchetto di DUMBO.
No, non Dumbo quello della Disney, gli americano amano gli acronimi quindi sta per Down Under the Manhattan Bridge Overpass.


DUMBO è un altro quartiere rispetto a Williamsburg ma l'aria che si respira è più o meno la stessa: moltissimi giovani, tutti rilassati e nessuno di molesto.
Bhè certo, a parte lui, che è una vera istituzione del quartiere.


Ci sdraiamo come balene spiaggiate sul prato, mangio un insalata sui tavolini vista PONTE DI BROOKLYN--STATUA DELLA LIBERTA'--GRATTIACIELI DEL FINANCIAL DISTRICT e mi rendo conto che in effetti questa città sa come convincerti per rimanere. Complice sicuramente la splendida giornata di sole, pare tutto a misura di uomo, anche una cosa così strana come “attraversare il ponte di Brooklyn” finora visto solo sulle cartine del chewing-gum, manco fosse uno stargate spazio-temporale.




Schiller's – 131 Rivington Street 
9/11Memorial – Albany Street

 _DAY 7
Nel giorno in cui il Signore riposò io non ho fatto altrettanto essendo il mio ultimo giorno prima della partenza.
E quante cose mancavano ancora alla lista delle COSE AMERICANE DA FARE!
Amica Barbara pur essendo una mezzosangue newyorchese molte cose turistiche non le ha fatte, un po' come me che vivo a Milano da sei anni ma guai ad andare una volta in cima al Duomo a vedere le guglie o alla Scala a vedere un balletto (vero amore?), è così TURISTICO! Quindi ha approfittato della mia presenza per fare quelle cose che se hai qualcuno che ti ci trascina ok, altrimenti non è che ci vai.
E dov'è che non ci andresti mai se non avessi qualcuno che ti trascina?
Ma certo, ad HARLEM.

Domenica mattina, esterno giorno. E' la festa della mamma e come ogni festa per gli americani è occasione ghiotta per venderti qualcosa. Qualsiasi cosa. Fiori rossi, fiori rosa, torte, tortine, dolcetti, cioccolatini, cuori, mamme, cuori a forme di mamme, mamme a forma di fiori.
Cammina cammina, arriviamo nel luogo di tutte le domeniche delle Brave Ragazze: a messa.
Ma non una messa normale, UNA MESSA GOSPEL.


Già a partire dalle sembianze dell'edificio pare evidente che molto diverso da una chiesa cattolica, ma poco male, sembra più una scuola e fuori in cortile ci sono decine di persone “della comunità” che ci accolgono festosi, ci chiedono se veniamo per la prima volta o se invece siamo del giro ma no, basta guardarci, siamo un filo pallide per essere parte di questa comunità senza che nessuno se ne sia accorto.
Entriamo e noto subito che ci sono moltissime signore appena fuori all'ingresso, con i loro migliori vestiti della festa, piene di pizzi, cappellini, giacchine e borsette pacchiane. Sono anziane donne del quartiere, sono le mamme del quartiere scoprirò più tardi.
Pur essendo arrivate prima delle 11, ora presunta di inizio della celebrazione, quando entriamo stanno già ballando, cantando e battendo le mani. Siamo entrate e mi sono sentita nel mezzo di uno show, come se entrassi negli studi di un programma televisivo.

 
E' emozionante, loro sanno benissimo che siamo turiste, che loro sono la nostra attrazione, sono il nostro Trump Tower, non siamo lì per pregare. Eppure ci accolgono festosi e festanti, come se non avessero aspettato altri che noi fino a quel momento.
Come se fossimo in un cinema d'altri tempi, c'è addirittura una persona che ci accompagna ai nostri posti a sedere.
Siamo le poche bianche in sala, ma gli altri presenti sono certamente italiani.
Non si può fare a meno di sorridere lì dentro, non si riesce a smettere di battere le mani e tenere il tempo. E' impossibile, sono contagiosi, sono gioiosi.
Loro cantano, loro che sono in otto sul palco e sembrano avere voce per ottanta.
L'officiante è donna. DONNA capite? Capite cosa può voler dire ascoltare un'omelia (direi uno speech) da parte di una donna? E' stata fantastica, è stata spiritosa e ha usato una miriade di casi, di esempi di vita comune nei quali pure io, di un'altra etnia, di un'altra lingua, di un altro continente mi sono ritrovata.
Essendo festa della mamma, le mamme sono state argomento centrale della mattinata e protagoniste assolute dopo la loro entrata, una alla volta, in mezzo ai cori di quelle che sembravano mille voci, tutte vestite di bianco (quelle che erano all'ingresso poco prima), tutte entrate ballando, ridendo e cantando.
Ero emozionata, fortemente emozionata, mentre vedevo questa comunità esprimere affetto a quelle mamme, perché pensavo alla mia di mamma dall'altra parte dell'oceano e perché pensavo che da noi una cosa del genere sembrerebbe subito una pagliacciata e non la meravigliosa esperienza emozionale che stavo vivendo.
Ma non era ancora finita perché questa comunità essendo abituata a ricevere la visita dei turisti, ha addirittura un canto di accoglienza speciale.
Eh sì, davvero speciale, perché come se non ci avessero notato abbastanza noi palliducce in mezzo alla folla color caffelatte, ci hanno richiesto di alzarci in piedi mentre loro ci cantavano WELCOME WELCOME e mentre le personalità più importanti della comunità venivano a stringerci la mano.
E noi lì, dure come pali, con la paresi facciale dai sorrisi che non sapevamo più come elargire, ripetendo THANK YOU a ruota, con le lacrime per quello che credevamo imbarazzo ma che è diventato commozione.

Siamo rimaste per oltre due ore ma non fino alla fine, avevamo pur sempre dei bisogni da espletare e ancora molte, molte cose da vedere.
Da Harlem ci siamo scaraventate di nuovo sulla 5a Avenue, per visitare l'ennesimo spot da turisti della città e cioè la cima del Rockfeller Center (Top of the Rocks). E se anche voi una volta a NY vi trovate innanzi all'infernale dubbio se visitare la cima dell'Empire State o il Top of The Rocks vi dico che sono entrambi degli stupendi palazzi, ma dal secondo si può vedere Central Park mentre dall'Empire no (perché appunto c'è il Rock davanti).



E poi, a 74 piani da terra e con Central Park ai tuoi piedi sembra tutto meravigliosamente piccolo.
Sono rimasta lì a guardare un panorama che pareva lo sfondo di un film, una di quelle viste dall'elicottero, lo sfondo stampato su un poster.
Da questo momento in poi è stato il momento di una pedicure nel mezzo di Williamsburg (unghie rosa evidenziatore, per sentirmi una di loro) e dell'acquisto dei souvenir: le mutande di Victoria's Secret, i braccialetti da Williamsburg, la collana da Brooklyn, la tazza IO AMO NY, i sottobicchieri di Kate Spade, la collana da J.Crew, l'olietto per capelli miracoloso e il fondotinta a prezzo scontato.

Ma purtroppo non ce l'ho fatta a completare la lista delle cose americane da fare. Perché quando sei in America vuoi fare tutte le cose americane. La mia, personale lista di cose americane da fare era:

MANGIARE UN (HAM)BURGER AMERICANO
VEDERE IL PONTE DI BROOKLYN
VEDERE LA STATUA DELLA LIBERTA'
SALIRE IN CIMA ALLA STATUTA DELLA LIBERTA'
FARMI FARE UNA MANICURE AMERICANA
FARE SPESE DA VICTORIA'S SECRET
MANGIARE UNA CUPCAKE AMERICANA
FARMI FARE UNA PEDICURE AMERICANA
MANGIARE I PANCAKES AL BRUNCH
COMPRARMI LA FELPA DEL GAP AMERICANO
COMPRARMI LA TAZZA I AMO NY
VEDERE UNA CELEBRITY AMERICANA PER STRADA
SALIRE IN CIMA AD UN GRATTACIELO
SEDERMI AI GRADINI DEL MET
MANGIARE IL POLLO FRITTO AMERICANO
ANDARE AD UN CONCERTO AMERICANO
CHIAMARE UN TAXI ALZANDO IL BRACCIO
ANDARE SULLA QUINTA (AVENUE)
COMPRARE QUALCOSA DA TIFFANY'S
PRENDERE LA METRO AMERICANA
SALIRE SU UN TORO MECCANICO
GUARDARE LA TV AMERICANA E CAPIRCI QUALCOSA (l'ultima puntata di Desperate Housewives)
ANDARE IN UN DEPARTMENT STORE AMERICANO
GIOCARMI LE MUTANDE A POKER INDOSSANDO SOLO UN ABITO DI PAILETTES AL CASINO
FARMI LA FOTO SUL PONTICELLO DI CENTRAL PARK
CHIAMARE L'HOME DELIVERY DA UNA CASA AMERICANA
CENARE AL MESSICANO
SALIRE ALL'EMPIRE STATE BUILDING
MANGIARE L'AMERICAN PIZZA
GUARDARE GOSSIP GIRL IN TEMPO REALE CON IL RESTO DELL'AMERICA E NON IN STREAMING
ENTRARE IN BORSA (SENZA FARE UN'IPO)
MANGIARE UN PRETZELN A TIME SQUARE
FARE IL GIRO DI MANHATTAN SULLA BARCHETTA
MOLESTARE I MODELLI DI ABERCROMBIE
NOLEGGIARE LA CARROZZA DI CAVALLI A CENTRAL PARK. DI NOTTE. CON LA NEVE.
VEDERE UN MUSICAL A BROADWAY
ANDARE AD UNA MESSA GOSPEL

La lista è lunga ed è ben lungi dall'essere completata, soprattutto con un solo viaggio.
Certo direte voi, molte cose le potevo fare anche qua. Non è che serve andare a NY per mangiare il messicano.
Non serve andare in America per comprare qualcosa da Tiffany's (basterebbe andare in Via della Spiga), non serve attraversare l'oceano per salire su un toro meccanico (pur non avendone mai visto uno da queste parti, ma sono certa che a Los Angeles ne sia pieno) e sono piuttosto certa che non serva nemmeno andare per forza a Las Vegas o ad Atlantic City per lasciare le mutande sul tavolo da poker (basterebbe visitare una poker room online), ma quella puntata di Sex And The City mi è rimasta nel cuore e vorrei anche io un giorno indossare qualcosa 100% poliestere catarinfrangente in un casino americano.

Insomma, la mia epopea newyorchese è conclusa e immagino ora vogliate tutte sapere  

Ci sono cose che non scambierei mai con un'americana e altre che prenderei volentieri.
Prenderei volentieri il loro modo di intendere la città, la metropoli, il loro essere a misura d'uomo, il loro essere facili, cordiali seppur falsamente, i loro parchi, il loro fair play e, pensate un po', pure il loro perbenismo.
Non prenderei mai la loro cucina, la loro eccessiva offerta commerciale, il loro essere sempre in scena come uno show.
Parigi e New York non si possono paragonare perché non hanno nulla in comune ma se dovessi scegliere dove andare a vivere un giorno sceglierei forse, probabilmente, magari....

Lei.


Bethel Gospel Assembly 2 East 120th St #26
Top of the Rock - 30 Rockfeller Plaza


SHARE:

19 commenti

  1. Non voglio dire che te l'avevo detto, ma te l'avevo detto.

    Stazzitta

    RispondiElimina
  2. Ho sempre snobbatto la East Coast forse traviata dai mille telefilm ambientati in California, ma mi hai fatto venire voglia di andarci.
    Seppur tutte le mie esperienze americane (lunghe davvero e meno lunghe) si sono svolte tra San Francisco e Los Angeles mi son ritrovata moltissimo in quello che hai scritto e, mannaggiacristo, mi hai fatto venire un'immensa nostalgia.

    PS Las Vegas vale una visita. Con mutandine in poliestere o meno, ma vale.

    RispondiElimina
  3. io ho pianto quando ho visto il coro gospel ad Harlem. Una delle esperienze più emozionanti della mia vita! magari la messa fosse così anche da noi. Non mancherei una domenica...

    RispondiElimina
  4. Ma nell'ultima foto sei tu? Magrerrima.

    RispondiElimina
  5. ti invidio, molto.. ma non in modo negativo! è sempre stato un mio sogno andare a NYC e presto ci andrò ^^ non ho ancora fatto i biglietti ma i € ci sono e ora mancano ferie del fidanzato e ferie mie (prima dovrei trovarmi un lavoro, ma tant'è!)
    ti invidio, ancora... e sono contenta di aver letto questo post :)

    RispondiElimina
  6. NOLEGGIARE LA CARROZZA DI CAVALLI A CENTRAL PARK. DI NOTTE. CON LA NEVE. quella è solo per Carrie e il russo :)!
    gran bel racconto...che voglia di andare!!

    RispondiElimina
  7. il mondo deve sapere GLI SPAGHETTI ALLA BOLOGNESE NON ESISTONO.

    detto in maiuscolo!

    RispondiElimina
  8. mi sa che te lo avevo detto anche io (ah, hai registrato la Messa gospel! Anche io avevo tentato a Washington, ma la signora che ci aveva accompagnate a sedere mi ha fatto subito nonononono con il ditino!)

    RispondiElimina
  9. A me dispiace che questa sia l'ultima puntata del tuo viaggio a New York...è stato uno spasso leggerti!

    http://milkandtulips.blogspot.it/

    RispondiElimina
  10. Sono stata molte volte a NY ma soltanto a giugno sono riuscita a "viverla" non da turista, avendo accompagnato mia mamma in un viaggio di lavoro di due settimane. La sensazione che la città mi ha dato è che se ti impegni, puoi avere tutte le possibilità per riuscire. "You'll never too old to change your path", mi ha detto una docente a un colloquio improvvisato.
    Bando alle ciance, di chi è la collana che indossi nella foto con marinière e pantaloni rossi?

    Sternflammende

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho notato che quella collana piace molto, ogni volta che mi faccio una foto mi chiedete sempre di chi è!
      Non è di nessuno in particolare, l'ho comprata al mercatino Elita della domenica al Teatro Parenti (Milano) per 15 euro. Ne sto cercando di simili da un anno ma ancora non ne ho trovate!

      Zit

      Elimina
  11. * You're , magari XD

    RispondiElimina
  12. anch'io sono stato semi-arrotato dal ciclista sul ponte di Brooklyn.
    Il problema è che nel mondo normale i ciclisti arrotano la gente, per principio.

    A Berlino hanno su qualun que marciapiede una striscia di un colore diverso (tipo sampietrini rossi qui e lastre grigie li). Mettci un piede sopra e SWUM! teutonicamente e ciclisticamente eliminato.
    Che quella roba lì, se sei tedesco e ciclista, è roba tua, tipo la Polonia.

    E, si, Little Italy, bleagh! Chinatown, lassamo perdè.
    Però io mi ero infilato due strade più in là in un negozio di stoffe gestitoda un ebreo che parlava Yiddish stretto - una scenette tipo i robottini che fanno i pantaloni a Woody Allen in Il Dormigliore...

    RispondiElimina
  13. Neanche io voglio dirti che te l'avevo detto, ma te l'avevo detto pure io.

    RispondiElimina
  14. ah ah ah
    la tua foto al ponte di Brookling è mitica: mi cheido se qualcuno riesca a farla dritta, io ci sono stata due volte ed entrambe le volte l'ho fatta storta, esattamente come te!!
    ah ah ha !
    elena

    RispondiElimina
  15. viaggio di nozze Parigi e New York già prima della partenza preferivo New York, teoria confermata al ritorno! NY è caotica, rumorosa, si corre sempre però è magica! Poi in viaggio di nozze a luglio a NY ci abbiamo concepito il nostro pupetto! altro che souvenir!!! ;o)))))
    (comunque io da Tiffany ci ho preso un girocollo....altro che via della spiga l'emozione di entrare nella storia!!)

    RispondiElimina
  16. Bello il tuo reportage. New York va vista, ma se dovessi scegliere, negli Stati Uniti meglio Chicago o San Francisco. E in realtà, dovendo *davvero* scegliere, Europa tutta la vita. Magari Amsterdam.

    RispondiElimina

Condividi

Blogger Template Created by pipdig