mercoledì 11 dicembre 2013

Guida personale ai miei capelli

Sempre di più mi chiedete consigli sui capelli, su come fare la piega, su che shampoo usare e così via. Sembra incredibile pure a me ma quando racconto quelle quattro cose che so sembra che stia portando il Verbo tra i miscredenti.
Tuttavia non credo assolutamente di essere la testimonial della Pantene o Barbie Totally Hair.
Sono solo una con i capelli lunghi che cerca di starci dietro per non avere una scopa stopposa in testa.
Non sono mai stata una “fissata” con il capello sempre lungo o sempre liscio. Nella mia vita li ho avuti corti (e per corti non intendo il caschetto, intendo corti-corti) diverse volte, li ho avuti lisci effetto piastra e ricci grazie alla permanente (OMG!). Per me i capelli lunghi sono solamente quelli a partire dalla chiusura del reggiseno in giù.
Posso dire invece sinceramente che, nonostante non veda il mio colore naturale sulla lunghezza da quando avevo 17 anni, non sono passata attraverso tutti i colori della tavolozza. Sono sempre rimbalzata tra le varie tonalità di biondo e varie tonalità (più calde o più fredde) del castano. Ora come ora credo di essere nel mezzo e di aver trovato la giusta via.


Ecco di seguito un piccolo viaggio nel tempo dei miei capelli:



Non ho nessun segreto di pulcinella da svelare se non i soliti precetti del buon senso quindi non aspettatevi la stella cometa.
Secondo quanto dice la mia ormai celebre parru Sara, che mi conosce da quando avevo 11 anni (è stata testimone delle varie evoluzioni della mia testa), i miei capelli sono:
_Grossi e tantissimi.
_Il loro colore naturale è il biondo cenere tendente al verde (non è una battuta, davvero il biondo cenere può avere qualche sfumatura verdastra, non è che ci vado fiera).
_Le punte sono un po' più deboli del resto del fusto (ovviamente) con qualche doppia punta.
_Non sono particolarmente grassi ma tendenti al secco, da sempre.


A seconda della lunghezza ovviamente il peso del capello cambia quindi ora che sono molto lunghi (per la mia esperienza) sono praticamente lisci, quando erano più corti invece emergeva un po' di mosso leggero.
Li lavo di media 2 volte a settimana.
Il colore che vado a fare circa una volta ogni mese e mezzo è un riflessante senza ammoniaca quindi non è una vera e propria tinta, o per lo meno così mi hanno sempre fatto credere.
Fino a luglio 2011 ero bionda poi, complice una delusione d'amore (10 punti a chi indovina chi era), mi sono fatta castana poco prima della vacanza in barca.
Durante la vacanza ovviamente il colore ha scaricato e le punte bionde si sono fatte sempre più evidenti.
Queste punte bionde ora che sono di base castana non vengono riprese spesso, anzi, tendenzialmente una volta o due all'anno poiché non ho bisogno di “alzare” così tanto la parte bionda della lunghezza (dall'altezza del mento in giù). Il trattamento che faccio una volta al mese è semplicemente riprendere la ricrescita della base e fare un tonalizzante nutriente sul resto della lunghezza. E basta.

Di recente però ho speso 3 ore della mia vita in salone per passare dai riflessi caldi e ramati che erano rimasti sul capello dopo l'estate per virare ai riflessi freddi come il cenere più adatti al colorito pallido che ho d'inverno. Onde evitare che le punte bionde però diventino troppo “paglierine”, ho acquistato uno shampoo anti-giallo (cioè uno shampoo violaceo apposito da fare ogni due settimane).

Riporto quindi di seguito la mia routine sui capelli:
_USO SOLO SHAMPOO (+ BALSAMO + MASCHERA) NUTRIENTI
Per molto tempo mi sono fatta le pippe usando gli shampoo per i capelli colorati ma non ho mai notato una differenza tale da dire “ommioddio grazie a questo shampoo questo mese non devo fare la ricrescita!”. Mai.
I capelli crescono qualsiasi cosa io faccia e il colore scarica per lo stesso identico motivo. Tutta fatica sprecata di fatto. Al contrario, un capello bello lucido sarà bello anche se per un mese salterò il colore, quindi preferisco gli shampoo per capelli secchi che gli shampoo per capelli colorati (sono tali in teoria solo perché contengono filtri UVA/UVB che schermano i danni del sole. Al massimo usabili d'estate).
Oltre allo shampoo ovviamente uso sempre anche il balsamo e solitamente anche la maschera. Immagino che alcune tra di voi avranno da ridire su questa sequenza (“ma la maschera è come il balsamo” come disse una commessa sabato dalla quale non tornerò mai più). La verità è che NO, per me sono due cose diverse. Io faccio due shampoo (mi hanno insegnato che se lo shampoo non fa la schiuma significa che il capello è ancora sporco, ergo ne faccio due. Se voi con il primo shampoo avete la schiuma bona lè siete a posto). Il balsamo poi mi serve per districarli. Semplice e ovvio. La maschera invece da loro la botta di nutrienti, li coccola, li rintontisce di ceramidi (ma cosa dico, io non so cosa siano le ceramidi) che li rende morbidi e setosi.
Abitualmente uso questi della Biopoint, ma in questo periodo ho comprato un set in offerta della Seliar (mai sentiti prima) di shampoo, maschera e olio (profumo buonissimo, crea dipendenza).
Ho riacquistato l'olio ma ha un prezzo talmente alto (e le commesse che me l'hanno venduto sono talmente antipatiche) che non lo comprerò mai più e tornerò al mio solito olio ai semi di lino.

_LE MASCHERE NON SONO QUELLE DI HALLOWEEN
Cerco di approfondire il tema delle maschere perché è inutile piangere sul trattamento perduto. Ho una collega con capelli grossi come fusti di sequoia ma rovinatissimi. Nonostante questo, guai a dirle che dovrebbe fare almeno una maschera a settimana, piuttosto va dalla parrucchiera a farsi un trattamento speciale ogni tanto.
La maschera io la considero una coccola in più, quell'extra-boot che serve quando il capello è super depre. Io la faccio in doccia e la tengo qualche minuto ma una volta ogni due settimane cerco di trovare il tempo (e la voglia, me ne rendo conto) di tenerla in posa almeno mezzora (solitamente accade solo di domenica). Con i capelli bagnati e (un po') pettinati metto la maschera solo sulle lunghezze, li raccolgo alla cazzo di cane e avvolgo la testa nella pellicola da cucina con il risultato che la mia testa sembra un cotechino sottovuoto. Prima di dedicarmi a faccende di fondamentale importanza come guardare una puntata di Homeland e cambiare le lenzuola del letto, con il diffusore do una botta di calore alla testa per fare in modo che le squame del capello si spalanchino come finestre e la maschera penetri più in profondità.
[Questa cosa dell'aria calda l'ho imparata sempre dalla parru. Per lo stesso principio l'ultimo risciacquo dovrebbe essere sempre di acqua fredda in modo tale da “chiudere” le squame del capello e sigillare il colore].
Poco importa quale maschera e di quale marca: l'importante è tenerla in posa. Noterete la differenza.


_CONSUMO PIU' OLIO IN TESTA CHE IN CUCINA
Penserete che dopo i due shampoo, il balsamo e la maschera il mio capello sia sufficientemente dopato. E invece no: ho bisogno ancora di un olio-non-oleoso. Per molto tempo ho usato il Moroccoan Oil, ora sto usando questo ma la scorsa estate ho usato tranquillamente anche questo.
Metto l'olio prima di asciugarli e una volta asciutti. E, non contenta, ogni mattina dopo averli spazzolati.
Lo so che sembra che stia esagerando ma mettendo 2/3 dosi di olio sul palmo e poi avendo cura di farlo assorbire solo alle punte a me sembra di fare semplicemente quello che i miei capelli MI IMPLORANO di fare. Li vedo lì, biondi e po' secchi, e l'olio ridà loro consistenza.


_VORREI DIRE CHE CI FACCIO LA PIEGA MA IN REALTA' LI ASCIUGO ALLA CAZZO
Ovviamente dopo tutto questo sbatty ci manca solo che mi metta a maneggiare phon e spazzole rotanti. Ecco, se c'è una cosa sulla quale sono sempre soprasseduta è la piega a phon. Non riesco, la trovo faticosa e impossibile. Ne è prova il fatto che ho acquistato dei bigodini mesi fa e non li ho ancora mai provati.
Inoltre il phon mi sembra il male assoluto, sento che è come se ci avvicinassi una torcia infuocata. Mi limito ad asciugarli normalmente con il beccuccio e con il diffusore -se voglio fare la secchiona- e andarci a dormire. 


_BOCCOLI HOW TO
Mi fate sempre i complimenti per i boccoli, per il mosso spettinato, per la piega perfetta. La verità è che la mattina seguente lo shampoo faccio i boccoli (mai più di 10 max 15 minuti o m'innervosisco) con la piastra. Funziona esattamente come quando cucino qualcosa: tempo di cottura → fino a quando non mi rompo le balle.
Normale phon, normale piastra – (niente GHD che cambiano l'esistenza, ancora non ce l'ho fatta a spendere 250 € per una piastra, NON RIESCO) e normale lacca.
Li faccio un po' a muzzo, come vengono vengono. Non so esattamente se ne ho fatto di necessità virtù ma considerando che non riesco mai ad ottenere un risultato perfetto, mi accontento di quello che ho e tendo a pensare che i boccoli “troppo” perfetti e“troppo” impeccabili non mi si addicano nemmeno. Ci sono centinaia di tutorial in rete e non serve che io schiavizzi il mio ragazzo per riprendermi mentre me li faccio in bagno perché il vetro del box doccia ha il calcare e io mi vergogno e non voglio che mi giudichiate per il calcare del mio bagno.
In linea generale mi viene da dire che la metà sinistra dei capelli è quella che mi viene meglio e che cerco di arrotolare le ciocche intorno alla piastra sempre verso l'esterno, in modo tale da aggiungere volume e non averli dritti come spaghetti con solo un ghirigoro sulle punte come la Middleton.


Mi sembra di aver riassunto fedelmente tutto quello che riguarda la sopravvivenza dei miei capelli, manca solo da specificare le marche delle spazzole ma non arriverò a tanto.
Aggiungo, come ultima postilla, che temo possa essere rilevante anche che genere di alimentazione si segue, così come per la pelle. Non manco di bere almeno 2 litri di acqua al giorno e con grande dispiacere di tutti i miei parenti friulani non bevo quasi nessun alcolico.
Niente vino, birra, martini, rhum, gin tonic. Niente. Sono noiosa, lo so. E nemmeno fumo. Sembro santa ma in realtà tutta sta roba manco mi piace e anzi, trovo disgustoso perfino l'odore (“Nemmeno lo champagne?” - “No, nemmeno lo champagne, grazie” - “Ma che friulana sei! Lo spritz non è vino!” - “Ha il prosecco!” - “Ma è leggerissimo! Non lo senti nemmeno!” - “Davvero questa Ribolla non vuole assaggiarla neanche?” - “No davvero, può portare via il bicchiere” - “Non sa cosa si perde”).
Forse, in ultima analisi, credo che avere dei bei capelli sia una sorta di ricompensa divina per tutte le volte che vengo derisa, ignorata o perculata per il semplice fatto di non bere alcolici.



Aggiungo come ultima cosa che sono certa esistano dei metodi più casalinghi per prendersi cura dei capelli a base di impacchi di uova, miele, avocado (ah no, forse quella è una torta) ma la realtà è che io non mi fido di me stessa e non metterei mai in testa un intruglio che probabilmente pure puzza senza che sia come minimo approvato dall'FDA e abbia un delicato profumo di Palmolive lilla.


SHARE:

32 commenti

  1. Sono bellissimi i tuoi capelli e li tratti davvero bene! Anch'io uso tanto olio, semi di lino e oliva :-D
    Bel post cara!
    Bisou

    Viky --- MySecretFashionPoison

    RispondiElimina
  2. Asciugare i capelli alla cazzo? fatto, anzi lo faccio sempre, sono incapace con spazzola e phon. Come si fa?!?
    E il tuo mosso "non ricercato" mi piace, molto.

    RispondiElimina
  3. Mi permetto di sfruttare questo spazio per chiedere consiglio a qualche esperta: cosa usare dopo aver lavato i capelli e prima di asciugarli per dare volume ad un capello mosso, media lunghezza, non trattato, da asciugare con diffusore. qualcuna accolga il mio grido e mi aiuti...
    Cla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Schiume, lozioni o polvere che diano consistenza al capello. Se hai già provato tutto quello che il supermercato in media offre, prova con qualche prodotto professionale da mettere solamente sulle radici.

      Elimina
  4. Per me chiunque abbia letto questo post ha fatto la prova "chiusura del reggiseno"!

    Complimenti Zit, ne sai a pacchi e anche la guide sul capello ti è riuscita perfettamente.

    PS Ma quanto stavi bene con il capello corto-corto?

    RispondiElimina
  5. Ciao sono amica dell'asciugatura alla cazzo.

    RispondiElimina
  6. ma come si fa a non amarti porco cacchio????
    sara

    RispondiElimina
  7. Hi iniziato da qualche mese a fare anche io le onde con il ferro.sono una riccia naturale ma chimicamente liscia! E ho notato che lavorando i capelli con i boccoli la piega mi dura anche tre giorni, impossibile sia con il liscio (si sporcano di più o semplicemente si vede di più) e impossibile con il mosso che mi si affloscia!

    bonjourchiara.blogspot.com
    Facebook Page Bonjourchiara

    RispondiElimina
  8. Anche io stessi rituali e trattamenti! Anche io niente piega perché mi rompo. Una cosa che faccio in più l'impacco pre-shampoo con l'olio una volta a settimana o ogni due se non ho tempo. Spesso lo faccio la sera e lavo i capelli la mattina! Prova, vedrai! Se posso darti un consiglio prova la maschera bei capelli di lush. Io ero moooolto scettica, ma me ne sono innamorata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccomi! Allora la maschera si mette sui capelli ancora asciutti e si lascia in posa per un po'. È a base di henne ma non colora. Rende i capelli più corposi, sembra di averne di più e più forti. Una figata! E poi dopo fatta i capelli secondo me restano più a lungo puliti. Invece per gli impacchi pre-shampoo mi cospargo la testa d'olio lego in uno chignon e vago per la casa, in sessione d'esame o vado a nanna. Ho usato di tutto: argan, mandorle, lino, quello di bio point, ma quello che ricompro più spesso è quello di moroccanoil dell'erbolario

      Elimina
    2. Nemmeno troppo caro. A volte li mischio insieme, quelli naturali. Ho provato anche il magic elixir di kiehl's, ottimo anche quello!, da usare sulle radici..
      http://www.lush.it/shop/product/product&product_id=285

      Elimina
  9. Se voi credete che La Zitella si figah! ora, non l'avete vista con i capelli corti.
    Praticamente le stanno bene in ogni modo, 'tacci sua.

    RispondiElimina
  10. LA svolta è olio di ricino (sì: quello. E sì: si compra in farmacia e non costa UN FICO perchè...beh, perchè è "quello". Infatti devi, nell'ordine, specificare che: A- vuoi la confezione grande; B- sì, la usi per i capelli).

    Lo metti alla sera (è molto vischioso, ma niente di drammatico. E no, non puzza: è inodore) e lo lasci lì tutta la notte, coi capelli legati.
    Se ami il rischio che il tuo compagno fugga: ti incellophani pure col domopack.

    Se lo fai tutte le settimane, i capelli rinascono.
    Se lo fai per una settimana no-stop quando sei al mare (metti al mattino, li lavi, lo rimetti al mattino e via andare. Come tutti gli oli va messo A CAPELLO ASCIUTTO altrimenti non funziona) allora... beh... altro che cheratina!

    Nota secchiona-gossippara: si dice che Cleopatra lo usasse sulle ciglia (si può fare: spazzolino di vecchio mascara lavato e riutilizzato) e per questo avesse quello sguardo ultramagnetico.
    Io ve l'ho detto, a voi il vostro destino.
    ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi permetto di intromettermi ma io so che in realtà gli olii vanno messi sui capelli umidi e non asciutti perchè sui capelli umidi l'olio penetra meno perché, come è noto acqua e olio non si mescolano e quindi l'acqua svolge una azione di barriera sui capelli. Questo fatto è importante perché mentre l'olio in superficie scioglie il grasso esterno e lascia quello interno, naturale ed indispensabile per la salute dei capelli, se lo usi sui capelli secchi quello va dentro e sgrassa anche in profondità per questo motivo andrebbe sempre usato sui capelli umidi.
      Ciao :)

      Elimina
    2. In realtà anche io ho provato ad usare l'olio di ricino e l'ho messo sui capelli asciutti prima del lavaggio, come mi era stato consigliato. Lo fai come un impacco, puoi dormirci oppure semplicemente farlo un'oretta prima della doccia. Ho provato ad usarlo anche sui capelli umidi appena lavati, ma è un disastro. Io ho i capelli normali, per niente grassi, ma mettere l'olio di ricino sui capelli umidi prima dell'asciugatura beh....è un casino. Ti ritrovi con dei capelli unti come se non te li lavassi da giorni e giorni! Me li sono dovuti rilavare!

      Elimina
  11. Per me è inspiegabile come tu riesca a lavarli due volte la settimana. Detto questo tanto amore per i tuoi capelli sempre.

    RispondiElimina
  12. Sarei curiosa di vederti bionda bionda, sulla falsa riga della foto in basso a destra!
    Comunque hai dei capelli splendidi, alla faccia di chi dice che il castano è un colore senza senso!

    RispondiElimina
  13. beautiful!

    xx
    check out my new blog:
    skadiida.blogspot.com

    RispondiElimina
  14. Ciao! Io sarei curiosa di saperne di più sullo shampoo viola anti-giallo. Come funziona? Quale usi? Perchè io sono bionda decolorata da anni e sarebbe bello evitare che i capelli ingiallissero nei mesi. Grazie

    Giulia

    RispondiElimina
  15. io ho dei capelli molto belli (complimenti di tutti i parrucchieri sempre) e più o meno seguo le stesse regole tue. Dopo una settimana di mare, quindi di lavaggi giornalieri, cerco dopo di lavarli il meno possibile. L'unico rimedio casalingo che posso consigliare è di risciacquare i capelli con l'aceto: vengono di un lucido che di più non si può (e no, non puzzano)

    RispondiElimina
  16. Io sono stupida e i boccoli con la piastra non mi vengono.
    Però con il Moroccan Oil è stato amore alla prima goccia! E' diventato il mio mai-più-senza...

    http://tacicheemeglio.blogspot.it

    RispondiElimina
  17. Zit! Io ti adoro :) ti avevo già scritto per chiederti consiglio sui capelli e questo post sarà una sorta di vademecum! E mi fai sbellicare! Scrivi un libro!

    RispondiElimina
  18. Ma a te le onde durano più di un giorno? Ci dormi sopra e il mattino hanno resistito? Perchè le mie sono belle il giorno stesso, ma la mattina dopo è tutta una bionda scopa di saggina

    RispondiElimina
  19. Scopri le nuove mini clutch bag su

    http://peachblossom22.wordpress.com
    www.etsy.com

    RispondiElimina
  20. Il Moroccoan Oil è favoloso! Io non lo metto tutti i giorni, ma appena asciugati. E abbondo come pochi! E' una fortuna non avere i capelli grassi.
    Anche io potrei definirmi praticamente astemia: non bevo perchè non riesco. Gli alcolici non mi piacciono, ci provo, ma per finire un bicchiere di qualsiasi cosa può passare un'intera serata. Ed è una gran palla, perchè non riesco mai a passare inosservata e sembra che non riuscire a bere sia un vero peccato mortale. Bah!

    RispondiElimina
  21. zit ma io ho un problema con l'olio! mi sembra di metterne poco (lo metto sui capelli umidi, prima di asciugarli) ma l'effetto finale è quello di capelli untissimi come se fossero sporchi! dove sbaglio? :(

    Ale

    RispondiElimina
  22. ahahhahahah ho appena 'scoperto' il tuo blog!!!
    si si ti assicuro che esistono pure gli intrugli con miele, uovo e avocado XD basta aggiungerci qualche goccina di limone e risciacquare con l'acqua tiepida/fredda per evitare di puzzare di freschino ;-)

    RispondiElimina
  23. Hai dei bellissimi capelli e i consigli che hai scritto sono ottimi! Mi farebbe piacere sapere cosa ne pensi di questo articolo: http://www.agoprime.it/the-hairstyle-fallwinter-2013-2014/

    RispondiElimina
  24. Ma ma...ma vedo una Melanie Griffith nell'ultima foto!!!! :D

    RispondiElimina

Condividi

Blogger Template Created by pipdig