giovedì 29 agosto 2013

Cazzofaccio Parigi

Invecchiare non è bello per nessuno tranne che per Massimo Ciavarro.
Questa cosa che tra due settimane (dio mio DUE SETTIMANE) faccio 30 anni un po' mi spaventa, mi fa pensare, mi angoscia, mi terrorizza.
Per parlare francamente non è la paura di invecchiare che mi crea il nodo allo stomaco, poiché credo di aver accettato lo scorrere del tempo con una normale rassegnazione.
Però 30 anni sono sempre 30 anni, siamo ad un terzo della mia vita e dovrei sentirmi come se avessi seminato già parecchio. Invece la sensazione è quella di sentirsi sfuggire le cose di mano, di aver accettato con pacata rassegnazione tutte le cose spiacevoli che una volta pensavo di non poter accettare. Eppure diventare adulti significa mangiare la verdura anche a pranzo, guardare il telegiornale e saper mandare giù i bocconi amari.
Nei compleanni con le cifre tonde ci si trova sempre a fare bilanci e quindi il mio lo sto facendo già da inizio anno, pensando a come confrontare COSTI e RICAVI per ottenere qualcosa di buono.

Quando una donna giudica a voce alta la sua vita si deve sempre sentire in dovere di ringraziare il cielo e la Madonna per avere un compagno o un fidanzato quando di fatto non dico che essere amati dovrebbe essere un diritto inalienabile di tutti, quanto piuttosto una condizione che poco o nulla centra con la soddisfazione globale di un essere umano.
Sembra che non possa permettermi di essere scontenta perché “almeno hai il fidanzato”. Ma certo, ho il fidanzato e dio solo sa quanto lo amo, quanto è bello passare ogni giorno con lui e avere la possibilità pure di litigarci (e di fargli portare giù l'immondizia).
Ma la soddisfazione personale è altro: è fatta di mille piccole cose, è fatta di salute, di soldi, di tranquillità e di soddisfazione.
E' fatta di genitori che stanno bene (che camminano almeno) è fatta di soldi che non dovrebbero mancare (non è il mio caso, non sono ricca ma sono pagata regolarmente e so che è una rarità), è fatta di soddisfazione quando torni a casa la sera e prima di addormentarti. La sensazione di fare qualcosa di buono per te, per gli altri e per la tua carriera ovunque questa sia rimasta. E forse è proprio questo che mi manca di più.

mercoledì 28 agosto 2013

Macchianera Italian Awards 2013: Nominata come Miglior Sito Fashion

Bentornate care compagne vittime della sindrome da rientro!
Compagne di spellatura di braccia e polpacci! Compagne di abbronzature faticosamente ottenute e già sbiadite! Compagne di acquazzoni presi in bicicletta e con i sandali perché “ORCO GIUDA STAMATTINA C'ERA IL SOLE”!
Bentornate alle vostre scrivanie, bentornate al solito lavoro, soliti colleghi!
Dovrei essere più allegra, d'altra parte è pur sempre settembre, tempo di comprare il diario nuovo, di fare i buoni propositi annuali (come l'anno scorso per Fighedomani), di tornare in palestra e di promettersi L'ANNO PROSSIMO SARO' ANCORA PU' IN FORMA IN SPIAGGIA.

Ma, a proposito di spiaggia, sento di non avervi sufficientemente stracciato la minchia sull'Algarve quindi voglio allungarvi qualche altra foto di quel paradiso inesplorato che è il sud del Portogallo.

 Cabo Sao Vicente - Praia dos tres Irmaos - Praia Figueira - Praia Marinha - Praia Grande

Praia Vale dos Homens - Praia de Rocha Baixinha - Praia Zavial-  Praia Vale dos Homens

Condividi