mercoledì 18 dicembre 2013

I migliori red carpet del 2013

Ci avviamo verso la fine dell'anno e io come il resto del mondo dell'editoria mondiale non possiamo far altro che tirare le somme e fare bilanci.
Ho recensito pochi red carpet ma sono sufficienti per dare un'idea di chi è stato in promozione tutto l'anno (dico a te, Jennifer Lawrence) di chi ha fatto in tempo a rimanere incinta, andare al Met, partorire e dimagrire in 12 mesi (ciao Kim, amica mia) e di chi è stata votata la donna meglio vestita del 2013 (facile se ti chiami Olivia Pope).
Gli eventi recensiti nel 2013 quindi sono: i Globes (l'anticamera degli Oscar), i Grammys (che danno sempre molte soddisfazioni essendo i cantanti in media più tamarri), gli Oscar, il Met e il Festival di Cannes.
[Se non ve li ricordate vi consiglio di andare a ripassare].

Basandomi su questi 5 eventi ho stilato un piccolo questionario per sapere da voi sulla base delle mie domande, chi sono stati i migliori e i peggiori dell'anno sul red carpet.
Tranquille che non si vince un cazzo, niente giveaway. E' solo un sondaggio per puro amore della gloria ma voglio che sia apprezzato perché per capire come farlo per integrarlo sul blog compreso di immagini mi merito la grazia di dio.
Molto arbitrariamente chiuderò le votazioni tra una settimana, ammesso che da casa mia riesca a connettermi ad internet, ma non sento di darvi questa garanzia.

Accanto ad ogni domanda ho scelto un'immagine rappresentativa, ma per molti designer non si tratta dell'unica celebrity "vestita" durante l'anno (basti pensare a Dior che oltre a Jennifer Lawrence ha anche Marion Cotillard, o a Givenchy che ha vestito solo quest'anno Beyoncé, Madonna e Amanda Seyfried).

Enjoy!

mercoledì 11 dicembre 2013

Guida personale ai miei capelli

Sempre di più mi chiedete consigli sui capelli, su come fare la piega, su che shampoo usare e così via. Sembra incredibile pure a me ma quando racconto quelle quattro cose che so sembra che stia portando il Verbo tra i miscredenti.
Tuttavia non credo assolutamente di essere la testimonial della Pantene o Barbie Totally Hair.
Sono solo una con i capelli lunghi che cerca di starci dietro per non avere una scopa stopposa in testa.
Non sono mai stata una “fissata” con il capello sempre lungo o sempre liscio. Nella mia vita li ho avuti corti (e per corti non intendo il caschetto, intendo corti-corti) diverse volte, li ho avuti lisci effetto piastra e ricci grazie alla permanente (OMG!). Per me i capelli lunghi sono solamente quelli a partire dalla chiusura del reggiseno in giù.
Posso dire invece sinceramente che, nonostante non veda il mio colore naturale sulla lunghezza da quando avevo 17 anni, non sono passata attraverso tutti i colori della tavolozza. Sono sempre rimbalzata tra le varie tonalità di biondo e varie tonalità (più calde o più fredde) del castano. Ora come ora credo di essere nel mezzo e di aver trovato la giusta via.


Ecco di seguito un piccolo viaggio nel tempo dei miei capelli:



Non ho nessun segreto di pulcinella da svelare se non i soliti precetti del buon senso quindi non aspettatevi la stella cometa.
Secondo quanto dice la mia ormai celebre parru Sara, che mi conosce da quando avevo 11 anni (è stata testimone delle varie evoluzioni della mia testa), i miei capelli sono:
_Grossi e tantissimi.
_Il loro colore naturale è il biondo cenere tendente al verde (non è una battuta, davvero il biondo cenere può avere qualche sfumatura verdastra, non è che ci vado fiera).
_Le punte sono un po' più deboli del resto del fusto (ovviamente) con qualche doppia punta.
_Non sono particolarmente grassi ma tendenti al secco, da sempre.


A seconda della lunghezza ovviamente il peso del capello cambia quindi ora che sono molto lunghi (per la mia esperienza) sono praticamente lisci, quando erano più corti invece emergeva un po' di mosso leggero.
Li lavo di media 2 volte a settimana.
Il colore che vado a fare circa una volta ogni mese e mezzo è un riflessante senza ammoniaca quindi non è una vera e propria tinta, o per lo meno così mi hanno sempre fatto credere.
Fino a luglio 2011 ero bionda poi, complice una delusione d'amore (10 punti a chi indovina chi era), mi sono fatta castana poco prima della vacanza in barca.
Durante la vacanza ovviamente il colore ha scaricato e le punte bionde si sono fatte sempre più evidenti.
Queste punte bionde ora che sono di base castana non vengono riprese spesso, anzi, tendenzialmente una volta o due all'anno poiché non ho bisogno di “alzare” così tanto la parte bionda della lunghezza (dall'altezza del mento in giù). Il trattamento che faccio una volta al mese è semplicemente riprendere la ricrescita della base e fare un tonalizzante nutriente sul resto della lunghezza. E basta.

Di recente però ho speso 3 ore della mia vita in salone per passare dai riflessi caldi e ramati che erano rimasti sul capello dopo l'estate per virare ai riflessi freddi come il cenere più adatti al colorito pallido che ho d'inverno. Onde evitare che le punte bionde però diventino troppo “paglierine”, ho acquistato uno shampoo anti-giallo (cioè uno shampoo violaceo apposito da fare ogni due settimane).

venerdì 6 dicembre 2013

Cazzomimetto Matrimonio con il freddo #2

Questo è uno di quei post che faccio per sfinimento.
I post sui Cazzomimetto Matrimoni (il primo, il secondo, il terzo) sono da sempre una fonte inesauribile di dubbi, incertezze, domande, richieste accorate. Come se andare ad un matrimonio in inverno sia la peggiore delle sfighe che possa capitare, come se vi venisse chiesto di risolvere un quesito di algebra a 30 anni, come se doveste farvi da sole la dichiarazione dei redditi.


Ora, con tutto il bene che vi voglio ma SANTODIO se vi fate prendere dal panico. “ODDIO UN MATRIMONIO A DICEMBRE!1!!” - “HO UN MATRIMONIO DOMANI MATTINA COSA MI METTO?” - “UNA MIA AMICA SI SPOSA A GENNAIO, MA SI PUO'?”
Innanzitutto ci tengo a precisare che non sono un oracolo: non ho la risposta ad ogni quesito e soprattutto se mi mandate messaggi come “ho una cerimonia sabato, cosa mi metto?” la mia prima reazione è quella di rispondervi “e io ho la parrucchiera”, perché non sono la fatina che senza alcuna foto del vostro corpo, senza un'idea di quello che avete nell'armadio, senza una forbice di spesa che specifichi il vostro budget, riesce a offrirvi l'outfit perfetto.

Chi scrive mail per chiedermi consiglio lo sa: io rispondo sempre, vi metto link, foto, vi faccio proposte. Ma per favore, non panicate per un matrimonio a dicembre! Basta vestirsi come per la messa di mezzanotte ma con qualche lustrino in meno!
Insomma i negozi pullulano di proposte in periodo natalizio e vi prego, non venitemi a dire che c'è solo il nero, non è vero.
Riconosco però che il nero è più diffuso e che l'abbinamento con le scarpe o con il cappotto può essere un tantinello più difficile, per questo posso dirvi SI al nero ma sapientemente dosato.
Di certo non avrete la mia approvazione se mi chiedete che calze mettervi con un abito nero. Se volete sembrare delle vedove affrante ad un matrimonio non me ne prendo la responsabilità!
Ad ogni modo questa stagione PULLULA di proposte che vanno dal blu, al verde petrolio, al giallo senape, al grigio. Il nero è per le pigre.


Fatta questa doverosa premessa, ho preparato qualche proposta per dimostrare che vestirsi per un matrimonio a dicembre non è impossibile. Per tutte le proposte c'è un pezzo unico abbinato in maniera diversa.

Condividi