martedì 3 giugno 2014

Only the pazzi: Run 5.30 e We Own The Night 2014

Ci vuole del bel coraggio per andare a correre alle 5.30 di mattina in un giorno feriale. Spiegarlo alle persone che mi circondano, da mia madre ai miei colleghi, dal fidanzato ai compagni di palestra è sempre un po’ difficile perché, anche se loro non se lo immaginano, io glielo vedo quello sguardo da “ma tu hai qualche problema”.
E tu vaglielo a spiegare che trovo molto più normale alzarmi alle 4.30 per andare a correre che abbandonare il divano all’una di notte per uscire a bere un inutile drink sui navigli.
Non trovo strano alzarmi prima dell’alba per correre nel mezzo del centro storico di Milano deserto e anzi, trovo sinceramente ottuso chi non capisce quanto sia liberatorio e soddisfacente un esperienza del genere.
Correre alle 5.30 di mattina (di un giorno feriale, è bene sottolinearlo perché a farlo di sabato o di domenica son capaci tutti) è una di quelle cose che gli americani metterebbero nella “bucket list”: l’elenco delle cose da fare prima di morire.
Come posso spiegare una mattinata così elettrizzante, così euforica: un gruppo di persone che fino a 3 mesi fa manco si conosceva e adesso si ritrova alle 5 di mattina davanti ai Giardini di Palestro a ridere e a prendersi per il culo l’un l’altro perché “oh io dopo ho una riunione” “non sono mai stata in centro a quest’ora struccata” “ma che cazzo stiamo facendo” “quello là ha fatto il dritto”.

Facce da cityrunners: Francesca, Gaetano, Tania, io, Giulia, Daniela, Rossana e Mirko

Per chi corre da un po’ fare 5 km è abbastanza agevole: direi che è quasi una distanza che si riesce a completare senza nemmeno attivare i dolori da infortuni che tutti, e dico tutti, noi cityrunners stiamo sperimentando. La mia home di Facebook ormai è un proliferare di aggiornamenti da ortopedia insieme agli immancabili Runtastic e Runkeeper: c’è chi corre alla mattina (tipo Giulia l’Highlander), chi corre la sera come Mirko, chi sale centinaia di scale come quel folle di Cristiano e c’è chi corre come me che giro intorno ad Isola come un criceto sulla ruota esultando tutte le volte che mantengo un passo sotto i 6 minuti/km.

Condividi