Ma ti sei vista

giovedì 20 dicembre 2018

Il mio qua-trio Inglesina Aptica

Ricordo ancora quando a maggio lanciai un sondaggino su Instagram chiedendo consigli su che passeggino fosse più consigliato per me acquistare. Mi servirono almeno 24 ore per smaltire tutti i messaggi. Capii immediatamente che, come per la gravidanza, su pannolini e passeggini tutti hanno un’opinione, un po’ come la nazionale di calcio!
Tuttavia questo è inevitabile: pure io che ho solo 8 settimane sulle spalle sento di poterne parlare ora come una veterana. Innanzitutto, errore da dilettante: non si dice passeggino. Si dice TRIO. 

Nella mia ignoranza pre-parto passeggino/carrozzina erano la stessa cosa, ora invece so bene che si tratta di mezzi diversi. 

Ma andiamo con ordine: le opzioni sul mercato sono miliardi e dopo mesi in cui ho letteralmente (lo giuro) seguito per strada le mamme e le coppie con i passeggini più interessanti ho stilato la lista degli elementi che per me sarebbero stati imprescindibili (facile da manovrare e da aprire/chiudere, sicuro, solido e ovviamente carino). E’ vero, il “trio” è uno di quegli acquisti che si è costretti a fare prima della nascita, quando ancora non sai a che santo votarti, sei lucida dalle tue 7 ore di sonno e non immagini quante cose imparerai a tenere contemporaneamente in mano. Però serve immediatamente e per “immediatamente” intendo proprio che non puoi schiodarti dall’ospedale senza l’ovetto. E una volta a casa non hai idea di dove appoggiarlo se non hai almeno la navicella.
Da 2 mesi stiamo quindi usando il sistema quattro Aptica dell’Inglesina: si chiama sistema Quattro perché oltre al triplete classico (passeggino, navicella, ovetto) dispone anche di un supporto per poter utilizzare in casa la navicella (o l’ovetto) come culla separandola dal telaio. 
Il supporto base è la salvezza per i genitori che vogliono evitare la cosiddetta “Mossa del Ninja”: quella mossa P E R I C O L O S I S S I M A per la quale si tenta (invano) di trasferire il neonato, tanto faticosamente addormentato durante la passeggiata, dalla carrozzina (o dal seggiolino auto) alla culla in casa. Il supporto funge da salvatore perché anziché prelevare il bambino con il rischio di innescare la sirena, si attacca direttamente la seduta al supporto senza minimamente turbare il sonno al piccolo erede. 
Dovete capirmi, io non ho mai preso in mano una carrozzina in vita mia prima del 22 ottobre, giorno delle dimissioni dall’ospedale. Non siamo nemmeno andati nei negozi a provarne altri o a “farci un’idea” e la mia ricerca, come per ogni cosa, si è limitata alla vastità delle opinioni online. Le istruzioni sono servite per montare i vari pezzi ma il resto, da bravi millennials, è stato imparato direttamente sulla strada. 
In ordine cronologico, l’ovetto è stato il primo ad essere testato dalla nuova famiglia e vi spiego in che scenario c’è stato il “battesimo”: dopo 6 giorni in ospedale finalmente ci danno l’ok per le dimissioni, Fagiolino ha concluso la fototerapia e sta bene, io sono ancora dolorante ma piena di adrenalina all’idea di andare a casa e Diego… bhé, dopo 6 giorni in cui io e il piccolo eravamo nella sicure mani dell’ospedale, adesso doveva prendersi cura di noi. Sarà la tensione, sarà la paura di romperlo (Leonardo, non l’ovetto), ma credetemi: quella prima e necessaria operazione ci ha portato via quasi un’ora. Quando siamo riusciti a sentire finalmente il “click” di chiusura delle cinture di sicurezza eravamo SUDATI.“Oddio ma è così complicato?” No, non lo è e infatti adesso lo facciamo in continuazione, in pochi secondi e sempre durante una crisi di pianto. Però in quel momento, allacciare Fagiolino alla seduta dell’ovetto, assicurarsi che fosse in posizione corretta e al riparo da urti è stata la prima operazione da genitori che abbiamo fatto. La prima. Eravamo tesi come corde di violino, sembravamo sui carboni ardenti, con la fretta di lasciare la camera e (almeno per me) respirare un po’ di aria fresca dopo quei giorni così pieni e concitati. 
La sottoscritta nervosissima (“Io in 9 mesi ho fatto un essere umano, tu POTEVI LEGGERE LE ISTRUZIONI ALMENO”) e Diego nel panico che cercava un tutorial su You Tube. 
Adesso che sia io che Diego ci siamo calmati, è il supporto che utilizziamo più di frequente: un po’ perché è il più immediato e pratico (dovendosi spostare in auto è indispensabile), un po’ perché essendo il primo con il quale abbiamo familiarizzato è quello con cui abbiamo più dimestichezza.


La nostra prima passeggiata in 3 con un Leonardo evidentemente perplesso

 Non lo usiamo quando facciamo le lunghe passeggiate ma certo quando dobbiamo uscire per delle commissioni brevi è l’ideale. Si sgancia facilmente (lo giuro) tramite una leva sul retro dello schienale e può essere agganciato anche sul supporto in casa oltre che alla base opzionale per l’auto. E’ omologato secondo le normative europee per il gruppo 0+ (da 0 a 13 kg di peso) e la posizione in auto è solamente in senso contrario al senso di marcia. Pesa intorno ai 4 kg ed è dotato di un sistema di protezione laterale dagli urti che lo rende il luogo più sicuro nel quale viaggiare in auto con noi. 

Insieme all’ovetto noi genitori inesperti ci siamo cimentati immediatamente anche con il telaio: il mio pezzo preferito di tutto l’ambaradan. Perché? Perché è diventato in breve tempo il mio compagno di passeggiate rendendomi la vita semplice quando pensavo che girare sui marciapiedi di Milano con carrozzina, cappotto, borsa e l’opzionale ombrello fosse complicato. E’ il mio pezzo preferito perché si guida con una mano sola e avere una mano libera e un bambino che dorme ti rende ONNIPOTENTE: puoi fare una telefonata, puoi scrollare il feed di Instagram, puoi addirittura fare delle storie! Il tutto continuando a guidare su e giù dal parchetto e senza interferire con il beneamato pisolino. La struttura è in alluminio e le ruote sono tutte ammortizzate come un pandino 4x4 e infatti anche al parco si gira lisci che è un piacere. Con l’apertura a libro riesco ad aprirlo e chiuderlo con una mano e altra cosa per me importante è che una volta ripiegato il maniglione non tocca terra, garantendo maggiore igiene quando poi interagisco con Leonardo. L’intera operazione di apertura/chiusura richiede qualcosa come 8 secondi e senza aiuti dal pubblico: record da me sperimentato in una giornata di pioggia davanti ad un tassista inerme che si è limitato ad aprirmi la porta e a porgermi il telaio chiuso. Alboreto is nothing!


La navicella, lo ammetto, mi ha sempre messo un po’ in soggezione. Sarà che la vedevo come un oggetto così ingombrante, inizialmente sono stata un po’ reticente a provarla su strada. Con i primi freddi però ho dovuto cimentarmi, anche perché volevo fare qualche passeggiata più lunga di 20 minuti. Ho personalmente testato il servosterzo la maneggevolezza della carrozzina in giro tra gli stretti passaggi di Tiger e posso confermare che non solo non mi sono trascinata dietro una mensola di ciotoline e campanellini al mio passaggio, ma pure non ho urtato nessuno e Leo non si è svegliato. La prima cosa che mi ha entusiasmata è che nel mio ascensore che di certo non è enorme, ci stiamo io, Fagiolino, la navicella montata e pure Diego all’occorrenza. 


Nonostante io sia più larga del solito e pur avendo l'ingombro della carrozzina, nel mio piccolo ascensore ci entriamo tutti lo stesso

La culla è bella ampia (79x37) e garantisce lo spazio anche per il saccottino invernale. Un dettaglio interessante è la possibilità di alzare lo schienalino consentendo al bimbo di guardare fuori ma, se devo parlare per esperienza personale, Leonardo se la dorme sempre così di gusto sdraiato nel suo nido che, di quello che succede fuori, non ne vuole manco sapere! Tutto il rivestimento è lavabile e il materassino in bambù è traspirante ma il ricircolo d’aria è assicurato anche dalle due aperture: una sulla capottina e una sul pannello frontale della navicella. Infine una cosa che invece ho trovato molto utile è la copertina con doppio pannello: non solo gli copre le gambe, ma vi è un secondo pannello che attaccato agli automatici alza una “barriera” verticale e protegge l’interno dal vento e dall’aria fredda. Volendo anche la navicella può viaggiare in auto essendo omologata per il gruppo 0 (da 0 a 10 kg, Reg. europeo ECE 44/04 con l’utilizzo del kit auto Maxi corrispondente). 


DILF a passeggio

Infine il passeggino sarà la vittoria dei prossimi mesi: utilizzabile fino ai 22 kg è la parte del sistema che ancora non ho testato ma ci sono quei 2-3 punti sgamo che mi hanno già convinta: innanzitutto si apre e si chiude con la seduta passeggino già montata che, permettetemi, dopo un bel po’ di mesi attaccando e staccando ovetti e navicelle sarà un gran bel lusso. Poi, la possibilità di reclinarlo in 7 posizioni, potendo avere anche la seduta completamente orizzontale per i pisolini. Le cinture di sicurezza sono a 5 punti e regolabili in altezza per seguire il bimbo nella crescita. 

Infine, un dettaglio indispensabile che inizialmente avevo sottovalutato ma che ho riconsiderato dopo lo shampoo preso dall’ostetrica del consultorio (“MA COME? Non si è portata il cambio pannolino?”): la borsa del cambio.Avevo pensato alla possibilità di lanciare due pannolini in borsa con un pacchetto di salviette ma poi: e la cremina? E un asciugamano? E il bodyno di ricambio se si sporca? E il biberon? La dual bag mi ha salvata non solo dallo sguardo giudicante dell’ostetrica (almeno su questo, invece continua a giudicarmi per come tengo le braccia mentre allatto) ma anche dal dovermi trascinare nella borsa 4 kg di roba in più su una spalla. Ci sono due tasche con rivestimento termico per portare in giro i biberon, c’è un comparto completamente staccabile con tanto di materassino da viaggio per i cambi dove manca il fasciatoio e mille tasche per infilare tutto il necessario. Il tutto coordinato con il colore della carrozzina.
SHARE:

martedì 11 settembre 2018

Allenarsi in gravidanza, sì ma come? Boh!

Giunta ormai quasi al termine della gravidanza, ci sono molte cose sulle quali mi sono fatta un’opinione precisa e una di queste è la questione dell’allenamento in gravidanza.
In questi mesi è stato uno degli argomenti più frustranti per me che, pur non essendo di certo un atleta fitness d’elite di chissà quale livello, negli ultimi anni ho maturato una certa passione per lo sport.
E’ inevitabile che uno dei primi quesiti che mi sono posta quando ho scoperto di essere incinta sia stato “ok adesso come mi alleno?”. Ho scoperto, direi immediatamente, che le scuole di pensiero sono svariate.  Una donna, al momento della (prima) gravidanza, ha le idee piuttosto confuse e l’unico faro di conoscenza non è alfemminile.com (come spesso accade) ma il ginecologo. Tuttavia, con tutto il rispetto per la professione medica (e ne ho moltissimo), ho notato che è difficile trovare due medici concordi sulla stessa cosa. Relativamente all’esercizio durante la gravidanza ci sono svariate scuole di pensiero: influenzate dalla cultura, dallo storico personale e dalle conoscenze maturate sul campo dello stesso medico.
Tendenzialmente nessuno, in una gravidanza fisiologica (cioè senza patologie e rischi), sconsiglia di sana pianta l’esercizio fisico….MA!
Ma ognuno applica dei vincoli tutti personali, ecco qualche esempio:
- non correre/corri fino alla fine del I trimestre/corri semmai a partire dal II trimestre/sei hai sempre corso, continua a correre senza arrivare alla soglia di max sforzo
- non saltare/salta fino a che il pancione te lo consente
- non alzare pesi/ok i pesi ma attenzione al pavimento pelvico
- niente bici/bici ok
- non squat/ok squat
- hydrospinning sì/hydrospinning no 
- fit ball sì/fit ball no
e così via.
Insomma una donna che si trova con la voglia di fare, non sa più cosa fare perché sente tutto e il contrario di tutto e seppur con tutta la forza di volontà (che, come sapete, diminuisce con il passare dei mesi) si ritrova spaesata e alla fine, forse, non fa niente.
Un aspetto che ho trovato sottovalutato nella gestione della gravidanza dal punto di vista medico è l’emotività della donna attiva che d’un tratto si trova costretta a non poter fare più nulla perché senza una linea guida specifica. Parlo per me ma anche a nome di altre donne con cui ho avuto modo di interfacciarmi con più o meno lo stesso mio livello di allenamento.
Prendete me: praticavo training funzionale 3 volte a settimana e saltuariamente aggiungevo una seduta di hydrobike da Waterbeat o una sessione da Barry’s Bootcamp.
Passare da un regime settimanale di 3-4 sedute di fitness intenso a zero ha provocato uno scompenso emotivo considerevole. Altolà: non dico che non si possa fare nulla ma che per una persona abituata ad un determinato livello di fitness, ritrovarsi a fare le passeggiate o l’hatha yoga corrisponde letteralmente al N U L L A. 

Nella mia esperienza ho capito che l’attività fisica gioca un ruolo importante se non fondamentale nel benessere psico-fisico e non parlo limitatamente alla leva del mantenimento o della perdita di peso. Chi pratica regolarmente sport (qualsiasi sport: che siano i corsi in palestra, judo, tennis, volley, spinning, boxe, beach volley, danza etc) magari ha cominciato perché voleva appunto recuperare un certo livello di forma fisica e perdere peso o massa grassa ma presto si sarà reso conto che la costanza nell’attività porta benefici ben maggiori dell’esclusiva perdita di peso: si tratta di migliorare qualitativamente la propria vita perché si mangia meglio, si digerisce meglio (sì, parlo anche dell’intestino), si dorme meglio, si respira meglio, ci si muove senza affanno e con maggiore agilità. Tutto questo contribuisce a mantenersi più equilibrati dal punto di vista psicologico ed emotivo e, in una parola, più felici.
Gli ormoni sono delle potenti “DROGHE” prodotte dal nostro corpo e non è un caso che praticando attività fisica si stimoli la produzione di endorfine, gli ormoni del benessere (che combattono invece il cortisolo, il maledetto ormone dello stress).
Una donna in gravidanza è un fottuto cocktail di ormoni: tutti di fondamentale importanza alla crescita e allo sviluppo del bambino. Il bello è che uno dice “ormoni” ma spesso nemmeno sa di cosa sta parlando (e io sono sicuramente tra queste persone) ma mi permetto di dare la mia esperienza provata sul campo. Gli ormoni -della gravidanza- sono potentissimi e senza che tu nemmeno te ne accorga puoi essere la donna più sicura del mondo in un momento e trovarti sull’orlo di un attacco di panico poco dopo. Puoi raggiungere picchi di felicità che pensavi inimmaginabile e subito dopo sprofondare nell’abisso profondo della disperazione. Oppure puoi ritrovarti a piangere di continuo perché sopraffatta dagli eventi senza riuscire a fare nulla per riprenderti razionalmente. 

Nei primi 4 mesi di gravidanza mi ha seguito un medico ginecologo super simpa che pratica yoga da anni. Nel I trimestre mi ha consigliato di praticare yoga ovviamente e io, come ho già raccontato, ho avuto il mio bel daffare a trovare un centro che mi facesse fare qualcosa in quei benedetti primi 3 mesi. Dal II trimestre in poi sono stata seguita da una dottoressa fenomenale che però, se da una parte non ha ostacolato il mio desiderio di sport, dall’altra ha posto anche numerosi paletti (che ad una certa ho deciso, a mio rischio e pericolo, di ignorare).
Eppure, se solo si scavalla l’oceano e si va a New York le cose sembrano piuttosto diverse. Ce la ricordiamo tutte Charlotte che corre per Central Park pur sapendo di essere incinta e voglio vedere a quante donne in Italia il ginecologo ha dato l’OK per praticare running. Forse solo i medici sportivi alle atlete e perché loro sono -giustamente- seguite con una cura diversa rispetto a quella di noi donne non-atlete. 

Alysia Montano, a 34 settimane, che corre una 800m 

SHARE:

lunedì 3 settembre 2018

Il terzo trimestre tra lacrime e fastidi

Giunta alla 31esima settimana, sono entrata in pieno diritto nel III trimestre: il trimestre della consapevolezza, il trimestre della visualizzazione, il Trimestre dei Trimestri.
Innanzitutto fatemi dire che contare la gravidanza in settimane o in mesi è un maledetto labirinto: da che mondo è mondo la gestazione dovrebbe durare 9 mesi, no? Eppure non appena rimani incinta il mondo medico si rivolge a te contando le settimane. Una pensa che sia cosa semplice, pure per un cervellino lento con i conticini come il mio, 9 mesi * 4 settimane = 36 settimane massime. Invece no, la gravidanza dura 40 settimane. Quindi, spetta un attimo, ma conti alla mano allora sono DIECI MESI!1!!
Sono dieci mesi raga, DIECI! CI HANNO SEMPRE FREGATO!

Sembro un serpente che ha inghiottito la preda

Quindi, ricapitolando, io che sono alla 31esima settimana ma mancano 2 mesi alla data del parto sono all’ottavo mese o sono al settimo? Tutto questo per dire che uno dei piaceri del III trimestre è la cosiddetta domanda di maternità flessibile da presentare all’INPS: chi come me non fa lavori che mettono in pericolo il bambino (cioè non devo stare troppe ore in piedi o avere a che fare con sostanze chimiche etc) può richiedere allo Stato di gestire i 5 mesi di maternità obbligatoria (solitamente divisi tra 2 prima del parto e 3 dopo), lavorando per tutto l’ottavo mese e usufruendo di 1 mese di congedo prima e 4 mesi dopo la nascita.
Io l’ho presentata qualche settimana fa e la cosa mi è costata sudore e fatica (come ogni cosa in questo periodo del resto) ma anche perché nel mio caso cadeva nel mezzo di agosto, con le chiusure degli uffici e i medici del lavoro in vacanza.
Ad ogni modo il mio moto di protesta va a all’INPS che calcola la maternità partendo dalla data di presunto parto e procedendo a ritroso in mesi mentre invece il resto del mondo medico calcola la gestazione in settimane partendo dalla data dell’ultimo ciclo. Tra un calcolo e l’altro ballano 4 settimane, esattamente quelle che mancano.
Ma polemichina sterile a parte eccoci a parlare del fantomatico ultimo trimestre da non mamma.
La prima cosa che mi sento di evidenziare è un fil rouge che per alcune prende tutta la gravidanza fin dal I trimestre: LA STANCHEZZA.
Sarà che la mia gravidanza è caduta proprio nel mezzo dell’estate, la stanchezza ha cominciato a diventare fedele compagna di vita a partire già dal 6° mese (giugno-luglio) e come avrete avuto modo di notare, abbiamo avuto un’estate “classica” con caldo afoso fin da giugno senza mai mai mai mollare fino a ferragosto. Amica Stanchezza ama manifestarsi in qualsiasi momento della giornata, spesso di mattina ma talvolta anche nel primo pomeriggio. Il sonno non è mai sufficiente anche perché spesso intervallato da risvegli notturni preparatori ai mesi a venire e visite al bagno per fare due insopportabili goccine di pipì.
Amica Stanchezza fa spesso coppia con Amica Spossatezza: se non è una, è l’altra.
Un giorno è vero e proprio sonno: sbadiglioni e lacrimoni fino alle 7 di sera. Un altro invece è proprio una sensazione di soffocamento spesso accentuata dal caldo che toglie il respiro.
Purtroppo va così: il corpo sta facendo gli straordinari, lavora di giorno e di notte alla produzione di un piccolo ma meraviglioso nuovo essere umano e questo richiede un lavorìo costante di tutta la fabbrica. Nel mio corpo tutti stanno facendo i doppi turni, non si dorme mai, la delivery del progetto è vicina e le aspettative sono altissime.


SHARE:

mercoledì 4 luglio 2018

La gravidanza non è una passeggiata e chi dice il contrario mente

Se il post del primo trimestre l’ho scritto abbastanza tranquillamente durante quei primi tre mesi, il post sul II trimestre è qualcosa che ho cominciato quasi immediatamente al 4 mese, piena di furia rabbiosa da “ah ma quindi la gravidanza è così?” e poi ho mollato e ripreso più volte tra il 4° e il 5° mese nella speranza che ad un certo punto il mio stato d’animo cambiasse (spoiler: NO).
Ora che sono entrata nel 6° direi che ho aspettato a sufficienza prima di poter dire a pieni polmoni e a gran voce: AVETE SEMPRE MENTITO TUTTE!

Il I trimestre lo possiamo definire il trimestre della sorpresa: la notizia è ancora limitata a pochi intimi, non lo sa nessuno e se sei fortunata non hai nemmeno troppi disturbi.
Il II trimestre è quello della consapevolezza: la notizia ormai viene comunicata ai nonni, agli amici, ai colleghi, al datore di lavoro, a Instagram! Per le super magre la pancia comincia a vedersi a trimestre inoltrato, per chi da sempre come me vive sul filo del rasoio la pancia si vede quasi immediatamente.
I vestiti non fittano più e molto dipende anche da come è andato il I trimestre: se, come me, tutte le verdurine che prima si mangiavano a profusione hanno cominciato a dare la nausea e si comincia a bramare solo carboidrati, carboidrati, carboidrati soprattutto salati, salati, salatissimi (focaccia pomodoro e capperi, olive, cetriolini, pasta con il tonno, vitello tonnato etc) è anche facile capire come mai i vestiti di prima non fittino più già all’inizio del 4° mese.

Nel mio caso posso dire che questo trimestre si sta rivelando più difficile di quanto immaginassi.
Un piccolo elenco puntato delle gioie di questo periodo:
-          Il pregnancy glow è una bufala
-          Il mal di schiena
-          Le tette grosse e la pancia
-          I vestiti
-          La pancia dura
-          L’ipensensibilità e l’umore
-          La pressione

La bufala del Pregnancy Glow
Dal punto di vista fisico uno degli aspetti peggiori di questo momento di cui non manco di parlarne su Instagram è la dermatite (atopica) che è peggiorata parecchio rispetto al suo solito decorso estivo (d’estate non dovevo nemmeno più preoccuparmene) e ha cominciato a invadere zone sempre più fastidiose del corpo: le palpebre, il contorno occhi, le guance, le mani, le braccia, il collo. Il caldo di certo non aiuta nessuno, figuratevi me che ho una temperatura corporea più alta rispetto agli altri e sudo pure di più.
Di notte ho l’aria condizionata accesa da maggio e in ufficio mantengo una temperatura polare (tipicamente maschile) per la quale sto facendo ammalare di broncopolmonite quelle due povere cristiane che lavorano con me.
Nonostante la visita dalla dermatologa che altro non mi ha detto che “ci sono certe donne a cui in gravidanza la dermatite migliora e ad altre no” (e sti cazzi non ce lo metti?), gli 80€ di prodotti da lei consigliati non mi hanno portato alcun sollievo. Mi sveglio di notte per grattarmi, sento le mani pulsare dal calore, non posso toccare quasi niente perché la pelle si secca così tanto da aprirsi in micro taglietti, passo il tempo a grattarmi il viso e con disperazione e vergogna (ma perché poi?) mi ritrovo ad usare la crema cortisonica perché arrivo a momenti in cui sono talmente scoraggiata dal prurito che non so dove sbattere la testa. Purtroppo sono anche arrivata al punto che la crema delle emergenze non funziona più e rassegnata sto percorrendo la miriade di alternative e suggerimenti che mi stanno arrivando.
La cosa super fun della gravidanza è che questo genere di problemini sono comuni ma, almeno io, mi ritrovo in questa palude decisionale:
-     La dermatite migliora con il sole --> al caldo soffoco e dovrei evitare i raggi del sole per non incorrere nel  melasma gravidico (le macchie sul viso) --> Il calore dilata i vasi MA ho le varici e i capillari esplosi come miniciccioli nella gamba QUINDI dovrei stare al fresco
-    Vai in piscina a fare nuoto che annulli la forza di gravità e non senti il peso della pancia --> le ossa del bacino sono storte, ho fatto due bracciate a rana e ho sentito solo saette di dolore alla schiena in più il cloro peggiora le zone colpite da dermatite
-     Non ti truccare che meglio non avere nulla sul viso --> Già una è grossa e con le gambe gonfie (e cammina storta), in più grazie alle chiazze in viso non puoi nemmeno truccarti non ti dico la gioia di vivere di guardarti allo specchio

Le poche volte che ho goduto del sole al lago ho usato la protezione 50 sia sul viso che sul corpo ma su quali prodotti usare (e se usarli) i consigli (che ricevo da Instagram) si sprecano: tutti hanno una cremina omeopatica o una cremina per pelli ipersensibili che ha loro migliorato lievemente l’esistenza eppure a me sembrano tutte uguali e mi azzardo a comprarne poche perché tanto sono così scoraggiata che sembrano tutti soldi (e costano mica poco) sprecati.
Per ora quello che ho provato sulla mia pelle sono: crema toleriane La Roche Posay, Dermamid Pasta, Cetamol fluido e detergente. Risultati? Zero.
Al momento dopo una settimana di Halicar (crema fitoterapica che simula gli effetti del cortisone e ginecologa approved) (della quale mi sento di endorsare l’utilizzo), sto passando ad una serie di prodotti biologici in cui, ci tengo a dirlo, non ho mai creduto particolarmente ma ora che sono presa dalla disperazione proverei anche il piscio dei gatti se solo non rischiassi la toxoplasmosi (DOH!).

Nel mezzo del 4° mese ho cambiato pure ginecologo visto che il mio, per 200€ a visita, giunta alla fine del I trimestre ancora non mi aveva fatto esami del sangue completi, non mi aveva dato uno sguardo alle gambe (soffro di varici e ho già fatto una safenectomia nel 2016), non mi aveva mai misurato la pressione e nemmeno pesata. Per fortuna grazie alla raccomandazione di una collega ho trovato ora una dottoressa mille volte più gentile, disponibile, per la quale ringrazio il cielo ogni volta (e che in più lavora in ospedale, il che aiuta molto nello sbrigare quelle pratiche INPS che le risorse umane richiedono ma che sono una giungla burocratica you know what I mean).
E’ così quindi che abbiamo scoperto all’alba del 5° mese di essere ipotiroidee (daje) cosa per altro abbastanza comune in gravidanza (e figurati se mi mancava).


SHARE:

martedì 8 maggio 2018

Quindi sono incinta

Esatto care mie, dopo settimane mesi di speculazioni su Instagram e decine di invadenti messaggi (o commenti seminati qua e là) da perfette sconosciute che volevano informarsi sulla popolazione nel mio utero, posso confermarvi che sì, sono incinta. Ora che pubblico questo post sarò intorno al 4° mese, ma l’ho preparato nel corso del I trimestre. Il peggio è passato ma la verità è che non si mai al sicuro (soprattutto per chi temibilmente si avvicina alla soglia dei 35 anni).
L’abbiamo scoperto un weekend di un periodo particolarmente stressante. Al lavoro avevo accettato un nuovo incarico ed ero molto in ansia perché (ciao psy) temevo di non essere all’altezza. Avevo incubi di notte e ogni sorta di disturbo di giorno: mal di stomaco, gengive sanguinanti, crisi di pianto.
Razionalmente era così che mi spiegavo il ritardo fino alla sera quando, al telefono con Diego alle 8 ero ancora in ufficio dopo una brutta discussione con un collega, dicevo “mi servirebbe prendere un test”.
Quel primo giorno, quel weekend, è trascorso poi con le gambe tremanti. Come quando prendi un grosso spavento e poi lo spavento passa e il corpo si deve ripigliare dallo shock.
La prima tentazione è quella di dirlo a tutti. Chiamare mamma, amiche, parenti, facebook, fare l’annuncio su Instagram. E’ bellissimo, sono incinta!
Ma poi no, non sai ancora nulla (questa cosa del non sapere rimarrà una costante lungo tutta la gravidanza, temo) e non vuoi dire nulla perché rimbomba nella testa quel “NON SI SA MAI”.
Dopotutto ok, 34 anni, ma non bevo non fumo e mangio broccoli. Cosa cazzo deve succedere?
Quindi non lo diciamo a nessuno, mantengo il segreto anche con la mamma, difficilissimo.
Prenoto la visita dal ginecologo, ci andiamo insieme. Vorrei entrare urlando “SORPRESA! SONO INCINTA, BELLA LI!” ma mi ritrovo timorosa, spaventata. “E se il test (i test, ne ho fatti 2) fossero sbagliati? E se non ci fosse già più?”.
Questa cosa dell’avere paura al momento della visita (di tutti gli specialisti con cui ho avuto a che fare, il ginecologo non mi ha mai messo particolare timore) mi era (e mi è) completamente nuova.
Passo settimane tranquilla senza le classiche pare della donna incinta (oddio il sushi, l’insalata al ristorante no, il roastbeef no, la fragola l’hai lavata bene?) ma quando si avvicina il momento dell’eco, sono impietrita dal terrore.
E se non c’è più? E se ci siamo tutti sbagliati? E se sono una di quelle che lo perdono nel primo trimestre? Può succedere, è molto frequente, Lucia devi essere pronta a tutto.
Quindi non sono una che all’ecografie piange dall’emozione: niente lacrime al primo battito ma dei gran sospiri di sollievo.
Mi meraviglio del prodigio che sta producendo il mio corpo: era una pallina informe, ora ha già le manine! Era un cosino grande come un paciocchino, adesso è già grande come un limone!
Comincio timidamente a comprare qualche libro, un paio, giusto per capire meglio quello che sta succedendo visto che ALLARME ALLARME andare su internet quando sei incinta è più pericoloso che attraversare la tangenziale con una benda sugli occhi.
Alla seconda visita, il ginecologo mi congeda dicendomi “e non vada su internet, mi raccomando” e seppur l’abbia fatto (“sapore acido in bocca gravidanza” “voglia di cibo salato gravidanza” “salmone affumicato scaduto gravidanza” “salsa tzatziki gravidanza” “dopo quanto si sa il sesso gravidanza” “test genetico gravidanza”) sto cercando di bacchettarmi le mani da sola ed evitare di entrare in paranoie inutili (“si possono mangiare le cozze in gravidanza” “ellittica in gravidanza” e così via...). Per la cronaca, i libri che ho acquistato sono “Cosa aspettarsi quando si aspetta” e “Il Linguaggio segreto dei neonati”.
Per ora sto leggendo il primo e sembra davvero esaustivo (ne hanno tratto anche un film che naturalmente non ha lo stesso approccio analitico all’argomento, ma è più una commedia romantica).
I forum poi sono una specie di pozzo infinito di paranoie dove le mamme si parlano tramite terminologia specifica (“io sono 26+3” “io sono 18+5”) e sono tutte dottoresse in ginecologia e ostetricia e possono consigliarti per il meglio che di solito è “se stavi per fare quella cosa scordatelo subito perché potresti far del male al bambino!1!!!”.
Quindi un piccolo recap per punti di quello che è stato il primo trimestre per me:

SHARE:

Condividi

Blogger Template Created by pipdig