martedì 19 giugno 2012

Madonna Milano 2012: La Regina tiene botta e non accenna a smettere

Madonna è Madonna.
Madonna non è come Lady Gaga, non è come la fu Britney Spears.
Madonna è intoccabile.
E non lo dico perché odio Lady Gaga, visto che a Ottobre andrò al suo concerto.

Madonna va vista almeno una volta nella vita.
E prima ci si rende conto che i migliori concerti sono già stati e non torneranno mai, meglio sarà per tutti.
Non ci si può aspettare che una come Madonna, ancora sul palco a 54 anni, non faccia pagare meno di 100 euro.
E non ci si può aspettare che una come Madonna sia pure puntuale.
O che canti dal vivo.
O che faccia un concerto di due ore.
Jeeeeez, è Madonna!

Però, PUR ESSENDO MADONNA in quindi INTOCCABILE, ci si può aspettare Like a Virgin e si ha TUTTO IL SACROSANTO diritto di uscire incazzati se lei decide di cantarla con un arrangiamento che stravolge l'intera canzone.
Tutta la vita, TUTTA LA VITA CRISTOSANTO, che una aspetta di cantare LIKE A VIRGIN e devo sentire 'sto lamento?

ESTOCAZZO PERO'.

Partiamo dall'inizio: comprare i biglietti non è stato semplice, ricordo all'epoca (forse febbraio) di aver smadonnato non poco a causa di quel sistema progettato del demonio che è il verified by Visa. E' per questo che, pur di non perdere la possibilità di vedere Madonna, ho investito la mia cara amica Gogo dell'immensa responsabilità dell'acquisto. Operazione per altro portata a compimento per lei senza nemmeno troppa difficoltà (segna Visa, segna).
CHE BRAVA AMICA CHE HO.

Arriviamo al giorno del concerto, belle baldanzose nelle nostre mise anni '80 pur essendo gente nata negli anni '80.
E' dopo mezzora di tram e dieci minuti di autobus che Amica Gogo decide di sfoderare i biglietti dalla borsa, ancora intonsi nella loro busta.

Due buste.
Due biglietti.

- Mi dici in che anello siamo?
- Toh guarda i biglietti, prendi la tua busta.
- Come LA MIA BUSTA? Ne hai due?
- Sì non me li faceva comprare due biglietti in una volta.
- Allora c'è anello blu, fila 13 posto 23 e anello verde fila 13 posto 33. Sono solo dieci pos.....CHE COOOOOSA? ANELLO BLU ANELLO VERDE!
- Oddio non me ne sono accorta!
- ENNO' CHE NON TE NE SEI ACCORTA non hai mai aperto la busta in QUATTRO MESI!
- …
- ...
- No aspetta, stai tranquilla. Adesso vedo se posso SCAVALCARE.


I puntini gialli segnalano i posti dei biglietti acquistati.

Tentiamo la sorte, entriamo all'anello blu entrambe.
Ci sparano il biglietto senza controllare l'anello.
Siamo terrorizzate.






Passiamo.
Corriamo come delle impazzite verso l'ingresso del settore.
Settore 210.
Anziché entrare continuo a camminare e lo supero, fino a che i soliti brillantoni non cascano nella mia rete e credono al mio SGUARDO PERSO.
Il mio piano è quello di fare la scemasvampita CHE NON AVEVA CAPITO CHE I BIGLIETTI ERANO TUTTI DIVERSI.

- Chiedi se non sai! Siamo qua! SIAMO QUA!
- [Eh vi ho visti, siete due gorilla].

Mi avvicino all'ingresso 210, occhioni azzurri spalancati.
Ho la faccia di chi sta svaligiando un casinò.
Passo.
E' il turno di Gogo.
Passa.

Dall'entusiasmo cominciamo a correre salendo le scale ma l'entusiasmo svanisce dopo due rampe.
Ok, ce l'abbiamo fatta.
Ci sediamo ma ci rendiamo conto che i posti ESSENDO NUMERATI, può essere che qualcuno si presenti richiedendo il nostro posto.
Tentiamo lo stesso e ci sediamo.
Sono le 19.

Madonna arriva alle 22.
Passano TRE ore.
CENTOTTANTA MINUTI.
Sono DIECIMILAOTTOCENTO secondi in cui io non ho fatto altro che fissare con lo sguardo del gatto sorpreso dai fari delle macchine OGNI COPPIA CHE SALIVA I GRADINI.

- ODDIO ARRIVANO ARRIVANO!
- No stai tranquilla.
- ARRIVANO ARRIVANO! GUARDA SONO QUELLI!
- No stai tranquilla.
- …
- …
- LORO LORO! GUARDA! LUI E' PURE GROSSO!
- No stai tranquilla.
- ...
- …
- GUARDA QUEI DUE! SONO LORO, MI FISSANO!
- No stai tranquilla.

I proprietari del posto sul quale c'eravamo abusivamente sedute arrivano alle 21.15.
CHE NON TE LO MERITI NEMMENO IL CONCERTO DI MADONNA SE NON FAI ALMENO DUE ORE DI ATTESA.
Quando mi chiedono di mostrare loro il mio biglietto, io tento quello che la mia amica aveva provato ad insegnarmi per due ore: NEGARE COME SE NON CI FOSSE UN DOMANI.

- NON E' VERO QUESTO E' IL MIO POS.........ok mi sposto.
Amica Gogo si sposta e va a sedersi sui gradini ma dopo 5 minuti, anche a costo di far alzare tutto San Siro le urlo di tornare sui seggiolini che si era liberato un posto.
Ok, l'accoppiata AMICA+CONCERTO è SALVA.

Alle 22 Madama Madonna si degna di uscire sul palco.
Comincia con Girl Gone Wild.



Io gone wild.
Amica Gogo non capisce.
E' UNA CANZONE NUOVAAAAAAAA E' FIGHISSIMAAAA!
Niente, lei non capisce.

Amica Gogo si accende solo con la prima canzone degli anni '80, Papa don't preach.


Al primo accenno di HOLIDAY sta quasi per staccarmi un braccio. Peccato fosse solo un medley.
Per quanto tutti mi avessero detto che canti in playback a me è sembrato che abbia cantato live.
Certo, non è una voce pura e naturale e ci sono mille effetti sonori ma ci sentivo pur sempre il fiatone sotto.
E per fare le cose che fa lei, altro che fiatone, io sarei andata in rianimazione.
C'è poco da fare, Madonna è La Fighezza.
Anche se è un cesso, anche se magari stona (qualche passaggio l'ho beccato pure io che non son la Maionchi), lei ci crede così tanto che ti vien da pensare che non è lei che stona, sei tu CHE HAI SENTITO SBAGLIATO.
Lei, è una che se si fa l'abbronzatura spray MICA SI VERGOGNA DI ESSERE MARRONE, piuttosto si mette a perculare tutti gli altri che sono BIANCHI.



Lo spettacolo procede, peccato poterlo solo INTUIRE visto che lo show è progettato ad uso e consumo esclusivo del pubblico fronte palco. Neppure il megaschermo è rivolto verso gli anelli laterali e devo dire che questo, alla fine del concerto, è l'aspetto che maggiormente mi ha dato fastidio.
Persino i Take That erano più organizzati.


Per tutto lo spettacolo Madonna non ha fatto altro che saltare, ballare, tirare gambe, raccogliere gambe, muovere culi, farsi slacciare costumi, farsi allacciare corsetti, cantare, lanciare anatemi alla chiesa, alla politica, a dio padre onnipotente, a gesù e a tutti i suoi amici. Ha cominciato lo spettacolo imbracciando un mitra e mimando una sparatoria tra i ballerini e ha poi predicato la pace e l'amore.
Ha fatto tremare lo stadio per il timore di far vedere -anche a noi- un capezzolo e poi ha cantato Like a Prayer con un coro gospel di suore e lì, veramente, è venuto giù San Siro.


Se ne è andata, dopo Celebration, cantata con tanto di felpa e scarpe da ginnastica. Perché Lei é Figa.

E quando se ne va e dice “GIAO ITALIA” e tu pensi, vabbhè ma lo farà un bis.
Ma certo che lo farà, insomma lo fanno tutti.
Ennò.
Non lo fa, lei è Madonna e se ne va.
Suca proprio.

E tu sei lì, che rimani come un pero, imbambolata per aver avuto davanti a te un pezzo di storia della musica.
E a quelli che dicono che una così dovrebbe essere superiore a certi confronti con Lady Gaga lei risponde con un mash-up di Express Yourself + Born This Way seguito a ruota da qualche verso di “She's not me” con manate sul sedere.


E tu ti spelli le mani dagli applausi, perché la Germanotta sarà anche più talentuosa e quando suona gli strumenti non sta facendo finta, ma Madonna c'era prima, prima dei costumi bizzarri e fantasiosi, prima degli abiti di carne, prima dei video concettuali. E Madonna non conosce altro modo di essere superiore se non quello di accettare la sfida e riempire gli stadi per dimostrare che c'è ancora. 

 
Madonna c'era prima. E no, non se ne deve andare perché a 54 anni spara ancora delle canzoni che non riesci a stare ferma.
Sei mezza rincoglionita quando ti rendi conto che forse di aspettare tre ore per un concerto non se lo può permettere nessun altro, al mondo.
Sei mezza rincoglionita quando ti rendi conto che hai appena sentito cantare dal vivo quella che solitamente canta dalla casse, mentre tu sono anni che ci fai l'amore con quelle canzoni.

E quando esci ti immagini un giorno, tra decenni, quando al telegiornale diranno che Madonna Louise Veronica Ciccone è morta, probabilmente per un attacco cardiaco dopo l'ennesima lezione di pilates, e ti ricorderai di quando quella volta eri lì, a San Siro, seduta nel seggiolino che non era il tuo e pensavi

Questo lo racconto ai miei figli”.



61 commenti:

  1. però 100 sacchi, per stare li in alto, no davvero!non si può!

    RispondiElimina
  2. Immagino il nervoso addosso per aver acquistato due biglietti con due posti assegnati così lontani l'uno dall'altro. Anzi dalla parte opposta proprio! E' il brutto di acquistare via internet.
    E comunque hai ragione tu, Madonna è Madonna e non ci stanno santi.

    RispondiElimina
  3. Chi per Madonna non da via anche il culo, non è una donna! Cazzo.

    Grande.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa è bellissima, e devo assolutamente citarla la prossima volta che qualcuno verrà a parlarmi male della signora Ciccone.

      Elimina
  4. Bollitissima, è ora che si ritiri a fare la calzetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. esattissimo, Merdonna sucks!

      Elimina
  5. SE DOVETE FARE UNA RAPINA NON PORTATEVI LA ZIT
    non regge i crimini

    gogo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hahaha, troppo innocente, vero?

      Elimina
    2. Oops....non ho firmato.
      Lucilla

      Elimina
  6. nel tuo subcosciente c è forse voglia di maternità Zi!????

    RispondiElimina
  7. Ma tu pensa a Lady Gaga. Madonna canta una sua canzone ai suoi concerti! A prescindere da quale sia il significato, Lady Germanotta ha già vinto dal basso dei suoi 25 anni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente, fossi in Lady Gaga mi farei dei megapipponi guardando il concerto.. se fosse orgogliosa e orgogliona non l'avrebbe fatto invece ha fatto benissimo, omaggiando Gaga ed evidenziando gli aspetti della canzone in comune.
      Cmq per me uno dei momenti storici della carriera di Madonna rimane sempre in duetto con Britney.

      Elimina
    2. Pure per me. Peccato che poi la Britney si sia arenata giusto un po'.
      Di questo bisogna dargliene atto, orgogliosa non lo è (o almeno, non troppo) ed è pronta a dividere il palco con le più giovani.

      Elimina
  8. Io ti dico solo questo: ""Last week the Pope was here, next week comes Madonna, but tonight God is here" :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chapeau al Boss, anche se non è il mio genere.

      Elimina
  9. io ero nel prato. ce l'avevo li. vedevo il gonfiore del botox e gli addominali di brahim. solo lei può.

    RispondiElimina
  10. io sono controcorrente, Madonna non mi piace
    non posso concepire una cantante che non sappia cantare

    Tanta stima per la sua forma fisica e voglia di fare, ma MAI spenderei così tanto per stare inculata quando il concerto stesso è pensato solo per chi le sta davanti e non ai lati,
    No signora Ciccone,non si fa.

    Serena

    RispondiElimina
  11. 100 euro per immaginare un tizia che balla e sentire un mezzo playback.
    bocciatissimo.

    cioè sicuro è un'emozione ma non chiamatelo concerto che di musica e canto c'è ben poco.

    io darò 15 euro per vedere quei cessacci dei die antwoord la settimana prossima e oh, faranno casino, non ci saranno le majorette nè i costumi fighi, il posto sarà un buco e i megaschermi manco a parlarne, il concerto si vede IN PIEDI CON LA RESSA a cercare di non farsi calpestare dal solito energumeno ubriaco a morte, altro che seggiolini.. ma quello è un concerto - nel bene e nel male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Punti di vista caro Nero, quello che per te non è un concerto per qualcun altro è uno spettacolo grandioso, quello che per te è un concerto per me può essere una serata passata a spintonare gli altri.
      Entrambi sono concerti, si tratta di punti di vista. Tutti partono dalla stanza buia o dal garage del papà e cominciano con concerti semivuoti ma sfido chiunque a non voler arrivare a riempire uno stadio. Se non ti piace Madonna posso capirlo, ma non diciamo che non era una concerto, anche se in modalità playback-live.

      Elimina
    2. Certo, io mi farei entrambi concerti, perché discriminare? Una pizza in meno, un concerto in più.

      Elimina
    3. 100 euri per un concerto in un posto ad inculandia sono davvero un po' troppi... ma io sono una che va a concerti di gruppi di risonanza condominale, quindi non faccio testo...
      Mi tengo il ricordo del concerto di Madonna in diretta su rai uno quando avevo tipo 15 anni e vivo tranquilla :-)
      Cla

      Elimina
  12. Al di la tutto, tu mi fai schiattare per il talento che hai nello scrivere. Una volta sapevo scrivere anche io, poi ho smesso.

    Aspetto il tuo prossimo post!!

    RispondiElimina
  13. Mi è sembrato di essere lì.
    Fantastico.
    Grazie!!!
    :D

    RispondiElimina
  14. Due anni fa c'ero e ho provato le stesse cose!!

    RispondiElimina
  15. L'ho vista anch'io. E come te sono rimasta un po' delusa per la mancanza del bis. Leggete anche il mio post se vi va...
    http://lafieradellavanita.blogspot.it/2012/06/piedi-nudi-allo-stadio-lattesa.html

    RispondiElimina
  16. Madonna in effetti più che un concerto mette su uno spettacolo da mille e una notte!
    Forse avreste visto leggermente di più dall'anello verde invece che in quello blu, io per i Take that ero di fronte al palco settore rosso...certo essere nel prato è un'altra roba ma non ho più l'età e la voglia di stare in piedi ore e ore!!!!

    RispondiElimina
  17. io credo che se facesse un concerto con più musica e meno balletti/performance/cambi d'abito la qualità crollerebbe miseramente, perché lei è in formissima e divissima, ma purtroppo le capacità canore si sono ridotte un bel po'...secondo me più che di concerto qui si parla di evento/spettacolo. per me un bel comcerto è quello in cui non solo sento bella musica, ma la sento suonata e cantata bene. madonna invece è l'evento e chi va a san siro è pronto a perdonarle anche le ripetute stecche, che in un concerto sono per definizione imperdonabili :)

    RispondiElimina
  18. C'ero anch'io a San Siro e l'ho trovato uno spettacolo degno di Mrs Ciccone.
    Lei è davvero una "macchina da guerra", nel senso buono del termine.

    Ecco, l'unico appunto è che avrei preferito qualche pezzo "vintage" in più rispetto alle canzoni del nuovo album.

    Un abbraccio Zit, è sempre un piacere leggerti!

    Roberta

    RispondiElimina
  19. oddio....mi hai fatto venire la pelle d'oca...brividi! ...come lei nesuno mai!

    RispondiElimina
  20. A me Madonna non piace e vabbé, però non concepisco un concerto in playback.
    Okay lo spettacolo, okay Madonna, ma le canzoni? Ci sono artisti della sua età che cantano, suonano e si muovono sul palco come se avessero ventanni, se non ce la fai è l'ora di finirla.
    Credo che chi va a vederla voglia più lo spettacolo che le canzoni in sè, altrimenti non mi spiego tutti questi feedback positivi.
    Poi, parliamone, il palco senza maxischermi per i posti laterali? Ma chi li progetta 'sti palchi?
    Eve

    RispondiElimina
  21. Concordo su tutto!
    E concordo che Like a virgin agonizzante mi ha fatto girare le palle in modo incredibile!
    Il momento "Like a prayer" è stati invece liberatorio (proprio come quando la cantavo sul bus che mi portava in gita in seconda media!).
    Deve essere vista almeno una volta.
    E chissenefrega dei 150€ spesi (+ 150 del marito + 45 di prevendita): li ho spesi volentieri!

    RispondiElimina
  22. Madonna è Madonna! Chissene del botox, del playback e dei balletti. LEI riempie ancora gli stadi, riempie ancora un cazzo di San Siro!

    RispondiElimina
  23. Sono commossa dal tuo racconto. Dire poter "io c'ero" non ha prezzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. *poter dire... mi sono emozionata.

      Elimina
  24. IO C'ERO! Roma, 12 giugno 2012!
    Ma a Milano non c'era Martin Solveig?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'era c'era, ma per un'ora (dalle 20 alle 21) e non è che mi ha reso l'attesa più lieta...

      Elimina
  25. E' stato un gran musical, mi suona difficile definirlo "concerto".

    lei è una Diva di nome e di fatto. Ma non è una giustificazione sufficiente per farsi aspettare un ora!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tecnicamente tre, ore. E adesso che ho visto un musical direi che no, non era un musical. Era un concerto. Un concerto con moltissimi mezzi, una produzione incredibile (una pessima regia), ma un concerto.
      Nessuno obbliga quelli che vanno a san siro solo a cantare e a stare fermi sulla scena per adempiere al dovere di "fare musica". Io considero spettacolo anche un'artista che sa ballare, tenere il tempo e tirare per quasi due ore senza fermarsi un fottuto minuto.
      Non credo che, ad esempio, Beyoncè sia da meno come performer. Certo non possiamo paragonare Madonna ai Muse, o a Springsteen e nemmeno ai miei amatissimi Negramaro. Sono tutti concerti. E' un punto di vista snob quello che considera uno spettacolo più teatrale meno concerto e più show.

      Elimina
  26. Io c'ero ed ero sotto il palco, pressata contro la transenna.
    Ed è stato magnifico!
    Non è il primo concerto di Madonna cui assisto, e credo che questa volta si sia davvero superata.
    Se non fosse che da giovedì non sento altro che gente che me ne parla male e fa paragoni con Lady Gaga.
    Premetto che Gaga mi piace molto e sono stata anche al suo bellissimo concerto.
    Ma aspettiamo 30 anni per paragonarle.
    E smettiamola di affannarci a trovare ogni volta un motivo nuovo e diverso per criticare Madonna.
    I muscoli, le rughe, il toy boy, i figli...
    Per carità, è vero che di spunti per le critiche ne offre tanti. Ma non è proprio questo "essere Madonna"?
    Quello che lei fa non sarà cantare bene e non sarà suonare magistralmente, ma qualunque cosa sia lo sa fare meglio di chiunque altro.
    Sa essere Madonna come nessun altro.
    E io che stento a essere decentemente me stessa...

    RispondiElimina
  27. Dai, se non è un concerto quello...
    io non c'ero perché amo il rock e ho preferito il Boss, ma Madonna è imprescindibile.

    RispondiElimina
  28. Sicuramente è un'esperienza grandiosa, e se fossi un fan li spenderei sicuramente 100 euro per uno spettacolo del genere. Certo, poi vorrei anche vederlo...

    RispondiElimina
  29. Io non pagherei nemmeno 10 euro per un playback, ma sono punti di vista... Secondo me ha inziato tre ore dopo per protestare per il mancato sold out. Purella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purella ..MADONNA?!
      Ma purella tu...

      Elimina
  30. Posso dire che San Siro è uno stadio di m....??? Non si è MAI visto un palco montato lateralmente piuttosto che dal lato curva e soprattutto mi domando: come è possibile che su Ticket one quando uno sceglieva il posto la cartina dava che il palco era messo in curva??? Se lo avessi saputo non avrei MAI preso il biglietto che ho preso visto che sembrava fossi in tribuna e invece mi sono ritrovata in curva!!!! GRAZIE TICKET ONE! Io avevo un biglietto secondo anello verde numerato e mi chiedo se ho percepito solo io la sensazione di essere molto più distante dal palco di quanto mi aspettassi o se invece è capitato anche a qualcun'altro! Sono d'accordissimo con il discorso maxi schermi che di MAXI avevano solo il nome! Una roba penosa!! Fortuna Maddy che mi ha fatto passare tutte le incazzatture......like a virgin?? La versione del confessions tour è stata imbattibile!
    Cinzia

    RispondiElimina
  31. C'è poco da fare...Madonna ha spianato la strada a tutte! Il resto sono imitazioni,gente che cerca di stare al passo con lei...anche quando vedo lady Gaga alle volte è come se rivedessi Madonna dei primi anni...ma vedo pur sempre qualcuno che scimmiotta Madonna.

    RispondiElimina
  32. Brava MADONNA che a sto concerto hai messo le cose in chiaro e hai specificato che tu sei tu e tutte le altre non sono un ca..o!!
    Giv.

    RispondiElimina
  33. Che bella recensione! Impossibile trattenersi dal leggerti. Anche a Firenze ha fatto un'ottima performance. Alla terza tappa in Italia sembrava ormai essersi italianizzata del tutto. Ha pure fatto eco ai cori da stadio accennando un alè oh oh. Carina. Tra l'altro si è fatta una pedalata proprio vicino casa mia, sulla strada che faccio in bici tutti i giorni. Pur non essendo un suo fedele seguace, non potevo mancare al concerto di quella che negli anni della fine del divismo è rimasta l'ultima diva a livello planetario. Sono curioso di vedere cosa tirerà fuori dalle riprese fatte in Toscana per il nuovo video. Ps Non ho visto il concerto del boss ma tra pochi giorni tocca ai Radiohead, anche questo da non perdere.

    RispondiElimina
  34. http://www.facebook.com/media/set/?set=a.10151053593091337.482115.110378796336&type=1

    Ti prego,fai uno dei tuoi soliti post dove commenti questo genere di avvenimenti. Ho bisogno di sapere se sono solo io a credere che i nuovi mostri siano giunti tra noi o se quelli sono tutti dei gan fighi.

    RispondiElimina
  35. Ho sentito pareri molto sparsi su questo concerto, mi sarebbe piaciuto esserci ma solo per i pezzi vecchi!

    RispondiElimina
  36. Il mio primissimo concerto: Madonna, Torino, 1987. Io ero una bambina, lei una bomba! E secondo me lo è ancora oggi.

    RispondiElimina
  37. Io c'ero, annello blu pure io. Me medesima incinta di 7 mesi, amica incinta di 5 mesi. E mi sono trattenuta dal portare la figlia treene. Concerto fantastico. Fan-ta-sti-co. E basta.

    PS: mitica Zit, sei tutte noi.

    RispondiElimina
  38. Io ne faccio un discorso generale di "rispetto per il pubblico". Cantare un'ora e mezza in playback ad un pubblico stra-pagante che si è fatto (almeno quelli nel prato) una giornata di fila sotto il sole denota una grande attenzione agli introti e una scarsissima attenzione alla qualità di quello che offri. Un pubblico che segue un concerto live ama lo spettacolo, certo, nessuno direbbe mai che la scenografia e la coreografia degli Stones e degli AC/DC non sia parte essenziale del concerto (cito ciò che conosco, ma di sicuro ce ne sono altri), ma a chi non fa piacere cantare a squarciagola all'unisono con l'idolo di turno o fargli da backing vocals? Fa parte del "vivere il concerto".
    Insomma di gente che ad una certa età si sbatte per il pubblico e mette in scena il miglior spettacolo possibile nonostante l'età ce n'è un sacco e Madonna non è tra questi. E non c'entra il fatto che a me lei non piaccia. Il calderone di quelli che esigono di essere osannati "perchè loro sono loro" e non per quello che danno al pubblio che, ad oggi, non è più granchè comprende gente come Dylan, i Black Crows una volta su due, Mellencamp e potrei continuare per un bel po'.
    Potreste dirmi: "Madonna è il mio idolo e io la seguirei anche se facesse ancora più cagare", da fan, lo capisco, se il Boss si limitasse ad un tour ruttando nel microfono io sarei lì ad applaudirlo almeno per tre date ma il punto è che lui non lo farebbe mai (e moltissimi come lui). Ed è per questa considerazione e questo rispetto che la gente si fa anche venti ore di fila per lui, e lui sì che San Siro lo riempie e quando canta, con il rimbombo dei cori, per quasi quattro ore sembra che venga giù il mondo.

    RispondiElimina
  39. Adoro come scrivi, la tua ironia e la tua autoironia e si vede che alla base c'è competenza in fatto di moda! Vorrei troppo sapere cosa ne pensi del mio blog che ho appena aperto… quando avrai un momento per leggerlo!
    www.fashionismyroad.blogspot.it

    RispondiElimina
  40. Nessuno potrebbe capirti più di me Sorella... A)posso annoverare orgogliosamente un passato da stagista B) sono alle dipendenze della Regina Assoluta Sua Maestà delle Strappone C) nasco in un paesello ancor più buco del tuo che ha da poco festeggiato le 15.000 anime D) sono combattuta fra celare le mie origini e struggermi di nostalgia per il piccolo mondo dal quale provengo E) è una vita che mi accusano di cinismo senza intravedere il mio dolce animo.
    Hai tutta la mia stima Zit, te e i uoi 366 post che ho letto durante questi giorni di libertà mentre la Strap è alla beautyfarm per un' idro-colon-terapia (se - ma penso non sia possibile - non conoscessi i dettagli di questa pratica, fidati...non googlarlo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che so cos'è l'idrocolonterapia. Ma sei al servizio della Regina delle Strappone quindi o lavori per Gwyneth Paltrow o per Jennifer Lopez.
      Non vedo chi altro.

      Elimina
  41. Putroppo, m'è andata anche peggiO!Perchè, ahimè, la mia Strappona ricalca anche un'altro tremendo stereotipo...l'Arrivista Arricchita dell' Est...Ed ovviamente l'invecchiare che avanza (male)su tratti somatici poco delicati come i suoi le rende ancor meno giustizia...è un caleidoscopio di dettagli multicolor che mi corrode la retina ogni volta che varca l'ingresso (a vetri).
    E ti dirò di più...è anche la Stronza Per Eccellenza...POVERA ME

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fortunatamente, i tuoi post mi hanno rallegrato la giornata!GRAZIE!

      Elimina
  42. ahahahah grande storia!!!

    anche io sono una fan dell'idea: Madonna tutto può...ma a leggere il tuo racconto sembra abbia un po' esagerato (come sempre XD)

    cmq mi piace un sacco il tuo blog, ti seguo ;)

    xx

    thefashiontower.blogspot.it/

    RispondiElimina
  43. "Anche se è un cesso, anche se magari stona (qualche passaggio l'ho beccato pure io che non son la Maionchi), lei ci crede così tanto che ti vien da pensare che non è lei che stona, sei tu CHE HAI SENTITO SBAGLIATO."

    questa è E P I C A !!!!

    Non sono mai stata a sentire Madonna, anche se mi piacerebbe! Di concerti ne ho fatti tanti (media ore di attesa: dalle 10 alle 12 ore) spero di riuscire a vedere anche lei!

    E anche io ho visto un pezzo di storia della Musica : Rolling Stones a Roma!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ps: ad ottobre a vedere Lady Gaga ci sarò cmq anche io!!!

      Elimina

Condividimi tutta