martedì 28 settembre 2010

Ma anche NO della moda: Anna Dello Russo

E' proprio vero che la democrazia è morta.

A quanto pare non si può più esprimere la propria opinione liberamente senza per forza dover entrare in un tunnel di astio, cattiveria e infantilismo.
Tra gli Anche NO della prossima stagione ho pubblicato una foto di Anna Dello Russo, vera prezzemolina delle fashion week saltata agli onori della cronaca per l'estrosità delle sue scelte in fatto di abbigliamento.
Partiamo con una piccola presentazione: Anna Dello Russo, classe 1966, Bari. Nel 1989 comincia la sua carriera di giornalista di moda lasciando il suo contributo a varie testate fino all'approdo come fashion director da Vogue Giappone (non prendete queste informazioni come certe, poichè non esiste una vera e propria biografia certificata online. Strano eh).
Poi?

Niente.

Un certo Scott Schuman, niente niente eh, l'ha fotografata all'uscita di qualche sfilata (al supermercato è difficile incontrarla) e le ha regalato 'una nuova carriera'.
Sì perchè ad oggi pare impossibile trovare qualche prova del suo lavoro (Editor At Large e creative consultant per Vogue Japan). Anche tentando l'impossibile e cercando di capirci qualcosa dal sito di Vogue Giappone le uniche cose che trovo sono le seguenti:

Uno splendido video girato in lingua italiana (sì sì, nel sito del giornale giapponese che lei stessa dirige parla in italiano..bah oddio italiano poi) nella sua camera del Ritz di Parigi ('la mia seconda casa grazie al cielo') durante il quale ci illustra quanti vestiti e quante scarpe si è portata 'solo per la fashion week'. Crogiolanadosi nel suo stesso brodo, ci racconta che cambiarsi 3 volte al giorno sulla base delle sfilate alle quali presenzia è diventata parte del suo lavoro.
Lavoro che siamo ancora tutti ansiosi di vedere.

http://www.vogue.co.jp/tv/other/anna-dello-russo-at-the-ritz-hotel

Un altro splendido video del New York Magazine, questa volta lei parla in inglese, nel quale ci illustra come risolvere uno dei problemi che affligge tutte noi ogni giorno: come fare le valigie senza rovinare gli abiti couture.
Dice inoltre che per viaggiare preferisce indossare abiti comodi, come dei pantaloni in felpa di Abercrombie & Fitch, ma siete liberissime di pensare che stia mentendo. D'altra parte non ci sono prove fotografiche lo dimostrano.
In ogni sua apparizione in video pare che ami ricordare al pubblico che lei non indossa mai un outfit più di una volta. Come si fa, altrimenti, a compiacersi i blogger?

Certo.


Un altro contibuto, sempre dal sito di Vogue Giappone, invece riporta uno stralcio del suo blog (andatevelo a cercare, mi rifiuto di mettervi il link) nel quale inviti i suoi utenti/fan a farle delle domande alle quali lei cercherà di rispondere.
Bhè, iniziativa lodevole comunque.

http://www.vogue.co.jp/blog/anna-dello-russo/2010-02/post-anna-your-fashion-questions

Non ho tempo e voglia di esplorare in lungo e in largo tutto il sito giapponese di Vogue, tuttavia mi aspettavo di trovare un editoriale, uno shooting, uno straccio di qualcosa che non fosse una video celebrazione di se stessa e del suo guardaroba.
Invece tutto quello che riesco a trovare su di lei sono foto delle sue apparizioni alle sfilate, con outfit bizzarri sui quali non è mia intenzione proferire parola. Anzi, io apprezzo che qualcuno umanizzi e indossi le creazioni che spesso vengono viste solo in passerella. L'unica osservazione che mi permetto di fare è la seguente: perchè ci si ostina ad attribuirle il titolo di fescion aicon quando di fatto lei non porta nessun contributo alla moda e allo stile attuale? Lei indossa solamente delle creazioni fatte da altri stilisti per altre persone e si fa fotografare.
Punto.
Nient'altro è dato sapere su Anna Dello Russo.

Come fisiologica conseguenza di questo can can di accessori griffati che le gravitano intorno ovviamente lei è diventata un'icona gay, al pari di Raffaella Carrà, Donatella Rettore, Angela Cavagna, Chantal Biya e Veronica Lario. E guai a toccarla. Eppure io stessa che lavoro in questo settore da qualche anno ormai, vorrei attribuire un po' di sostanza a ciò che finora è solo un opinabile contenitore.
Non vi è da stupirsi infine, che sia diventata fashion director di Vogue Giappone.
I giapponesi si sa che amano poco l'originalità.

SHARE:

27 commenti

  1. Quel fiocco... ecco dove la buona Chiaretta Terragni ha attinto per le sue innovative ispirazioni da fescioaicon!
    Comunque per fortuna non è un problema molto comune dover piegare vestiti costosi nelle valige :)

    RispondiElimina
  2. Ah meno male che qualcuno lo dice..

    RispondiElimina
  3. anna chi?
    ma avete dato un occhio al suo blog?!
    non basta avere lo stesso nome di battessimo di quel genio di anna piaggi per credere di essere delle icone di stile...anna torna in puglia e portaci delle burrate...è tutto.

    s.

    RispondiElimina
  4. io la detesto. a parte che poi clsse 66..ma siamo sicuri?? la mia collega wannabee sembra sua figlia in confronto, lei li porta davvero male.. e dire che non lavora nemmeno.... e poi è un mostro vero.... e vorrei sapere come parla nella redazione di Tokyo.... il giapponese/barese mi manca....

    RispondiElimina
  5. Simone ti adoro. <3

    e cmq si il suo blog, per niente autocelebrativo, l'ho visto. Veramente chic e minimal.

    RispondiElimina
  6. Mi ripeto: ooooooodio Anna Dello Russo.

    Non solo Sartoliast ma anche la sua fidanzata Garance l'ha sdoganata qui:
    http://www.garancedore.fr/2009/10/06/chez-anna-au-ritz/

    Mentre io mi sono già espressa a suo tempo:
    http://thefemininetouch.blogspot.com/2010/03/thats-fashion.html

    RispondiElimina
  7. Anche qui fa abbastanza orrore:
    http://www.youtube.com/watch?v=wZb8wyeywwI

    RispondiElimina
  8. Una delle poche volte in cui Facchinetti mi sta simpatico!

    RispondiElimina
  9. oddio no, questa cosa me l'ero persa. Ma perchè parla come dei titoli di giornale? 'Facchinetti: impeccabile moderno intrigante? - 'Enrico Ruggeri: classe, talento intelligenza tutta italiana'.

    Mi ricorda lo spot 'Sicilia, turismo cultura e natura'.

    bah.

    RispondiElimina
  10. Aridatece Giusi Ferrè!
    Oh meno male che è in giro con il suo fashion tour e non ce la dobbiamo sorbire in trasmissione!!!

    RispondiElimina
  11. ADR ha tutte le carte in regola per stare sulle palle alla gente.

    RispondiElimina
  12. ahah adoro quel commento! ha le carte in regola per stare sulle palle alla gente!

    Cmq, come si può vedere qui
    http://catchinginstants.blogspot.com/2010/09/who-is-she.html#comments

    ho provato a dire la mia sulla protagonista di questo post, ma come si vede con certa gente non si può parlare.
    bah.

    RispondiElimina
  13. sono senza parole... i suoi lavori.. MA DOVE SONO??? DATEMI DEI LINK....
    ma sta gente ce la fa????

    (cmq quando ho visto adr nei tuoi "Ma anche no" ti ho giurato amore eterno!)

    RispondiElimina
  14. Maddddai, si veste da cani! Come si fa a difenderla?????
    Zitella, io comunque vorrei citarti per danni, ho scoperto la ffffantastica AdR tramite un tuo post di qualche tempo fa!

    RispondiElimina
  15. Amiche mie, vi amo non potete capire quanto.
    Sono fiera di voi!
    fran, apprezzo che hai postato un commento in quel blog <3

    RispondiElimina
  16. Non potevo rimanere zitta dopo aver visto il trashissimo sito di AdR. L'eleganza non sa manco dove sta di casa!

    RispondiElimina
  17. Due cose sole:
    - lavora a Vogue JP solo perché è la redazione più lontana geograficamente da Vogue IT. La Sozzani, non potendo eliminarla fisicamente dalla galassia, la vuole il più lontano possibile, in fondo è la sua nemesi. La sua prossima rivista sarà Vogue Plutone;
    - dopo il commento a X Factor, Cristiano Malgioglio (che dio l'abbia in gloria) ha detto "Ma siamo sicuri che questa dello Russo ne sappia di moda?".
    E qui taccio.

    RispondiElimina
  18. Ahahahahahah Oggi mordo grande!!!!!
    Cmq mia cara... come ti han detto su quel blog.. SEISOLOINVIDIOSA ;-)))))))

    RispondiElimina
  19. Boia! sono andata a leggere i commenti su di me e ci stanno dando dentro alla grande!

    che dire, per essere una il cui unico merito è quello di riuscire a tirarsi su la zip degli abiti da sola, ha uno stuolo di ammiratori veramente convinti!

    RispondiElimina
  20. i commentatori evidentemente conoscono tutti il giapponese, visto che leggono sempre gli interventi di ADR.....

    RispondiElimina
  21. Che piacere immenso aver trovato il tuo blog.. e che piacere immenso aver trovato questo post..!! Io ne feci uno su di lei, ovviamente in senso negativo.. l'ho vista dal vivo e continuo a sostenere che sicuramente è un fenomeno "passeggero", che non è assolutamente un'icona di stile..perchè per STILE io intendo CLASSE.. Ha la gobba e le ginocchia cadenti, ergo, dovrebbe cercare dei vestiti adatti a lei e non fare la ventenne..

    se ti va leggi qui: http://inciampando.blogspot.com/2010/09/mia-cara-annatu-dovresti-saperlo.html

    ps: sono assolutamente d'accordo con la prima parte del post: "E' proprio vero che la democrazia è morta.

    A quanto pare non si può più esprimere la propria opinione liberamente senza per forza dover entrare in un tunnel di astio, cattiveria e infantilismo."
    Baci, Giuliana

    RispondiElimina
  22. Biografia, foto del suo lavoro sono ampiamente documentati in rete. Certo se si ha la voglia di cercare. Oppure per avere un po'di notorietà si attacca chi oggi è sulla cresta dell'onda.

    RispondiElimina
  23. Spero che un giorno potrai almeno parlare bene di me :) Mi è piaciuto questo poste.. e poi zitella acida è fantastico.
    M.M.

    RispondiElimina
  24. Da questo autorevolissimo blog, invece c'è tanto da aspettarsi... Se una persona arriva "così in alto" e se tutti l'adorano nel campo della moda, dei motivi ci saranno... Se invece di sparare commentacci su tutto vi fermaste un secondo almeno a chiedervi il perché o che cosa sia sotto ai suoi outfit e a quello che dice, magari... Decisamente è sciocca, ma non vuol dire che non sappia ciò che fa. Ingenuamente dà degli aforismi favolosi. A prima vista sembra la prima pazza che passa. Bisogna sempre scavare un attimo per criticare. Zitella Acida è il tipico lavoro adatto a quelle persone ignoranti e inutili che non sapendo scavare, vogliono criticare lo stesso, credendo di poterselo permettere. Bacini e bacetti.

    RispondiElimina
  25. Questa donna ne ha fatta di carriera. E' art director di sfilate di tantissimi noti stilisti. Un approfondimento e un aggiornamento in questo post. Il suo gusto rimane discutibile, ma la signora...ci ha saputo fare!
    Il mio articolo: http://www.pinkroma.it/moda/trend/trend-uscita-accessori-hm-firmati-anna-russo
    Il mio spazio:
    http://www.facebook.com/pinklondra

    RispondiElimina
  26. ahah i giapponesi non hanno originalità? non ci sono prove del suo lavoro?? MA tu lavoreresti nella moda??????

    per quanto concerne il giappone ti invito a guardare a tutti gli stilisti giapponesi (da Yamamoto a Miyake passando per Watanabe e Kawakubo) e alla loro importanza: rei kawakubo è considerata una delle donne più importanti del mondo della moda. Anna dello Russo ha studiato (tra le altre cose) alla esmod e ha "lanciato" giovanna battaglia (che la ricorda con grande ammirazione). INoltre per vedere i suoi lavori basta leggere vogue japan (lo si trova nelle edicole di tutti gli aeroporti. INoltre ipotizzare che una persona diventi editor-at-large per un vogue qualsiasi senza avere nessun merito è quanto meno patetico. Infine, recentemente, si è vista la sua capacit di scouting quando lei è stata la prima a dare fiducia a Fausto Puglisi il quale in pochissimo tempo ha ottenuto il riconoscimento della stampa internazionale ed è stato indossato pure da madonna.

    impara qualcosa di moda prima di gestire un blog, ignorante!

    se poi vuoi dire che non ti piace come si veste ook, ma da qui a mettere in dubbio il suo lavoro o chi sia....

    un po' come dire che siccome non mi piace come si veste andrè leon talley e siccome non ho mai letto la sua rubrica su vogue us allora lui è un esaltato famoso solo per le mises eccentriche -.-"

    RispondiElimina

Condividi

Blogger Template Created by pipdig